Utente 123XXX
Salve!
Sono una ragazza di 23 anni e da un 2 anni circa soffro di irrigidimento dei muscoli del collo (come se avessi dei mattoni), dolore alle mandibole e mal di testa che arriva come una specie di collegamento dei nervi dal collo.
Non riesco a stare seduta ne davanti al pc perchè divento matta per il dolore che accumulo. Per guardare i miei piedi stando a schiena dritta non riesco ad abbassare la testa, come se fosse bloccata.
Ho fatto tanti controlli, tra cui la risonanza magnetica ed è spuntato che non ho niente neanche una minima cervicale.
Sono andata dal dentista per il problema alle mandibole e mi disse che forse il mio problema è il digrignare i denti quando dormo. Mi disse di provare a masticare chewingum per 3 volte al dì e prima di andare a dormire in modo da rallentare il mio digrignamento. Non ha funzionato.
Vado attualmente da un osteopata e mi disse che sono bloccata in varie parti del corpo, soprattutto collo, fegato, ovaie e mandibole.
Con le manipolazioni una settimana reggo, ma successivamente è come se non avessi concluso un bel niente.
Io volevo un vostro consulto; cosa potrà mai essere questo dolore al collo? Perchè non posso stare ne seduta, ne sdraiata ne in piedi?
Perchè non trovo rimedio con nessun farmaco ne attività fisica?
Dovrò sopportarlo a vita?

In attesa di una vostra risposta, distinti saluti.

[#1]  
Dr. Cosimo Savoia

24% attività
0% attualità
12% socialità
FINO MORNASCO (CO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2003
Si tratta probabilmente di un problema posturale cronicizzato; l'osteopata non è un medico, utile per la terapia offerta che si sovrappone a molte scelte mediche con maggiori opzioni manipolative; lasciando perdere tutte le teorie che nel suo caso coinvolgono fegato e ovaie (suggestive e di interessante discussione teorica nei confronti tra diversi approcci al paziente), sicuramente è sofferente lei e non solo il suo collo, le consiglierei di cercare uno studio di fisioterapia (magari con medico) che abbia in dotazione un'apparecchiatura TECAR, vedrà che già dalle prime applicazioni avrà delle soddisfazioni ma poi dovrà sottoporsi ad un trattamento fisioterapeutico classico per la prevenzione, che sia RPG (Riprogrammazione Posturale Globale) o metodo Meziéres o altro di conoscenza del fisioterapista ma che dovrà comunque portare ad un allungamento e rinforzo delle catene muscolari posteriori principalmente ed esercizi di respirazione, ma qui per poter esprimere un parere bisognerebbe visitarla.
In sintesi cominci con la TECAR che le darà sollievo già senza farmaci e poi si affidi alla fisioterapia.
saluti
Dr. med. Cosimo SAVOIA

[#2] dopo  
Utente 123XXX

la ringrazio per la risposta. Io avevo già pensato di andarmi a sottoporre ad una terapia e fare esercizi posturali.
Grazie del consulto.

Saluti!