Utente 861XXX
Buonasera, ho 40 anni, donna italiana e vivo in aperta campagna, è da 20 anni soffro di mal di testa, forte, invalidante, minimo una volta al mese in fase di ciclo, quindi suppongo quando si verifica in quel frangente il motivo è molto ormonale, non prendo la pillola e il ciclo è regolare arriva ogni 24/26/28 gg, mi prende il dolore in cima alla testa (a fascia come se avessi gli occhiali in testa) per poi diramarsi sulla tempia destra e sopra l'orecchio. un dolore tremendo invalidante che poi mi si proietta allo stomaco e ho nausea.
Siccome ho avuto 4 anni fa un ulcera duodenale perforata a seguito dell Helicobacter pylori non posso prendere alcuni antinfiammatori, prendo esopral e poi neo nisidina o iniezioni LIXIDOL dai quali traggo beneficio solo dopo 2 ore a volte, a volte diminuisce e va avanti il dolore per 24 o 48 ore, comunque non scomare quasi mai prima di 12 ore, ovviamente non mangio non parlo non mi muovo, piango e mi dispero in silenzio.
I sintomi oltre al dolore forte è sonnolenza e nausea e non padronanza del mio corpo.
Traggo beneficio solo con la borsa dell'acqua calda e assumendo limonata o con massaggi.
L'altro tipo di mal di testa mi prende per altri vari motivi, se assaggio vino, assoggio, se prendo vento o umidita', se mi innervosisco...credo altrimenti ignoro il motivo perchè compare senza il ciclo.
Quel dolore l'ho sentito una 20na di volte in tutta la vita ma volevo sinceramente morire.
Inizia con dolore in cima alla testa o dal collo e si estende in tutta la testa, tutta, il sintomo è pulsazioni, a volte credo di provare un senso di Liquefazione e dolore, dolore atroce.
Ho fatto varie visite ma nessun neurologo mi chiesto di fare tac o risonanza o analisi del sangue....
Devo morire cosi?
Credetemi è una cosa veramente triste, sono mondana, single e a volte non posso progettare un fine settimana.
Un saluto caloroso a tutti Grazie

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

potrebbe prendere in considerazione una terapia preventiva (ne parli al suo neurologo). Potrebbe trattarsi di una forma di tipo emicranico associata o meno a cefalea mestruale per la quale esiste una classe di farmaci, i triptani, che spesso danno risultati brillanti. Non le sono mai stati prescritti? Non ha mai fatto una terapia di prevenzione?
Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 861XXX

Buongiorno, grazie per la risposta, non mi sono mai stati prescritti, ho fatto vaie visite l'ultima visita, presso uno specialista 2 anni fa.. da un neurologo che faceva parte del centro cefalee di Firenze, l'unica cosa che ha saputo dirmi è che si trattava di emicrania muscolo tensiva mi ha prescritto dei medicinali che potevano curare i cavalli per quanto forti, li ho presi per un mese e poi tra la sonnolenza il mal di stomaco e da nessun risultato, ho interrotto tutto. Non era la prima visita che facevo e anche le altre volte non sono riusciti a prescrivermi qualcosa che mi calmi il dolore atroce che provo quando ho mal di testa.
Ho provato maxalt e romig rapimelt.
Il primo se non prendevo subito dopo un plasil vomitavo, il secondo come prendere il nulla.
Non ho mai fatto quindi una vera e propria cura di prevenzione.
Mi scusi secondo lei quel dolore che sento e quel senso di liquefazione in tutta la testa associato a pulsazioni puo' essere cervicale?
Perchè oltre a tutto il resto ho dimenticato di scrivere che in quelle "poche volte" che mi è preso quel mal di testa atroce che prende tutta la testa, non stavo neppure bene in piedi, mi girava la testa, vertigini come avere un calo di pressione, nei giorni successivi.
Cordiali saluti e grazie ancora

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se ha dei problemi alla colonna cervicale, questi possono facilmente scatenare le crisi di cefalea che in questi casi viene detta "cervicogenica".
Il maxalt e lo zomig rapimelt sono triptani, quei farmaci di cui Le parlavo. Vedo però che non ha mai fatto una terapia preventiva, pertanto Le consiglio un'ulteriore visita neurologica (sperando che sia l'ultima) per rivalutazione dei suoi problemi e per una terapia adeguata, anche di prevenzione, se possibile.
Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro