Utente 199XXX
SE UN DENTISTA mi cura delle carie ai denti, le ottura, però si rivela che queste otturazioni sono infiltrate nel senso che sotto l'otturazione c'è ancora della carie, posso chiedere i danni al dentista perchè devo rifare le otturazioni?
Mi spiego meglio: 1 anno e mezzo fa e poi circa 7 mesi fa, feci curare delle carie da un dentista. Lì per lì sembrava tutto ok anche se notai subito che questo dentista aveva operato NON in ambiente asciutto, cioè senza aspirare la saliva mentre operava (ed io so che bisogna farlo, non so bene perchè, ma so che bisogna farlo), però poi con il passare del tempo avevo sempre di più la sensazione che ci fosse una qualche cosa tra il dente sano e l'otturazione. Poi un giorno me ne salta una terza che mi aveva curato sempre questo dentista, ma che era davvero molto piccola. Vado dunque dal dentista e gli dico: 1) che avevo le otturazioni curatemi 7 mesi fa ma soprattutto quella di 1,5 anni fa, dove avevo la sensazione di qualcosa di interposto e sensazione di sporco tra dente ed otturazione; 2) gli faccio presente che non aveva operato in ambiente asciutto e che probabilmente la terza piccola otturazione era saltata per questo. Il dentista mi risponde che probabilmente ero io che digrignavo i denti la notte, etc etc..discolpandosi di tutto. Ed a me non sembra proprio che io digrigni i denti la notte! Passato diverso tempo inizio ad avere fastidi ad un dente dove questo dentista mi aveva fatto l'otturazione, quella fatta un anno e mezzo fa e dove si accumulava anche molto sporco in quanto a mio parere il dentista non aveva ricreato bene il punto di contatto. Addirittura il filo interdentale puzza di marcio quando usce da lì ed anche molto! Dopo, dato che dovevo estrarre i denti del giudizio, feci un'orto-panoramica e dopo un pò, andando da un altro medico, al quale riferii il problema del filo interdentale ed al quale faccio vedere la radiografia orto-panoramica, mi viene detto che dove aveva curato il precedente dentista ci sono delle carie infiltrate cioè che le carie non erano state pulite bene prima di procedere con l'otturazione. Infatti si vede il bianco dell'otturazione, il dente e poi del nero tra questi... Ora io devo rifare le otturazioni e spendere altri soldi. E' POSSIBILE DUNQUE CHIEDERE IL RISARCIMENTO DANNI AL PRECEDENTE DENTISTA PERCHE' CREDO INOLTRE CHE IN UN ANNO E MEZZO ED IN 7 MESI L'ALTRA, LE CARIE SI SIANO ANCORA PIU' APPROFONDITE E TEMO DI MOLTO? Grazie in anticipo per la risposta

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

la questione è semplice: si consulti con un altro dentista; se questi ritiene che il precedente dentista non le abbia fatto delle corrette otturazioni per una incompleta pulizia delle carie, si faccia fare un parere scritto (in quanto le parole volano);
in tal caso avrebbe diritto di farsi rimborsare la spesa sostenuta.

la colpa medica in breve
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=11

Cordiali saluti
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente, sono molto perplesso dalla sua richiesta.

Una richiesta di "danni" effettuata tramite vie legali deve essere proporzionata all'eventuale danno subito.
Tenga conto infatti che un giudizio legale ha dei costi che sono DECISAMENTE SUPERIORI all'effettivo danno subito.

Non mi sembra questa la strada percorribile, nel suo interesse: rischierebbe, in carenza di documentazione inoppugnabile comprovante il danno subito (è a carico suo l'onere della prova), di perdere la causa, dovendo pagare avvocato, medico legale sue e della controparte, unitamente alle spese di giudizio.

Tenga conto inoltre che alcune delle sue affermazioni sono errate, in particolare:


1)
"questo dentista aveva operato NON in ambiente asciutto, cioè senza aspirare la saliva mentre operava (ed io so che bisogna farlo, non so bene perchè, ma so che bisogna farlo)".

Aspirare la saliva mentre si opera NON SIGNIFICA lavorare in campo asciutto.
Si può lavorare in campo asciutto SENZA asperare la saliva, come lavorare in campo umido aspirando la saliva.
Le sue fonti di informazioni al riguardo erano decisamente ignoranti sull'argomento.


2)
"Ed a me non sembra proprio che io digrigni i denti la notte"
Lei non lo può sapere.

Ci sono degli esami appositi per questo, e la maggior parte dei digrignatori ne è inconsapevole.


3)
"feci un'orto-panoramica e dopo un pò, andando da un altro medico (...) mi viene detto che dove aveva curato il precedente dentista ci sono delle carie infiltrate cioè che le carie non erano state pulite bene prima di procedere con l'otturazione. Infatti si vede il bianco dell'otturazione, il dente e poi del nero tra questi..."

Nessun dentista può dire, SULLA BASE DELLA PANORAMICA, che c'è la carie perchè il precedente dentista non aveva pulito bene.
Se la faccia scrivere, questa affermazione!
Non significa che non possa essere vero, ma solo che non si può saperlo con una panoramica.
Fra il bianco dell'otturazione e il dente, c'è quasi sempre un orletto nero, IN ASSENZA di carie!
Si tratta per lo più di un semplice artefatto ottico legato ai mezzi di sviluppo della pellicola radiografica, o degli algoritmi di rinforzo dell'immagine digitale.
Ma può, naturalmente, essere anche una carie.
Anche un bravo dentista spesso non è in grado di distinguere fra le due situazioni.



In conclusione, il mio suggerimento è quello di cercare di risolvere bonariamente la questione con il suo dentista facendosi restituire le 100-150 euro ad otturazione che lei ha pagato, per quelle che "sono venute via".

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)