Utente 436XXX

Buongiorno. Circa tre mesi fa mi sono sottoposta ad un trattamento di riallineamento dell'atlante in svizzera per un problema di cefalea cronica e di dolore alle cervicali. Il trattamento è stato particolarmente intenso e fastidioso in quanto consistente in manipolazioni eseguite lungo la schiena ed in sede di vertebre cervicali mediante l'utilizzo di un apparecchio elettrico che eseguiva pressioni profonde nelle zone del corpo sopra descritte. La sera stessa mi sono comparsi un acufene nell'orecchio sinistro ed un ronzio di basso tono con sensazione di ovattamento nell'orecchio destro. Mi sono sottoposta a visita presso otorino che ha eseguito esame audiometrico ed esame impedenzometrico risultati entrambi nella norma; ha riscontrato solo "scrosci ATM soprattutto a destra". Aggiungo che fino a poco tempo fa avvertivo quotidianamente dolori auricolari a destra e ad oggi continuo ad avvertire tensione mandibolare. Dietro suggerimento del medico specialista, ho eseguito tre sedute presso un osteopata che ha operato principalmente in sede di ATM, ma non ho avuto alcun beneficio; lo stesso specialista mi ha anche consigliato una "valutazione ortodontica per occlusione dentale ed eventuale bite". Volevo sapere se concordate con la terapia prescrittami. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008

Gentile Paziente, concordo con il suggerimento dell'Osteopata.
Infatti, sia in funzioni normali (deglutizione, masticazione) che patologiche (digrignamento, serramento) la mandibola, trascinata dai muscoli elevatori, ha la tendenza ad avvicinarsi alla mascella facendo perno sul condilo e fermandosi solo quando le arcate dentarie antagoniste entrano in contatto fra loro. Ma se questo contatto avviene per qualunque ragione (scheletrica, dentale, iatrogena, ecc.) in una posizione scorretta (morso profondo, deviato, retruso) ecco che, per un periodo di ore/giorno incredibilmente alto, indipendentemente dalla volontà o dallo stato di sonno o veglia, i muscoli masticatori risultano contratti, e predispongono all'insorgenza della cefalea.
Su una situazione strutturale predisposta o già compromesso giocano un ruolo importantissimo le condizioni psicofisiche del paziente : qualunque causa di stress (non solo psichico, ma anche ormonale legato al ciclo, termico legato al clima, alimentare, ecc.) oltre ad abbassare la soglia del dolore, trova nella bocca un organo bersaglio particolarmente recettivo: nello stress si stringono le mascelle e si bruxa di più , per cui qualunque problema che può trovare nella bocca una sua causa, dallo stress viene enfatizzato.
La presenza di "scrosci ATM soprattutto a destra" è segno di una incoordinazione condilo-meniscale: il disco (o menisco) che si interpone fra il condilo mandibolare e la fossa nella quale si muove , in chiusura non segue il tragitto del condilo ma rimane dislocato in avanti. Aprendo la bocca il condilo ricattura il menisco e genera il rumore di click.

Le rinforzo quinti il consiglio di consultare anche un dentista esperto in problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) : non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità.
Le suggerirei anche di dare un'occhiata, agli articoli linkati : forse potràà riconoscervi qualche somiglianza con il suo caso.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/934/La-cefalea-che-viene-dalla-bocca

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Non è una "valutazione ortodontica" quella di cui lei necessita, ma una "valutazione gnatologica".

Ortodonzia significa (schematicamente) mettere l'apparecchio per spostare i denti, gnatologia significa far funzionare meglio la bocca.

Ma per far funzionare meglio la bocca NON BISOGNA fare ortodonzia, non almeno in prima battuta.

PRIMA si fanno cessare i sintomi e i dolori con opportuna terapia gnatologica (probabilmente bite), POI si possono spostare eventualmente i denti per migliorare l'occlusione.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#3] dopo  
Utente 436XXX

Vi ringrazio per la risposta.