Utente 349XXX
Gentilissimo dottore,
mia moglie affetta da neuropatia periferica di tipo Charcot Marie Tooth, a causa dei dolori di tipo neuropatico provocati da questa patologia, assume ogni sera 2 compresse di Lyrica da 75.
Navigando in rete mi sono imbattuto in questo articolo che sostiene la notevole tossicità di questo farmaco.
Mi riferisco a quanto riportato in questo link:
http://dailyfibromyalgianews.co/clinical-research-finds-neurontin-and-lyrica-are-a-death-sentence-for-new-brain-synapses/
Avrei piacere di avere la sua opinione in merito.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Buongiorno,

tutti i farmaci sono gravati da effetti colaterali indesiderati poichè sono principi attivi (senza possibili effetti avversi vi sono solo le sostanze prive di capacità terapeutiche).

Allora nel prescrive un farmaco ci si basa sempre sulla "valutazione rischio/beneficio".

Il Lyrica (Pregabalin) è un ottimo farmaco per il dolore neuropatico e pertanto neuroperiferico così come è la neuropatia di Charcot Marie Tooth.

Naturalmente periodicamente vanno monitorizzati quelli che vengono indicati come possibili effetti tossici.
In particolare al momento la paziente manifesta sintomatologia avversa che possa lasciar pensare a tossicità?
Consideri, inoltre, come 150 mg/die sono un basso dosaggio ma è anche vero che ognuno di noi risponde in maniera differente ai farmaci somministrati.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente 349XXX

Grazie per la qualificata e puntuale risposta.
Attualmente mia moglie tollera gli effetti secondari consistenti in eccesso di ansia e di tensione.
Capisco che tutti i farmaci abbiano, purtroppo, effetti collaterali dai quali non si può prescindere e che sempre si tratta di soppesare i rischi/benefici che producono.
Quello che nella fattispecie mi preoccupa è che il farmaco di cui sopra spesso viene assunto per lunghissimi periodi o per tutta la vita e, per quanto sostenuto dall'articolo linkato, il principio attivo sarebbe così tossico da essere dichiarato, in alcuni paesi, persino illegale a causa della sua presunta pericolosità.
In tutta sincerità, mi auguravo che lei smentisse quanto sostenuto dall'articolo.
Grazie ancora per la sua gentile risposta.

[#3] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Se il disurbo arrecato supera il beficio ne parli con il suo medico.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it