Utente
Salve,
premetto sono uno studente di medicina e sono sommerso dagli esami...Soffro di cefalea tensiva dovuta a un'ortodonzia non fatta bene con disfunzione cranio mandibolare. Io sono stato in cura con sirdalud e poi flexiban con buoni risultati...l'ultima settimana ho avuto un peggioramento forse dovuto all'umidità , ma questo peggioramento coincide più o meno con il passaggio ad expose..Volevo chiedere, sperando in una vostra celere risposta, perchè il mio neurologo è in vacanza, se expose che mi ha dato il farmacista fosse adatto alla cefalea tensiva o fosse meglio tornare a sirdalud che comunque non prendo più da 2 mesi perchè ero passato al flexiban..Se non potete dirmi cosa è meglio fare, mi potreste dire se expose da 100 mg al giorno sia adatto alla cefalea tensiva?

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'expose è un miorilassante per cui teoricamente indicato per le forme tensive con predominante componente muscolare, se non ricorre quest'ulima condizione il farmaco risulta inutile.
Ma se, come Lei scrive, il problema è causato da una disfunzione temporo-mandibolare è su questa che si deve agire rivolgendosi ad uno gnatologo, altrimenti non risolverà definitivamente il problema.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Il problema è che non riesco a risolverla. Sto portando un ortotico per risolvere da due mesi, ma fino ad adesso niente..Abbiamo ritrovato dei rialzi rimasti per 5 anni e li abbiamo tolti e secondo il mio gnatologo questi possono aver causato tutti i problemi. Lui mi ha detto di aspettare un mese per vedere i risultati...il neurologo dal canto suo ha proposto il botulino, anche se non ho idea di che effetti collaterali possa avere. Le chiedo delucidazioni a riguardo. Grazie mille

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la terapia botulinica si può proporre in casi selezionati di cefalea cronica e dopo il fallimento di altre terapie di prevenzione. Resta inteso che il problema può anche riconoscere una causa gnatologica.
Gli effetti collaterali della tossina botulinica sono rari e generalmente di breve durata, dolore al collo e debolezza muscolare.
Le consiglio anche un secondo parere neurologico presso un collega esperto in cefalee.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Grazie Dottore
Ma a livello estetico il botulino ha qualche effetto collaterale?
Si il neurologo che mi segue è esperto in cefalee. Volevo chiederle se secondo lei può essere utile fare una risonanza dell'atm per vedere se ci sono problematiche a quel livello? inoltre il mio dubbio è se l'articolazione può influenzare i nervi, può comprimere un nervo per una sua disfunzione. grazie mille

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la tossina botulinica non ha effetti negativi a livello estetico.

Una disfunzione temporo-mandibolare va diagnosticata primariamente con un'accurata visita gnatologica, sarà poi lo gnatologo a consigliare eventuali esami diagnostici.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Salve dottore, anche con un secondo bite fatto da un altro gnatologo, non ho avuto grandi benefici.. Il botox tendezialmente porta benefici o più effetti collaterali? il mio gnatologo dice che nel mio caso ci sono troppi muscoli coinvolti per poter aver beneficio, è plausibile come risposta? grazie mille

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

deve rivolgersi ad un collega che pratica la terapia botulinica che solo dopo un'accurata visita può dare questo tipo di risposta.
In linea generale quando la superficie da trattare è molto ampia si preferisce non intervenire con la tossina botulinica ma ci sono tante eccezioni, la decisione è molto individuale.
Pertanto si rivolga ad un neurologo che pratica questa terapia.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro