Utente 252XXX
Passo a descrivere la mia situazione.
Ho 40 anni ed avevo circa 18 anni quando ho avuto le mie prime crisi, inizialmente ricorrenti e poi sporadiche che mi hanno portato a rivolgermi ad un centro specialistico per l'epilessia e presso il quale sono rimasto in cura e sotto controllo per tutti questi anni.
Iniziai all'epoca subito la cura con il Tegretol e ne assumevo tre al giorno, questo per i successivi 10 anni con controlli prima semestrali e poi annuali e con i tracciati che andavano via via migliorando.
La cura nel corso degli anni è stata gradualmente ridotta, prima due compresse e poi una per passare successivamente alla cura definitiva di mantenimento con il Tegretol CR400 due al giorno ed una al giorno negli ultimi anni.
Non ho avuto più nessuna crisi nel corso degli anni e durante l'ultimo controllo e in base al tracciato si è deciso dopo tanti anni di interrompere la terapia.
Ho convissuto con il Tegretol per gran parte della mia vita senza nessun problema e senza mai viverla come una schiavitù ma il fatto di terminare la cura è stato come un obiettivo inimmaginabile raggiunto.
Non assumo più il farmaco da circa 9 mesi e non ho avuto nessun accenno di crisi ma ho notato un'aumentata tensione a livello emotivo, ansia accentuata, sono più nervoso e sicuramente sotto stress per motivi lavorativi e questo mi porta a problemi tipo pancia gonfia e colon irritabile oppure ad attacchi di ansia quando alla sera mi corico.
Premetto che dormo poco a causa del mio lavoro perchè alle 4,30 di mattina sono in piedi ed ho ritmi piuttosto sostenuti.
La mia domada è la seguente: è possibile che l'interruzione del Tegretol dopo tanti anni(come se il mio corpo fosse abituato) abbia aumentato questo mio stato emotivo? Possibile che il farmaco aveva anche un effetto "calmante" sul mio stato emotivo dopo averlo assunto per anni?
In tal caso è ipotizzabile, dopo consulto, riprendere una sorta di terapia di mantenimento?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è certamente possibile che l'attuale sintomatologia psichica possa riconoscere come causa o come concausa la sospensione del tegretol, come è pure possibile che la condizione attuale sia indipendente dalla sospensione del farmaco e sia determinata da stress ed ansia.
Riprendere il tegretol? Dopo avere lottato per anni per la sua sospensione non mi sembra una buona idea, ne parli con uno psichiatria o uno psicologo per trovare altri rimedi al caso in questione.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 252XXX

Gentile dottore grazie per la risposta, volevo farle notare che quando mesi fa ho interrotto la terapia, l'interruzione non è stata fatta in modo graduale ma l'ho interrotta da un giorno all'altro. C'è da considerare però che in quel momento la terapia consisteva in una sola compressa di Tegretol Cr400.
Non so se la modalità sia stata giusta o sbagliata.
In ogni caso grazie per i consigli.
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sospensione della terapia in questione sarebbe dovuta avvenire gradualmente, ma ormai.....

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro