x

x

Sintomi di SM?

VI PREGO DI LEGGERE ATTENTAMENTE.
PARESTESIE EMISOMA SX ED EPISODIO DI OFFUSCAMENTO VISIVO OCCHIO SX.

Gentili medici;
mi preoccupavo per un notevole calo delle funzioni erettili e testosterone basso, quando mi è capitato qualcosa di molto più brutto:
in pratica ho avuto un forte annebbiamento del campo visivo dell' occhio sinistro che è durato circa un' ora e mezza ed è stato di entità tale che non riuscivo a vedere ne da vicino e ne da lontano e non avevo dolori o lacrimazioni.
Ho provato a guardare l' occhio allo specchio e sciaqquarlo, perfino a cambiare occhiale con quello di riserva (sono miope -1.75) nella speranza che non dipendesse dall' occhio, ma niente e vedevo perfino doppio.
Siccome da molto tempo (forse più di un anno) ho parestesie, senso di muscolatura flaccida, sensazione di avere qualcosa sulla pelle tipo scossa, formicolii e senso di tensione muscolare a riposo da tutto il lato sinistro del corpo (parte occhio "colpito") con particolare interessamento della gamba, mi sono recato al PS dove perfino mi hanno chiesto se ero fidanzato e se soffrissi di disfunzione erettile.
Ho sempre avuto scarso desiderio sessuale fin dall' adolescenza , ma non una disfunzione erettile totale che mi attanaglia da anni, tuttavia non ho detto niente al neurologo del testosterone bassissimo.

Mi hanno fatto esami ematochimici, visita neurologica (negativa) e TAC senza mdc da cui non risulta niente (sintetizzando assenza di masse, emorragie, focolai, ecc.).
Mi hanno riferito la necerssità di eseguire visita neurologica e risonanza magnetica senza e con mdc.

Recato dal sostituto del medico curante (adesso in ferie) mi ha detto che con la TC si è visto che l' ipofisi non ha niente e vale ripetere però il dosaggio di LH e Testosterone perche troppo basso (forte stress o errore di laboratorio), inoltre non ci sarebbero tumori al cervello.
Però secondo lui eventuali demielinizzazioni sarebbero visibili prettamente con la risonanza e non esclude la presenza di sclerosi multipla.

Lavoro benissimo, corro molto bene e non ho dolori, ma avverto tutti i giorni solo una lieve parestesia alla guancia sx e le altre parestesie (formicolii, spasmi al polpaccio sx) non mi causano problemi di forza o capacità e devo dire che si accentuano moltissimo in situazioni di stress o insonnia (dormo molto poco causa stress lavorativo).

L' oculista mi ha detto che una perdita di vista da un occhio per un' oretta potrebbe anche essere una amaurosi vascolare e non avere a che fare con problemi neurologici dicendo che la sclerosi multipla causa neurite ottica che dura anche giorni e non un' ora, ma comunque mi consiglia anche lui visita neurologica.
Il sostituto del mio curante dice che l' associazione parestesie > disfunzione erettile > disturbi visivi è altamente correlabile a SM e sembra certo al 90% senza però avere altri dati.

Sono giorni che non dormo più a causa dell' ansia che il referto rm potrebbe dare.
Inoltre il testosterone basso è solo l' ultima determinazione, le altre andavano bene, quindi errore di laboratorio (provetta sbagliata) non è escluso.
La disfunzione erettile e una lieve incontinenza urinaria sono altri sintomi che mi stanno portando verso il terrore della SM.
A parte la severa disfunzione erettile (ho però avvertito ultimamente delle valide erezioni mattutine), la mia guancia che ha frequenti parestesie e questo episodio di disturbo visivo all' occhio sx, poi sto benissimo e mi sento in forza.
Nessun caso tra i parenti di SM.


Attendo VS considerazione, ma non mi mettete ansia, vi prego parliamone serenamente e anche se la SM oggi è meglio curabile rispetto ad anni fa, però non è certo una bella vacanza.


Grazie in anticipo
Cordiali Saluti
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 71,1k 2,2k 23
Gentile Utente,

i sintomi vanno interpretati in relazione a tanti fattori (modalità d'insorgenza, durata, entità, ecc.) e non associati ad una malattia solo per la loro presenza, pertanto vanno rivisti criticamente e con intelligenza correlati alla visita neurologica, ecco che non ha nessun valore inserire in Rete un sintomo ed attendere la diagnosi del pc, non è così che funziona.
Nel Suo caso il disturbo visivo è scarsamente correlabile ad una neurite ottica, proprio per il motivo "tempo" che ha spiegato l'oculista.
Personalmente sarei molto più cauto del collega sostituto di medicina generale che parla di 90% di probabilità.
Faccia serenamente la RM, possibilmente estesa anche al midollo spinale, e stia tranquillo.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Attivo dal 2014 al 2014
Ex utente
Grazie della Sua tempestiva e soddisfacente risposta.
Vorrei una breve risposta a queste singole domande:


1] Indipendentemente dal discorso diagnosi a distanza di cui capisco le Sue opinioni, mi potrebbe riferire se in linea generale una TAC senza mdc può rilevare la presenza di lesioni demielinizzanti tali da indurre sintomatologia, oppure come dice il medico di famiglia, solo la RMN con contrasto è valida su questo tipo di diagnosi?

2] La SM può determinare offuscamento transitorio della vista per la durata di minuti/ore e poi risolversi completamente e nettamente senza recidive nei giorni successivi a tale episodio, oppure invece può determina solo un disturbo visivo persistente per giorni?

3] Al di là dell' assenza di esami specifici per SM, i marcatori del sangue per autoimmunità (Anticorpi Antinucleo, ENA, nDNA, ecc.) se positivi possono portare all' ipotesi di SM o altre malattie autoimmuni; mentre nel caso di SM, se negativi la escludono, oppure ci può essere SM senza marcatori di autoimmunità positivi?


Secondo l' oculista, come ho già riferito, l' evento è difficile correlarlo con possibile SM, poiche questa determina neurite ottica con disturbi visivi duraturi ed il mio sarebbe un evento più correlabile ad un fenomeno vascolare transitorio o ad uno spasmo di accomodazione particolarmente persistente.
Tuttavia sempre secondo l' oculista ogni problema neurologico potrebbe potenzialmente indurre spasmi a carico dei muscoli delle strutture oculari, ma difficilmente se ci sono lesioni questo non si ripresenta a breve (minuti, ore) e ha riferito comunque la necessità di visita neurologica dicendo che anche un problema cervicale può generare parestesie e non necessariamente SM, soprattutto considerando che non ho difficoltà di movimento.


Ancora grazie
Cordialissimi Saluti
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 71,1k 2,2k 23
1. La RM encefalica e midollare è l'esame di prima scelta, la TC non sempre è attendibile in queste situazioni.

2. Le abbiamo già detto, sia io che l'oculista, che la neurite ottica persiste per un buon periodo di tempo, non minuti o qualche ora.

3. I marcatori di cui parla non sono esami che si effettuano in caso di sospetta SM in cui possono essere normali.

Per il resto concordo con quanto detto dall'oculista, prima la visita neurologica, è ovvio.

Cordialmente