Compressione del nervo ulnare

Buonasera. Sono un ragazzo di 27 anni alle prese con una compressione del nervo ulnare di vecchia data (qualche anno). La compressione è a livello del gomito, dove si registra una conduzione di 40 m/sec rispetto ai 70 del polso (emg risalente ad un paio di mesi fa). A seguito di un consulto telefonico, ma senza al momento visita diretta, ho avuto conferma del fatto che il gomito deve essere operato. Detto questo in questi anni devo dire che, dalla comparsa dei sintomi (parestesie e dolori ma solitamente di entità sopportabile), il gomito non sembra essere mai ne peggiorato ne migliorato in maniera significativa. Per dirla in parole povere, a livello di sensazione, mi è sempre sembrato di percepire una sorta di "stabilità" della situazione per così dire. Premesso questo, facendo presente che in passato il mio problema al gomito fù scambiato per due volte dallo stesso fisiatra per un problema tendineo e precisando che in questi anni ho praticato/pratico basket, karate e palestra, vorrei porvi alcune domande:

1) Come mai in vari anni non ho mai notato significativi mutamenti della situazione?

2) é possibile decidere per l'intervento basandosi sul solo dato di conduzione del gomito dato dall'emg senza visita diretta? Chiedo questo ma precisando che reputo il medico chirurgo a cui mi sono rivolto un professionista serio.

Vi ringrazio per l'attenzione e vi porgo anticipati auguri di buona pasqua.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

la stazionarietà clinica del Suo problema potrebbe dipendere dal fatto che la compressione, tutto sommato, non è importante e quindi la sintomatologia è stabile e di media entità.
Per quanto riguarda l'esame elettromiografico, è importante sapere le velocità di conduzione, un chirurgo esperto intuisce l'entità del danno. Certamente prima di decidere definitivamente per l'intervento una visita diretta sarebbe davvero consigliabile ma vedrà che la richiederà il chirurgo stesso.

Cordiali saluti ed auguri

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Prima di tutto la ringrazio per la cortese attenzione.

Come già detto precedentemente la velocità di conduzione è di 40 m/sec al gomito rispetto ai 70 m/sec al polso.
A seguito di un consulto diretto, pur non presentando sintomi di grossa entità, mi è stato consigliato l'intervento.
Lei, nonostante le ovvie limitazioni di diagnosi a distanza, con la suddettà conduzione del nervo e senza grossi sintomi consiglierebbe la stessa cosa?
L'operazione che mi è stata proposta è quella di decompressione del nervo, preferita dal chirurgo a quella di trasposizione. Cosa ne pensa?

Mi scusi per le molte domande ma sono un pò "fifone" su certe cose... :)

La ringrazio ancora per l'attenzione.
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

le domande che pone sono di pertinenza del chirurgo, pertanto sposto il consulto in Neurochirurgia.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Resto in attesa di una risposta da parte di un chirurgo allora.

La ringrazio dottore.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Mi scuso per i due interventi consecutivi, ma volevo aggiungere una domanda alle altre due sopra esposte alla vostra attenzione:

Non ho alcun deficit di mobilità o di altro tipo ma la compressione, a quanto sembra, risale ad 8 anni fa ed è sempre rimasta costante senza particolari peggioramenti o miglioramenti. Ciò comporta qualcosa?
Premetto che ne il chirurgo ne il fisioterapista sembrano aver dato particolare peso a questo fatto ma, avendo un pò di ansia dovuta all'operazione del prossimo mese, ho pensato di porre qui tale domanda.

Vi ringrazio ancora per la vostra disponibilità.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno. Avrei ancora una domanda da porvi e ne approfitto della vostra disponibilità.

La compressione del nervo ulnare potrebbe essere anche la causa di alcuni piccoli dolori a livello della spalla (deltoide anteriore in un punto abbastanza preciso)? Ho pensato che, a causa del nervo compresso, i muscoli del braccio potrebbero lavorare in maniera leggermente differente (per magari compensare i fastidi/dolori a gomito ed avanbraccio) e conseguentemente portare qualche lieve dolore alla spalla. é un ipotesi plausibile?

Cordiali saluti.
[#7]
dopo
Utente
Utente
Buonasera. Non vorrei sembrare oppressivo ma sono in attesa di un consulto nella sezione di neurochirurgia da più di una settimana, non c'è nessuno in grado di rispondere alle mie domande?

Vorrei precisare che la mia non è una lamentela, apprezzo quello che fate e il servizio che offrite agli utenti di questo sito, ma solamente una richiesta di consulto.

Colgo l'occasione per rinnovare i ringraziamenti per il lavoro svolto da tutti voi.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa