x

x

Referto definitivo rm rachide cervicale e rm cranio

Referto RM Rachide Cervicale

La giunzione bulbo-midollare ed il midollo cervico-dorsale esaminati sono normali per morfologia e caratteristiche di segnale.
A C3-C4 salienza osteofitosica postero-laterale sinistra estesa lievemente nel versante prossimale del corrispettivo forame di coniugazione.
A C4-C5 minuta focalità di tipo erniario preforaminale destra, molto ben idratata, con verosimile componente debordante oltre lo spigolo postero-inferiore di C4, che deforma lo spazio liquorale e determina modesto restringimento del versante prossimale del corrispettivo forame di coniugazione.Indispensabile correlazione clinica ed ulteriore follow-up.
A C5-C6 modesta salienza discale posteriore mediana-paramediana destra che deforma spazi liquorali.
A C6- C7 protrusione discale di ampio raggioche deforma gli spazi liquorali con minima estensione versante prossimale dei forame di coniugazione.
Disidratati tutti i dischi intersomatici a livello cervicale.
Scomparsa della fisiologica lordosi.

Referto RM Cranio

Non sono presenti aree di alterato segnale intraparenchimale sia in sede sotto che sopra tentoriale.
Il sistema ventricolare appare normale per dimensioni in relazione all'età, appaiono invece ampliati gli spazi liquorali dell'alta convessità encefalica con settoriale ampliamento in corrispondenza della regione frontale anteriore destra ove la raccolta liquorale determina debole impronta sul parenchima celebrale, che non mostra aree di alterato segnale, e rimodellamento delle strutture ossee contigue. Tale reperto appare compatibile con una cisti aracnoidea non sotto tensione per la quale appare comunque indicato ulteriore follow-up.
Minima flogosi sinusale etmoidale.

Ringrazio anticipatamente chi mi riuscirà a chiarire le idee su quanto mi è stato diagnosticato in queste due distinte risonanze magnetiche e se qualcuno può consigliarmi come dovermi muovere e se dovermi cmq preoccupare della situazione attuale.
Non nego la mia preoccupazione in quanto noto che sono presenti molti disturbi quindi vi sarei infinitamente grato se potreste indirizzarmi e chiarirmi le idee sulla mia attuale situazione.
Grazie infinite in anticipo.
[#1]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 7k 193 52
Caro paziente,
sarebbe stata una buona cosa se avesse menzionato i disturbi che la hanno condotto alla esecuzione dell 2 risonanze magnetiche. Nelle condizioni attuali, ovvero dati anamnestici e clinici pari a zero e soltanto referti delle risonanze magnetiche senza poter visionare le immagini...non potendo, pertanto, fare alcuna correlazione tra i suoi disturbi clinici, la sua obiettività neurologica con quanto descritto nei due referti...ritengo che il consiglio più corretto che mi sembra di poterle dare è quello di prendere gli esami strumentali effettuati e portarli in visione ad un neurologo esperto di diagnostica per immagini a mezzo di risonanza magnetica.
Rimanendo a disposizione,
cordialmente.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com

[#2]
dopo
Utente
Utente
Egregio Dottore,

innanzi tutto volevo ringraziarla per la sua tempestiva risposta, e mi scuso per non aver introdotto da subito i sintomi che mi hanno portato a tali esami, quindi ve li riporto adesso di seguito:

- tutto è partito quando una mattina, un paio di mesetti fa al risveglio ho accusato un senso di vertigine e sbandamento, cosa che nn mi aveva mai fatto, che si è protratto per un lungo periodo e che ogni tanto tutt'oggi questa sensazione si ripresenta, anche se devo dire la verità in maniere più lieve e saltuaria.

- ho fatto visita da otorino il qualo mi ha subito escluso la presenza di labirintiti o altre situazioni similari.

- ho effettuato quindi di seguito una visita neurologica visto che il problema persisteva, la quale dopo una visita mi ha segnato i due esami in questione.

Attualmente la mia situazione è questa: accuso dolori cervicali (cioè mi fa male il collo, me lo sento indolenzito e contratto muscolarmente) con un senso di oppressione nella parte bassa nella nuca, proprio all'attacco della rachide cervicale, e un senso di oppressione facciale nella zona sotto gli occhi (seni nasali), e all'inizio del naso che si sposta nella parte della bassa fronte e sopra gli occhi, soprattutto nella parte DX come se a volte avessi l'occhio appesantito e una sensazione di averlo più chiuso dell'altro.
Saltuariamente ma in modo raro mal di testa, nelle parti laterali con la sensazione di brivido di freddo.

Mi era stata somministrata una cura per la sinusite che sto continuando a fare perchè il mio medico curante mi ha ripetuto che l'oppressione che accuso era dovuta ad una forte sinusite.

Tengo a precisare che ho il dischetto delle immagini quindi qualora qualcuno volesse e potesse dargli un'occhiata sarei ben lieto di inviarle.

mi scuso per i termini in cui mi sono espresso per rendere l'idea dei sintomi che sto accusando ma spero e penso che saprete capirmi.

Grazie mille in anticipo.
[#3]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 7k 193 52
Caro paziente,
le riscrivo dopo aver dapprima letto i referti delle risonanze magnetiche e quindi letto il suo secondo contatto. Da questo ultimo apprendo come sia già stato visitato da un neurologo: la strada più semplice appare pertanto quella già intrapresa ovvero ritorni dal Collega che le aveva prescritto gli esami.
Solamente nel caso avesse necessità di un "secondo parere" mi vien da pensare che tra Pisa e Roma ci sono solamente circa 2 ore o poco più di treno.
Ad ogni buon conto si faccia vedere dal neurologo che la aveva già visitato.
Cordialmente.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Lei non si sente di dirmi niente???...sarò più preciso, pensa che sia una cosa preoccupante???...cmq sabato mattina andrò a far visita dalla Dott.ssa Neurologa che mi sta seguendo, di seguido le riporterò quello che mi verrà detto e così se vuole mi potrà dare il suo parere e consigliare o meno magari di decidere di rivolgermi anche per un altro parere.
Grazie infinite per il momento, dopo sabato le scriverò sicuramente sperando di nn disturbare troppo.
Grazie ancora.
[#5]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 7k 193 52
Caro paziente,
intanto bene così: mi dice che sabato mattina andrà dalla sua neurologa e questa è la cosa preliminare.
Circa: se mi sento di dirle qualcosa? Sempre con la limitazione della "consultazione a distanza" ossia senza poter visitare il paziente, direi che:
1)a livello della colonna cervicale presenta una quadro di spondilo-unco-disco-artrosi; fastidioso? doloroso? con limitazione funzionale? ma visto che il midollo spinale viene descritto integro non preoccupante;
2)a livello cranio-encefalico il radiologo descrive la presenza di una formazione cistica aracnoideo/liquorale situata tra la scatola cranica ed il cervello in regione frontale destra; non descrive le dimensioni ma dice che determina una moderata impronta sul tessuto cerebrale da un lato ed un rimodellamento delle strutture ossee continue della scatola cranica dall'altro lato; poi consiglia un follow-up ovvero un controllo a distanza di tempo. Comunque sembrerebbe una situazione tranquilla giacchè non le provoca disturbi (ma forse il mal di testa dipende da questa, o anche da questa...). Saprà la sua neurologa cosa consigliarle (magari una integrazione dell'esame con mezzo di contrasto e stabilire a quale distanza farle ripetere il controllo...).
Resto a disposizione ma comprenda i limiti che hanno le consultazioni a distanza, è un po' come parlarne al telefono; pertanto segua ciò che le verrà indicato dalla sua neurologa.
Cordialmente.