Strane morse all'addome

Salve, io sono un ragazzo che ultimamente soffre da vari mesi di ansia e di tensione.


Ho fatto pure una visita approfondita dal cardiologo che mi ha detto che sono sanissimo.


Ma ultimamente ho sperimentato una cosa che non so se sia normale e se abbia a che vedere con l'ansia.


Il disturbo che che ho è quello dove praticamente quando io a volte sono seduto sul divano o coricato a letto o piegato per terra appena mi sollevo sento una pressione allo stomaco che mi fa spaventare che sembra collegarsi al battito cardiaco forse perché stomaco e cuore sono vicini, e sembra tagliare il respiro per un po'... Sembra come quando una mano preme sulla pancia diciamo, mi capita anche quando mi spremo per andare in bagno, come se sollecitassi quella zona oppure se rido a crepapelle.


Appena qualche secondo e passa tutto ma comunque non mi capita sempre solo a volte, se sono rilassato o dopo un sonnellino non avverto nemmeno l'ombra di tutto questo.


Non so se siano spasmi muscolari, dell'addome, non capisco.


Aggiungo un dettaglio forse importante, io da diversi anni soffro di una tosse stizzosa che è molto presente al mattino e ogni tanto nella giornata, spesso ho sensazioni di acido in gola e da lì ho pensato che ho del reflusso gastroesofageo e la dottoressa mi ha consigliato da una settimana di prendere il Pantoprazolo e devo dire che un po' sta scemando la tosse, la mia domanda è questa: possibile che questa tosse per anni violenta mi abbia infiammato qualche cosa nello stomaco o nell'addome?

e quindi è sensibile ormai tipo che ci sia una specie di infiammazione?

Sperando che se fosse così si ripristina da sola usando il Pantoprazolo ed eliminando la tossetta violenta.

Aggiungo che da un annetto sono super sedentario e non esco mai, magari questo ha influito non so più nulla.

Mi dica cosa ne pensa di questa situazione... Grazie dottore!
[#1]
Dr. Claudio Bosoni Allergologo, Medico di base 3,6k 195
La sua malattia si chiama "reflusso gastro-esofageo" ed è dovuta ad una risalita dell' acido cloridrico dallo stomaco, anche fino in laringe, e ciò irrita e prova tosse continua. Questo reflusso avviene quando si è in particolari posizioni: disteso, accovacciato, nello sforzo defecatorio, cioè quando viene compresso l' addome. Il Pantoprazolo va benissimo, però aggiungerei un procinetico e un leggero ansiolitico. La terapia dovrebbe durare non meno di 6 mesi.

Dr. Claudio Bosoni

[#2]
dopo
Utente
Utente
Dottore io con Pantoprazolo ho notato miglioramento netto della tosse mattutina e in generale durante il corso della giornata. Ma non ho capito cosa c'entra il reflusso gastrico con il problema che le ho descritto, e cioè di queste pressioni all'addome quando sollecito la zona defecando oppure ridendo a crepapelle, oppure a volte alzandomi da un divano. Io sono preoccupato tantissimo perché queste pressioni sembrano tagliare il respiro tipo. Mi faccia chiarezza, grazie.
[#3]
dopo
Utente
Utente
Queste pressioni sembrano essere causate da una infiammazione alla muscolatura addominale, e io ho pensato come le ho detto, che la tosse di anni continua mi abbia sforzato e danneggiato. Ma ovviamente non sono medico e posso sbagliarmi, attendo la sua risposta dottore, grazie.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Aggiungo che questa sensazione di pressione all'addome la sento a volte se tipo mi piego a terra per prendere una cosa o fare altro, appena mi rialzo sento questa sensazione, insomma tutte le volte che viene sollecitata la zona.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Dottore poco fa ho pensato che magari possa essere diaframma infiammato, per la tosse che mi ha disintegrato per anni, tutte le sto pensando. Anche perché il diaframma agisce nello sforzo della defecazione e anche nella tosse. Mi dica lei.... Legga tutto e mi aiuti .
[#6]
dopo
Utente
Utente
Ho parlato con mio zio medico e dice che sia una ernia iatale bella e buona in base ai sintomi descritti anche a lei, lei cosa pensa? Potrebbe essere?

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test