Utente 386XXX
Gentili Dottori,

Sono un ragazzo di 27 anni e per motivi di lavoro mi trovo spesso a viaggiare fuori dall'Italia. Alcuni viaggi, dovendosi talvolta svolgere in Paesi "remoti", richiedono richiami di vaccinazioni, che altrimenti probabilmente non avrei fatto.
Nell'ultimo periodo, in visione di una partenza a fine gennaio, mi sono dovuto sottoporre alle seguenti vaccinazioni nei relativi giorni:

1) Richiamo antitenica/antidifterica 10 nov 2016
2) RIchiamo antitifo 7-9-11-13 dic 2016
3) V. Aninfluenzale 30 dic 2016
4) V. Antimeningococcica tetravalente 5 gen 2017

Mi manca ancora il richiamo del v. antipoliomielite e quello per l'epatite A., che conto di fare entro i prossimi 10gg.

A questo punto avrei 2 domande:

1) ci sono controindicazioni a sottoporsi a tutti questi vaccini in soli 2 mesi, sia per il sistema immunitario che a livello epatico?

2) per quanto riguarda il vaccino anti-epratite A, ho ricevuto solo una dose nel 2009. So che due dosi in sei mesi danno una copertuna di almeno dieci anni. Ma nel mio caso (dose singola) devo considerarlo scaduto oppure no?

Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli

24% attività
4% attualità
8% socialità
CINISELLO BALSAMO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2012
Per gli adulti sani e che non hanno allergie ai componenti dei vaccini non ci sono controindicazioni particolari alla somministrazione in brevi periodi, purchè, come nel suo caso, i vaccini siano compatibili tra loro.
Il vaccino dell'epatite A conferisce un'immunità attiva contro il virus dell'epatite A (HAV) e induce la produzione di anticorpi specifici anti-HAV. La sieroconversione si può osservare nel 95% dei soggetti immunocompetenti vaccinati con una sola dose e nel 99% dei soggetti che hanno ricevuto una seconda dose 15-30 giorni dopo la prima. Le prime due dosi conferiscono immunità per circa un anno, mentre una dose di richiamo, somministrata dopo 6-12 mesi, assicura una protezione dal virus per circa 10 anni.
Lo stato di immunità si può accertare mediante un esame del sangue che ricerca gli anticorpi specifici anti-HAV. Sulla base di tale esame si può decidere se è necessario ripetere l'intero ciclo vaccinale di 2 dosi o fare solo un richiamo.
Se non vuole fare l'esame, per essere sicuro di avere una piena immunità deve ripetere l'intero ciclo.
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli