Utente 321XXX
Salve,
circa 15 giorni fa mentre ero a letto sdraiato,appena sveglio,giro la testa sul mio lato destro,avverto un forte capogiro e ho la sensazione che la stanza giri.Il giorno dopo mi sveglio senza problemi,verso le ore 12 mi rimetto nella stessa posizione del giorno prima (senza cuscino sotto la testa,chiudo gli occhi,giro la testa verso il lato dx ) avverto il secondo episodio.
Il lunedì successivo mi rivolgo ad un otorino il quale mi dice che non è labirintite. Gli episodi di capogiro in questo lasso di tempo li ho avvertiti solo quando ho riproposto la stessa posizione.
Dopo due giorni ,quindi circa 10 giorni dal primo episodio,mi rivolgo ad un primario in otorinolaringoiatra e mi dice che secondo lui "potrebbero" essere i sassolini che in quella posizione si spostano e mi consiglia di non provare ad assumere quella posizione per non scatenare la vertigine ed attendere che si assestino da soli.
Oggi dopo 14 giorni(da tre giorni bene),riprovo a mettermi nella stessa situazione(senza cuscino,supino,occhi chiusi) girando la testa a dx,avverto un forte capogiro che dura pochi secondi passando completamente appena giro la testa dall'altro lato o dritta.
Concludo dicendo che sin dal primo giorno durante la giornata non ho mai avvertito capogiri o altro se non quando proponevo io la posizione per testare il mio stato di salute..Vado in motorino e in macchina normalmente.Giro la testa anche velocemente da in piedi e non avverto nulla.Esco da un forte stress causa lavoro e se mi rilasso prima di assumere quella posizione sembra vada meglio o che la vertigine sia più dolce.
Secondo Voi,necessito di una RSM per scongiurare altro? o seguo il consiglio del primario di evitare quella posizione? o pensate
grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

se due specialisti otorino sono arrivati alla stessa conclusione seguirei il loro consiglio, cioè di evitare la posizione che scatena la vertigine. Solo se il problema dovesse persistere a lungo sarebbe indicata anche una visita neurologica ed eventuali esami diagnostici che il collega potrebbe richiedere.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 321XXX

Gent.mo,la ringrazio per la celere risposta.Per periodo lungo cosa intende?Nel senso che io se non ripropongo quella posizione forse potrei stare bene anche anni,almeno ché come capita qualche notte mentre dormo di girare la testa in quel modo ed avvertire una leggera vertigine.
Nel frattempo sto anche facendo terapia per la cervicale perché un fisiatra mi ha trovato la zona delle spalle e del collo molto irrigidita.Potrebbe essere causata da una cervicale visto che la diagnosi dei sassolini non è possibile effettuarla con esami diagnostici ma solo dala mia testimonianza del sintomo? Ultima cosa,mi consiglia qualche esame del sangue da fare ...la preoccupazione di chi scrive qui,soprattutto quando s tratta della testa,è sempre la stessa...paura di avere un brutto male.
Per leture fatte mi sembra di capire che quando le vertigini sono oggettive (caso mio),non c'è da preoccuparsi di malattie gravi.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

un elemento positivo è il sintomo scatenato solo da una posizione, questo in linea di massima indicherebbe per un problema benigno.
Se tra qualche settimana il disturbo persistesse faccia la visita neurologica. Altri esami senza una visita non sono consigliabili.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 321XXX

Grazie mille dottore! Grazie per la sua professionalità.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla, buona serata.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro