Utente 311XXX
Buona sera gentili dottori!!
Sono un uomo di 36 anni!
l' anno scorso di questi periodi in maniera del tutto improvvisa ho avuto due forti mal di testa con relativa paresi del braccio sn,della durata di qualche secondo,una decina!!credo...
il primo nel sonno,con improvviso risveglio ed il secondo mentre guardavo sdraiato la tv,
nell'ignoranza non ho dato peso ai due eventi,per caso per una visita di mio padre da un neurologo al centro neurolesi , al quale e' stata diagnosticata una demenza senile su base vascolare,domandai cosa fosse accaduto,il dottore mi disse di di fare una rm encefalo.,e cosi' feci,
questo e' il referto.
indagine eseguita con tecnica se,tse,flair ed epi mediante scansioni sagitali dipendenti da t1 t2 dalla dp.
SI documenta la presenza di alcuni millimetrici focolai lesionali iperintensi nella scansione tr lungo,disposti nella sostanza bianca sottocorticale in regione frontale nei due lati,da riferire in prima ipotesi ad aree di gliosi parenchimale.
sostanzialmente regolare la morfologia e l'intensita' del segnale del corpo calloso
normale il volume e la morfologia del sistema ventricolare.

QUESTA e' la seconda fatta dopo un anno

indagine eseguita con tecnica se,tse,flair ed epi mediante scansioni sagitali dipendenti da t1 t2 dalla dp e dalla diffusione.
REPERTI.
Sono rilevabili nella scansione a tr lungo,e ancor meglio con tecnica flair,plurimi focolai iperintensi puntiformi posti nella sostanza bianca sottocorticale,frontale nei due lati,verosimilmente gliosi da ischemia parcellare
normale il volume e la morfologia del sistema ventricolare,
regolare la rappresentazione degli spazi subaracnoidei.
nella sequenza pesate in diffusione,nessuno dei focolai documentati e' visibile con d=1000.
La mia domanda e paura e' :
faro' la fine di mio padre avendo gia' alla mia eta' questi problemi,con un radiologo amico abbiamo contato i punti di ischemie ed erano 12!!
direi tanti...
Dopo la prima rm ho fatto tutti gli esami del caso cuore, carotide,colesterolo 200,
omocisteina , pressione.ecc.tutto nella norma!!
Ora a causa di cosa ho avuto questi eventi senza sostanziali fattori di rischio,a parte mio padre??
le due risonanze dicono la stessa cosa ho sono peggiorato??
cosa devo e posso fare,a parte la cardioaspirina dieta ecc.
Ho un piccolo bambino ed ho la tremenda paura di non poterlo vedere crescere..
Sto sempre male praticamente 25 giorni su 30! giramenti di testa, confusione, formicolii -vampate- marcata sonnolenza, risvegli improvvisi con malessere intenso,offuscamento della vista dall'occhio dx non ho piu' vita!!
I miei malesseri possono dipendere dalle ischemie?? o tia!!
sicuramenete l'ansia gioca il suo ruolo ma puo' essere solo lei 20 ore al giorno??
Vedere mio padre a 69 anni praticamente assente incapace di tutto mi fa' paura,nell'arco di 1 anni e' peggiorato impressionantemente.
Potrebbe essere emicrania che porta tante lesioni??
COSA DEVO FARE E A CHI RIVOLGERMI !!
scusate la confusione ma sono in panne totale.
grazi

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la differenza tra le due RM non è possibile stabilirla senza visionare le immagini in quanto dal referto non si riesce a capire.
Certamente forti emicranie possono causare le piccole lesioni evidenziate alla RM.
Ha una diagnosi precisa del tipo di cefalea che accusa? E' seguito da un neurologo? Quante volte in un mese si presentano gli attacchi?
A livello cardiaco quali indagini sono state effettuate?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 311XXX

Buon giorno dott ferraloro!!
La ringrazio per la celere risposta!
Nel referto dell'ultima rm c'e' scritto che sostanzialmente non vi sono variazioni,tra la prima e la seconda.
in merito alla diagnosi di emicrania non ho avuto alcuna diagnosi!!
sono in attesa di diagnosi per sospetta emicrania emiplegica!
francamente attacchi non ne ho avuto piu' grazie a dio come i due forti con paresi del braccio!! ma spesso ho forti mal di testa che durano giornate e la sera quando vado a letto spesso ho attacchi atroci di sonnolenza mancanza di forza confusione acuta vampate!!!
A livello cardiaco ho fatto eco ecg e l'esame con le bollicine per vedere se vi era il forame..negativo.

Sono segiuto da un neurologo che pensa possa essere emicrania emiplegica....
E se sbagliasse????

La mia paura resta mio padre e la sua condizione!! che non vorrei fosse presto la mia, avendo anche lui plurime lesioni..anche se ben piu' grosse!!i vuoti di memoria le dimenticanze, ed i malesseri continui e persistenti....elencati nella prima rischiesta !!
Ho paura!! tutte queste lesioni 12...possono dipendere da cosa?? senza apparenti fattori di rischio??
I malesseri dipendono dalle lesioni o sono attacchi indipendenti ansia ecc...
Cosa posso fare???
devo andare in qualche centro specializzato....
vuole vedere lei le mie rm??
aspetto grazie

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

capisco la presunta diagnosi di emicrania emiplegica per quanto riguarda i due episodi descritti ma occorre fare una diagnosi di tipo per le altre frequenti cefalee, infatti considerata la loro frequenza, in base alla diagnosi, potrebbe essere possibile una terapia di prevenzione.
A livello cardiaco intendevo proprio il forame ovale pervio, comunque escluso.
Le due RM sono state interpretate senza variazioni significative.
Una gran parte della sintomatologia riferita sembrerebbe di origine ansiosa, un'eventuale psicoterapia o farmacoterapia in tal senso?
Il neurologo che La segue come è orientato?

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 311XXX

La ringrazio nuovamente per la sua celere risposta!!
in merito al sospetto di ansia...che io non nego viste le mie paure ho preso zarelis 150 per un annetto poi lasciato a causa della piu' o meno assenza di benefici....
il neurologo resta in attesa dell'esame per l'emicrania emiplegica per poi eventualmente fare qualcosa!!!

Ma il problema a parte l'eventuale ansia resta che comunque avere praticamente sintomi o malesseri giorno dopo giorno mi sembra assurdo.....sono convinto che alla base ci sia qualcosa!!!

Altro sintomo starno e' l'improvvisa durante la giornata sonnolenza acuta con malessere confusione e formicolio a braccia e viso!!
da cosa puo' dipendere tale malessere.???

Dottore lei cosa ne pensa cosa mi consiglia???

dovrei fare o cercare altrove una soluzione???

non ne posso piu'!!
Sono stato etichettato come ansioso!! per poi trovare la sorpresa della rm !!
non vorrei trovare troppo tardi qualche altra bella notizia!!
questa e' la mia paura,credo che ogni persona bene o male conosca o capisca che vi e' qualcosa che non va!!! ed io ne sono sicuro!!!

Mi dica cosa ne pensa!!!
cosa devo fare o cercare in base ai miei sintomi??

GRAZIE dottore

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è molto difficile dare un consiglio, in linea di massima faccia gli esami consigliati, poi in base all'esito si valuterà come procedere. Personalmente una terapia per l'ansia la farei se il neurologo concorda, non significa molto non avere ottenuto benefici con precedenti farmaci.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 311XXX

Buona sera dottore!!
La ringrazio per il suo consiglio!!
Le volevo chiedere considerando che il 99% degli attacchi o dei sintomi arrivano o da sdraiato o chinato in avanti!
Se era possibile considerando che non e' una mia sola considerazione ma fatti avvenuti che in determinate posizioni,sopratutto sdraiato o con la testa piegata all'insu' sempre da sdraiato ci possa essere una eventuale compressione di vasi o arteria che sia che mi porti ad avere questi bruttissimi sintomi e malesseri!!
esiste qualunque tipo di esame per vedere se cio' accade??
Le chiedo questo perke' ogni qual volta sono sdraiato SOPRATUTTO a pancia in giu' alzando la testa immediatamente e' come se tutto improvvisamente si spegnesse dalla vista all'udito che va a scomparire o tapparsi!! e mi creda questa non e' ansia!!
Per finire le volevo chiedere come mai la maggior parte dei malesseri che ho si scatenano di notte ma non solo quando dormo!! mi sveglio con il cervello in tilt mancanza di forze da non poter stare in piedi e come se mi dessero dei colpi di mazza agli arti...ma la cosa strana che mi lascia perplesso e che i sintomi sopraatutto l'astenia marcata mi resta per giorni da momento in cui arrivano le cosi' dette mazzate alle gambe o bracci che siano!! se mai fosse un attacco di ansia o panico che si voglia perche' mi porto il dolore e l'astenia per giorni??
Qualche dottore mi dice che il fatto che le mie piccole lesioni sono in regione frontale sottocorticale ecc port questi sintomi!???' li porta ohhh????
La ringrazio in anticipo per l'eventuali risposte ai miei quesiti al quale lei dara' come sempre delle risposte meticolose.

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

riterrei poco probabile, con tutti i limiti del consulto a distanza, che le minute aree gliotiche possano essere responsabili della sintomatologia riferita.
Circa l'inizio degli attacchi col movimento della testa potrebbe effettuare, qualora il neurologo che La segue sia d'accordo, un'indagine di neuroimaging a livello cervicale ed un doppler TSA.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 311XXX

Grazie dottore per le sue risposte molto precise e curate!!

le volevo chiedere dove nella sua citta (' essendo io della provincia di messina) eseguono
l'esame di neuroimaging a livello cervicale!!
e se i continui e ripeto continui ovvero giornalieri malesseri sopra elencati possono dipendere da una patologia in particolare se lei ritiene che non siano corellati con le aree di gliosi!!
questa sera in particolare come sempre accade improvvisamente ho avvertito il solito stordimento con relativo rallentamento motorio astenia agli arti confusione disurbo alla vista! occhi che bruciano ei capillari diventano rosso fuoco sembro un vampiro,la parte sn del viso con parestesia e formicolio solo la sn!
il tutto dura anche adesso che le scrivo sono ormai tante ore che continua!!
da cosa dipende??
ho pensato di avere un'attacco di tia,visti i precedenti il mio pensiero va li'!!
da quanto riferito cosa pensa lei dottore??


aspetto gentile risposta
grazie mille

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per esame di neuroimaging s'intende, in questo caso, una TC o una RM della colonna cervicale, lasci scegliere lo specialista che La segue, sempre che sia d'accordo. Forse Lei pensava che fosse un esame particolare.
Le strutture dove può essere effettuato sono diverse, a cominciare dal Centro che La segue. Anche in provincia ci sono ottime strutture sia pubbliche che private convenzionate.
Se la sintomatologia dipende dalle aree di gliosi riscontrate? Penserei di no.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 311XXX

Perdoni la mia ignoranza in materia!
pensavo fosse un esame particolare!!
ma mi perdoni,non esiste un esame specifico per rilevare eventuale compressione in determinate posizioni dei vasi o arterie??? oltre al normale esame di tc o rm cervicale.!?

Per concludere considerando che lei non creda la mia continua sintomatologia dipenda dalle gliosi, le chiedo cosa pensa in merito da cosa possano dipendere tali persistenti sintomi???
anche questa notte ed adesso continuo a sentirmi come le avevo descritto sopra!!
grazie dottore.
Lei dove riceve???

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per lo studio dei vasi esiste l'ecodoppler, l'angio-TC, l'angio-RM che sono esami diagnostici che vanno effettuati su precise indicazioni del medico curante o dello specialista.
Da cosa possano dipendere i sintomi riferiti non posso saperlo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 311XXX

Buon giorno dottore grazie per le informazioni,
resto un po' basito sulla risposta della possibile natura dei miei sintomi!!
nel senso se non ad un neurologo nel suo caso preparatissimo come lei, a chi dovrei rivolgermi per avere o cercare di avere risposte su quello che vivo giornalmente!!
ci sara' una natura,??
e sinceramente sentirsi dire non saprei!! equivale a TIENITI I TUOI SINTOMI MALESSERI percke' non saprei dove andare a cercare,e se non lo sa' lei che ha studiato..

cordialmente

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non era mia intenzione scoraggiarLa, volevo solo sottolineare che non è possibile allo stato attuale avanzare ipotesi attendibili dopo gli esami diagnostici effettuati i cui esiti non giustificherebbero la sintomatologia riferita.
Se ancora non l'ha fatto potrebbe effettuare l'ecodoppler TSA se il neurologo che La segue è d'accordo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 311XXX

Buona sera dottore spero lei capisca la natura della mia risposta che non voleva nella maniera piu' assoluta offenderla!!! anzi...

il tsa l'ho gia' effettuato e risultava lieve ispessimento intimale sulle carotidi comuni!!

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
gentile Utente,

un lieve ispessimento intimale sulle carotidi non giustifica la sintomatologia riferita.

Cordialmente

Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 311XXX

Buona sera dottore !!
le scrivo in merito all'esito della risonanza al midollo,con esito positivo!!
esame eseguito con tecnica se,tse,e gre,mediante scansioni multiplanari dipendenti dal t1,dalla dp e t2.

REPERTO.
A carico della corda midollare si rileva la presenza di alcuni microfocolai lesionali,iperintensi nelle scansioni a tr a lungo,posti nei cordoni midollari laterali di sn,a livello del soma di c3 e nei cordoni midollari anteriori di dx,a livello del soma di c4.
Non altre apprezzabili aree di alterata intensita' di segnale a carico della corda midollare.
non deformazioni focale erniaria del contorno posteriore dei dischi intersomatici.
nei limiti i diametri ossei del canale spinale.
non alterazioni delle componenti scheletriche del rachide cervicale.

CONCLUSIONI

il quadro rm non e' di univoca interpretazione e necessita di correlazione clinica specialistica e di eventuale controllo rm a distanza.

alla luce di quanto refertato,e alla luce dei miei sintomi persistenti ,le chiedo lei da neurologo cosa ne pensa sinceramente.

sclerosi multipla?? malattia autoimmune? rara?

da ignorante in materia confrontando i due referti e dell'encefalo ed ora del midollo sembra ci siano gli stessi esiti..solo che nell'encefalo ci puo' stare un esito post ischemico diciamo....
ma al midollo queste lesioni.....?????
Chiedo il suo aiuto

cordialmente

[#17] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il neuroradiologo che ha studiato accuratamente l'esame non si sbilancia definendo le alterazioni riscontrate di non univoca interpretazione.
Faccia visionare le immagini al neurologo che La segue per avere un parere diretto.
Mi pare di capire che la RM sia stata effettuata senza mezzo di contrasto, il prossimo controllo sarebbe opportuno farlo col mezzo di contrasto.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente 311XXX

Grazie dottore per la celere risposta!!
la mia domanda e' come mai o meglio cosa asserisce con di non univoca interpretazione??
praticamente rimanda al neurologo l'eventuale diagnosi!!!
come mai crede sia meglio farlo col mezzo di contrasto.??
pensa che ci sia un SERIO perke'???!!!

quanto riferito nella rm puo' avere da quanto detto correlazione con qualche patologia o quali sm, ecc
chi meglio di lei puo' darmi una risposta!!
la prego di capire il perke' delle mie domande....
mi fido delle sue risposte con profonda ammirazione.

cordialmente


[#19] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la dicitura "di non univoca interpretazione" significa che l'alterazione riscontrata non ha caratteristiche tali da potere essere interpretata in qualche modo, per es, ischemica, infiammatoria, demielinizzante, gliotica, ecc.
Col mezzo di contrasto si vede se le alterazioni riscontrate captano il mezzo stesso.
Altre valutazioni sinceramente non ne posso fare, non le ha fatte il neuroradiologo che ha studiato accuratamente le immagini, si figuri noi al buio.....
Ne parli col Suo neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#20] dopo  
Utente 311XXX

Buona sera dottore!!!!

Desideravo chiederle visti i dubbi un po' comuni!!
da cosa potrebbero dipendere i microfocolai???
un'infezione passata??
a parte la sm quale altra eventuale sindrome o malattia potrebbe provocare i focolai???
sono in panne,nessuno sa' dirmi nulla .....tutti in ferie......ed io ha farmi credo giustamente i pensieri piu' scontati,visti i miei sintomi persistenti.
la prego gentilmente di rispondere nel limite a quanto riferito.
grazie dottore.

[#21] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la natura dei microfocolai riscontrati alla RM non possono essere stabiliti a distanza ma, sinceramente, mi pare di capire nemmeno con visione diretta.
In questi casi statisticamente più frequenti sono focolai ischemici e infiammatori in senso lato. Una correlazione clinica e un controllo RM con contrasto, associati ad eventuali ulteriori indagini, potrebbero chiarire le idee.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro