Utente 714XXX
Buongiorno,
5giorni fa ho iniziato a portare la placca di riposizionamento cranio-mandibolare. I primi disturbi sono esorditi 5anni fa :senso di capogiro continuo, vertigini soggettive, rigidità muscolatura cervicale, fotofobia, senso di pressione nucale, testa perennemente “pesante”, ovattamento auricolare, che peggiorano con gli sforzi. Per 5anni mi sono portata dietro per ora una diagnosi dubbia di sindrome di arnold chiari 1, infatti la risonanza mostra lieve chiari 1(6-7mm), lieve impronta basilare, lieve platibasia, il flusso liquorale però sembra normale dalla rmn.
Di recente mi è stato consigliato un bravo osteopata. Questi ha evidenziato che in effetti sembra esserci sofferenza di circolazione ma causata a suo parere da un'eccessiva contrattura dei muscoli cervicali. Dalla visita ha evidenziato che c'è in effetti uno sbilanciamento mandibolare (mandibola “scivola” indietro verso sinistra), che provoca la contrattura costante di un muscoletto dietro il collo a destra e di un muscolo della schiena a sinistra (il nome mi spiace ma non lo ricordo), il blocco delle anche/sacro. È stato sufficiente un piccolo spessore sotto i denti a destra che subito il muscolo dietro il collo non faceva quasi più male a toccarlo. Mi ha consigliato un'odontoiatra con cui collabora, specialista in disfunzioni dell'ATM. Questa mi ha fatto 3impronte di cera. Con queste sono tornata dall'osteopata, che ha valutato quale fosse la migliore. Né io né lui avevamo dubbi quando l'ho provata, perchè rilassava proprio tanto e piacevolmente la muscolatura cervicale. Quindi mi hanno costruito il byte (inferiore) seguendo quell'impronta. 5gg fa sono andata a fare il primo adattamento e ha provato a limarlo finchè non sembrava “calzare” bene sui denti e finchè la chiusura della bocca non era a posto...mi ha detto di provarlo solo poche ore al giorno per ora...però non capisco perchè non sembra che rilassi così tanto come le impronte che avevo provato dall'osteopata. Inoltre è come se la mandibola fa un po' fatica a rimanere ferma nella nuova posizione.
Eventualmente dopo quanto tempo si possono apprezzare i primi eventuali miglioramenti?

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Purtroppo ben difficile risponderle in quanto la situazione nel suo caso e abbastanza cronicizzata e sicuramente richiedera' parecchio tempo di terapia. Intanto lo sta portando poche ore per adattarsi progressivamente e solo quando lo portera' a tempo pieno come prescrittole potra' avere i primi benefici. E' normale che trovi la posizione un po' difficile da mantenere e per questo che lo deve progressivamente indossare piu' ore . Deve pazientare perche' queste sono cure particolarmente lunghe che richiedono notevole collaborazione tra curanti e pazienti. Sarei comunque ottimista in virtu' del fatto che comunque una posizione di relativo benessere sia gia' stata individuata. Cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Utente 714XXX

Difatti l'osteopata mi ha detto che dovrò portarlo almeno 6 mesi giorno e notte. Per esser paziente sono moooolto paziente perchè ho fatto anche mesi in cui stavo talmente male da non uscire mai di casa da sola, in cui solo 10min di macchina mi davano fastidio ad ogni minimo sbalzo o frenata, in cui ero talmente debole che spesso mentre mangiavo dovevo sdraiarmi perchè mi accelerava il battito...per cui sono abituata ben a peggio:)!Devo solo abituare la deglutizione e la posizione della lingua quando parlo, perchè per ora in certi momenti si sente proprio la classica "parlata sbrodolata" di chi ha l'apparecchio. Solo pensavo che avendo sentito subito beneficio anche solo con l'impronta di cera lo stesso fosse con il byte finale!Invocherò ancora la Sig.Pazienza!
Grazie per la risposta!

[#3] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Penso che comunque visto i grandi disagi di cui soffre la percezione del miglioramento anche minimo avra' grande influenza anche psicologica sul suo stato d'animo. Ed anche questo e' importante
Cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#4] dopo  
Utente 714XXX

Si difatti sarebbe già un bel passo avanti, soprattutto se si riuscisse a identificare l'esatta origine del problema e a poter "controllare" i disturbi, in modo da prevenire i peggioramenti "invalidanti".
Grazie ancora!

[#5] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Esercizi di stretching mandibolare potrebbero aiutare.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum