Utente 122XXX
Buon giorno dottori,
vi espongo il mio caso, verso aprile ho iniziato a frequentare un ragazzo ci siamo visti per un po' di giorni una sera mi stava baciando dopo un po' ha perso del sangue dal naso che è caduto sulla mia guancia, non so quanto fosse perchè io non mi ero accorta e lui mi ha pulito subito. Questo è avvenuto l'8 maggio, in quel momento io non mi sono preoccupata. Il 15 giugno faccio delle analisi tra cui hiv-1 e hiv-2 risultate negative. Nel frattempo ho continuato a frequeantare questa persona abbiamo avuto più o meno 4 o 5 rapporti vaginali tutti protetti dal preservativo, lui mi ha anche praticato del sesso orale ma io non a lui. L'ultimo rapporto è stato il 19 luglio, il 28 agosto ci siamo rivisti e ci siamo baciati con dei baci profondi.
Ora le mie domande, so che il test per l'hiv va effettuato dopo 3 mesi ma se io lo facessi nei prossimi giorni a distanza di 42 giorni dall'ultimo rapporto e circa 3 mesi dal primo di cui non ricordo la data potrebbe essere attendibile?
Inoltre questo ragazzo da un mesetto ha l'alopecia sulla barba ha preso appuntamento dal dermatologo ma non ci è ancora andato, questo potrebbe essere un sintomo?
Se lui volesse fare come io mi auguro un test l'alopecia interferirebbe sui risultati?

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

il contagio da HIV avviene tramite rapporto sessuale non protetto da profilattico, con rischio maggiore per i rapporti anali.
I baci solitamente non sono una fonte di contagio.
Anche la contaminazione della sua guancia da parte del sangue del naso dello ragazzo non costituisce un problema.
Escluderei che l'alopecia sulla barba possa essere legato ad un sospetto contagio da HIV.
Il test sull'alopecia non interferisce nei risultati del test per l'HIV.

In ogni caso, il test per l'HIV va fatta dopo 30-40 giorni da un rapporto a rischio e ripetuto, se negativo, a 90 giorni.
Per tutta tranquillità, sarebbe meglio che lo faceste contemporaneamente lei ed il suo ragazzo.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 122XXX

Gentile dottore,
il ragazzo mi ha appena confessato di averne effettuati 2 nell'ultimo anno eseguiti uno un anno fa circa e l'altro 5 o 6 mesi dopo perchè aveva avuto contatti con un amico definito particolare ma non so di che genere. Ha detto che erano tutti e 2 negativi.
Io ho effettuato uno a giugno per un controllo di routine negativo.
L'altro giorno ho eseguito un test presso il reparto di malattie infettive di un policlinico al 43esimo giorno dopo l'ultimo rapporto il test ricerca solo l'anticorpo con metodologia CMIA esito negativo. Il medico sostiene che debba farlo solo a uno a 6 mesi e non a 100 giorni e non mi spiego il motivo. La prego mi aiuti ad avere un po' di chiarezza.

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

è corretto avere eseguito il testo al 43° giorno dopo l'ultimo rapporto.

Per maggiore tranquillità, siccome c'è il cosiddetto periodo-finestra, ovvero un periodo di latenza in il virus, se presente, può non essere identificabile, è consigliabile un secondo test a 90 giorni.

Un ulteriore terzo test a 180 giorni è consigliato se si ha avuto un rapporto sessuale con un soggetto sicuramente sieropositivo o altamente sospetto per sieropositività.

Cordiali saluti.

Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#4] dopo  
Utente 122XXX

Mi scusi e spero che comprenda la mia insistenza, ma un test a 43 (anti-hiv CMIA)giorni che margine di certezza fornisce?
sono terrorizzata
La ringrazio

[#5] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
un margine di certezza del 97%

stia tranquilla

Cordiali saluti

Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#6] dopo  
Utente 122XXX

La ringrazio dottore,
spero di riuscire a trovare la forza per affrontare questi giorni e che tutto si risolva nel migliore dei modi.

[#7] dopo  
Utente 122XXX

Mi perdoni dottore se sono di nuovo qui, ma mi è sorto un dubbio che spero lei mi possa risolvere.
Quando ho effettuato il test presso il policlinico mi hanno fatto un test anti-hiv con metodo cmia. Ho chiesto al medico se è stata ricercata la P24 ma mi ha detto di no e che non è necessaria questa ricerca e che viene effettuata solo dopo un'eventuale positività al primo. Io ora sono confusa perchè da più parti ho letto che il primo test dovrebbe ricercare anche la p24...!
l'attendibilità del test è sempre la stessa?
le sarei davvero grata se mi rispondesse!

[#8] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente

stia tranquilla, l'attendibilità del test non si modifica.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#9] dopo  
Utente 122XXX

La ringrazio per la risposta chiara e tempestiva.
Cordiali saluti