Posizione bassa delle tonsille cerebellari

Gentili dottori,
Sono un studente universitario di 20 anni che non ha mai avuto problemi di salute degni di nota, normo peso e sportivo. A fine novembre del 2018 ho iniziato a soffrire di un lieve mal di testa, non pulsante, che sorgeva nel tardo pomeriggio accompagnato da un offuscamento visivo. Inizialmente attribuii la causa allo stress, alla stanchezza e alla postura "da studio" ma non risolvendosi pensai potesse trattarsi di un problema visivo.

Mi rivolsi al medico di base che mi prescrisse una prima visita oculistica, che feci a metà febbraio. La quale diede esito negativo, segnalando un leggero astigmatismo considerato "normale".
La non risoluzione dei sintomi: pesantezza del capo, sensazione di testa ovattata, frequenti mal di testa, offuscamento visivo e leggero giramento di testa, una sensazione quasi di lieve stato di ebrezza e di non completa lucidità convinsero il medico a prescrivermi una prima visita neurologica. La quale diede esito negativo, tuttavia il neurologo decise di prescrivermi una risonanza magnetica encefalo (senza mezzo di contrasto).

"Esame eseguito con sequenze SE e TSE pesata in T1 e T2 e sequenza FLAIR, mediante sezioni sagittali, assiali e coronali.
le strutture della linea mediana sono in asse, il sistema ventricolare è simmetrico, di regolare ampiezza e morfologia. Non evidenti aree di alterato segnale a carico delle strutture del tronco encefalico, del cervelletto o degli emisferi cerebrali. Si segnala posizione bassa delle tonsille cerebellari che affacciano al frame magno, senza tuttavia superarlo. Regolare rappresentazione delle circonvoluzioni corticali alla convessità. I giri dell'ippocampo sono simmetrici, senza alterazioni di segnale."

Mi chiedevo se fosse possibile che questo abbassamento delle tonsille cerebellari fossero la causa di tutto ciò o se andrebbe ricercata altrove con il consulto di altri specialisti. Ho pensato anche potesse trattarsi di cervicalgia in quanto noto, soprattutto al mattino, una certa rigidità al collo e trapezio e qualche rumore nel movimento. Tendenzialmente la sera i sintomi tendono ad alleviarsi.

Ad oggi la sintomatologia è pressoché la stessa: mal di testa frequenti, sensazione di non completa lucidità e presenza, offuscamento visivo, sensazione di testa ovattata e di orecchie tappate, nausea e lieve giramento di testa.
Tali sintomi protratti per mesi mi hanno messo una situazione di ansia che probabilmente aggrava gli stessi rischiando di compromettere l'attività quotidiana, nel mio caso lo studio.
In questi mesi ho continuato a praticare sport: nuoto, sollevamento pesi, corsa i quali non sempre mi hanno dato benefici. Per esempio mi è capitato di aggravare i sintomi dopo una nuotata a stile libero.

Vi ringrazio in anticipo per la disponibilità,
Cordiali saluti
[#1]
Dr. Nicola Benedetto Neurochirurgo 402 9 2
Gentile utente, la posizione delle tonsille cerebellari non può determinare i suoi sintomi. L'abbassamento descritto è certamente modico e non comporta sintomi di sorta.

Un cordiale saluto

Dr. Nicola Benedetto
Neurochirurgia
Azienda Ospedaliera Universitaria Pisa
nicola.benedetto@gmail.com

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta. Dunque cosa mi consiglia di fare? Ritiene necessario ritornare dal neurologo per fare visionare la RM o pensa che sia da escludere un problema di tipo neurologico?
In tal caso pensa possa trattarsi di un disturbo di tipo cervicale o cos’altro?

Cordiali saluti
[#3]
dopo
Utente
Utente
Nel caso potesse essere utile aggiungo che il 10/11/18, come tutti gli anni, ho fatto la visita per praticare sport in cui vengono controllati: peso, altezza, acuità visiva, spirometria, ECG a riposo, ECG durante sforzo, ECG dopo sforzo e risulta tutto nella norma.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa