Problemi con laroxyl

Buona sera dottori, circa un mese fa mi sono rivolto al centro cefalee di Modena, per un mal di testa che perdurava da piu' di 20 giorni e mi e' stata diagnosticata una cefalea muscolo tensiva. Mi e' stato prescritto il Laroxyl, inizio con 3 gocce, aumentare di 1 goccia ogni 5 giorni fino ad arrivare a 8. Il problema e' che, arrivato a 5 gocce gli effetti collaterali diventano molto intensi (nausea, sonnolenza, sensazione di pesantezza alla testa). Cosi' ho consultato di nuovo il neurologo il quale mi ha consigiato di tornare a 4 goccie per una settimana per poi aumentare di nuovo. Il problema e' che, pur essendo passando a 4 gocce, gli effetti collaterali sono continuati con la stessa intensità. Adesso sono arrivato a 8 giorni con 4 gocce ma la situazione non migliora, ho provato a contattare il neurologo ma e' in ferie. La mia domanda e' questa: qual'e' il limite per cui si possa affermare che si e' intolleranti ad un farmaco e quindi bisogna sospenderne l'assunzione? Esistono farmaci alternativi (non mi riferisco a paracetamolo o altro per il singolo attacco ma ad una cura a lungo termine)?
Mentre aspetto di riuscire a contattare il neurologo per porre queste domande, vorrei sentire anche un vostro parere.
Ringrazio per l'attenzione e porgo cordiali saluti
[#1]
Dr. Vincenzo Sidoti Neurologo 566 16 27
Credo proprio che sia intollerante al laroxyl. al mmax potrebbe riporovare partendo da una goccia ed aumentando di 1 gtt ogni 4 giorni fino a max 5 gtt (ossia 10 mg di farmaco).Al max cambierà farmaco es un miorilassante come il baclofen orale.

Dott Vincenzo Sidoti

[#2]
dopo
Utente
Utente
Intanto la ringrazio per la risposta. Prima di rivolgermi al neurologo il medico di base mi aveva prescritto Expose 50 mg, penso fosse un miorilassante come mi ha consigliato lei, pero' ho dovuto interrompere sempre a causa degli effetti collaterali (forte sonnolenza, vampate di calore, tachicardia) e comunque dovevo assumerlo solo in caso di attacco di mal di testa, non come cura a lungo termine. Non esiste altro?
Grazie

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test