Utente 441XXX
Buona sera dottori in seguito a una forte pressione alla testa che tutt' ora persiste, mi sono fatta un TC del capo tridimensionale con questo risultato: ESAME ESEGUITO SENZA SOMMINISTRAZIONE DI EV DI MDC.
NON ALTERAZIONI TOMODENSITOMETRICHE A CARATTARE FOCALE DI NATURA EMORRAGICA A CARICO DEI TESSUTO NERVOSO ENDOCRANICO ESAMINATO. SISTEMA VENTRICOLARE IN ASSE, NORMO DISTESO
NON SEGNI TC DI SINUSOPATIA. volevo chiedere dato che il sintomo persiste è il caso di fare qualche altro esame tipo una risonanza magnetica oppure se ci fosse stato qualcosa sarebbe risultato? La ringrazio tanto spero in una risposta.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
Il referto che Lei riporta è del tutto negativo, nel senso che non si evidenziano lesioni che possano essere la causa della sua cefalea. Ad ogni modo, il mio consiglio è che, se il disturbo dovesse ancora persistere, si rivolga ad un Neurologo che Le rilasci una diagnosi del tipo di cefalea e le indichi una eventuale terapia.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 441XXX

Grazie mille dottore per la sua velocissima risposta. Sono stata da 2 neurologici uno non mi ha dato nessun esito l, altro mi ha detto che sarà la cervicale.e mi ha dato una cura con voltaren e muscolir a punture. Il dolore alla testa non ce l' ho più. Ho solo un senso di pressione o movimento interno sopra le orecchie,dolore al collo e sensi di perdita di equilibrio. Ho fatti anche raggi alla cervicale con questo risultato
VERTEBRE IN ASSE, IN ATTEGGIAMENTO RIGIDO IN LATERALE CON SCOMPARSA DELLA FISIOLOGICA LORDOSI.
NOTE SPONDILOSICHE IN C5 SPAZI DISCALI CONSERVATI. ho effettuato anche un eco alle carotidi con risultato nella norma

[#3] dopo  
Utente 441XXX

Mi scusi dottore la mia paura è mesia c'è qualche vene che non pompa bene il sangue oppure non arriva ossigeno al cervello è possibile?

[#4] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Per correttezza non entro nel merito della terapia che le è stata prescritta, ma se lei riferisce di avvertire un dolore gravativo in regione occipitale (quel che lei chiama pressione sopra le orecchie) irradiato al collo, è molto verosimile che lei sia affetta da una cefalea di tipo tensivo, come d'altro canto indirettamente suggerisce la scomparsa della fisiologica lordosi cervicale.
Cordialità
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#5] dopo  
Utente 441XXX

Ma la cefalea di tipo intensivo dura molto io sono cosi da 2 settimane. Quindi non è un problema di flusso sanguigno

[#6] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
No cara Signora, non si crei paure inesistenti: non sono questi i sintomi se il sangue non arriva regolarmente al cervello. Certo, la cefalea tensiva può dura anche due settimane. La mia raccomandazione è di non abusare di antalgici. Al riguardo può dare un'occhiata ad un mio blog sull'argomento della cefalea da abuso di antalgici.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#7] dopo  
Utente 441XXX

La ringrazio dottore. Mi ha levato un brutto pensiero. Che mi faceva piangere ogni giorno. Dottore le faccio un ultima domanda e possibile che la cefalea si presenza a crampi lievi e più intensi come delle contrazioni che prendono la fronte la mandibola e le tempie tutta la testa?

[#8] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Noi diciamo in casi come quello che lei descrive "secondaria diffusione ubiquitaria" della cefalea, ossia il dolore si estende anche anche alla faccia. E' una cefalea da curare in maniera appropriata ma non è tale da doverle generare preoccupazioni.
Buona Pasqua
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#9] dopo  
Utente 441XXX

Grazie mille dottore ho letto il sul blog davvero interessante. Buona Pasqua anche a lei.

[#10] dopo  
Utente 441XXX

Salve dottore e mi scusi se la disturbo di nuovo. Ma questi sintomi che ho non mi fanno vivere per nulla bene. Ieri sera come vado a letto avverto un pulsazione strana alla tempie come delle extrasistole alla tempie che al tatto sentivo, toccandomi il polso sentivo che anche il polso aveva lo stesso battito. Poi mentre mi stavo per addormentare il mio respiro è diventato pesante e vedevo bianco. Di seguito sono subentrate tachicardia e poi mi sono addormenta tranquillamente. Dottore le chiedo secondo lei cosa devo fare devo approfondire con una risonanza magnetica oppure la TC che ho fatto basta?

[#11] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Cara Signora, premesso che sentire la pulsazione dell'arteria temporale superficiale è del tutto normale stando a letto, col capo girato di lato, ma ciò che mi appare abbastanza evidente è che Lei stia vivendo un periodo di tensione emotiva, che le causa tutta questa apprensione e questa intensa attenzione al suo corpo. Sarebbe opportuno consultare un Neurologo.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#12] dopo  
Utente 441XXX

Quindi lei dice che tutti questi sintomi sono legati ad ansia

[#13] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Con tutta franchezza ne sono proprio convinto, ma ovviamente lei dovrà affidarsi ad un Neurologo che La visiti attentamente e le suggerisca i rimedi opportuni.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#14] dopo  
Utente 441XXX

Grazie mille per il consiglio dottore e buona pasqua

[#15] dopo  
Utente 441XXX

Salve dottore e mi scusi se la scrivo di nuovo. Ho fatto una risonanza magnetica del encefalo e del tronco encefalo. Domani ho io risultato. Se risulta negativo che va tutto (speriamo bene) dove posso indagare più per i miei sintomi?

[#16] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Cara Signora, sperando che anche la RM (come credo sin d'ora) sia negativa, per trovare una soluzione al suo problema si rivolga ad un Neurologo che la visiti, la ascolti con premura e le consigli il modo migliore di affrontare il suo problema alla cui origine ritengo vi sia una congrua componente d'ansia. Comunque, mi informi pure del referto della RM.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#17] dopo  
Utente 441XXX

Gentilissimo dottore ho ritirato il referto. Con questo risultato:
Strutture della linea mediana in asse. Camera ventricolari normali per morfologia, segnale e dimensioni. Non sono evidenti alterazioni di segnale a carico del tessuto nervoso endocranici ne alterazioni della diffusività nella sequenza in Diffusione.
All' Angiò RM tecnica TOF regolari i vasi arteriosi endocranici.
Origine fetale dell' arteria celebrale posteriore direttamente dal sifone di DX da considerarsi quale variante anatomica. Questo è il risultato la ringrazio tanto

[#18] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Allora, la prima parte della mia ultima risposta ha trovato conferma: ossia la Risonanza è del tutto normale. Adesso passiamo alla seconda parte cioè metta in atto il mio consiglio: "si rivolga ad un Neurologo che la visiti, la ascolti con premura etc. etc.".
Sono contento se sono riuscito a darle un po' di serenità.
Con la più viva cordialità.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#19] dopo  
Utente 441XXX

Mi scusi ma la seconda parte è preoccupante?
Origine fetale dell' arteria celebrale posteriore direttamente dal sifone di DX da considerarsi quale variante anatomica.

[#20] dopo  
Utente 441XXX

La ringrazio tantissimo dottore lei è una persona bravissima. Buona serata e grazie di nuovo. Saluti

[#21] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Grazie per il suo gentile commento e cerchi di vivere con serenità ed armonia la sua giovane età
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#22] dopo  
Utente 441XXX

Buona sera dottore mi scusi se ho riaperti il post ma volevo dirle che in base hai dolori che avevo sono stata un neuropsichiatria dove mi ha diagnosticato un ansia generalizzata. Attacchi di panico e paura di perde il controllo di me stessa. Adesso sono il cura con paroxetina iniziata 1\4 di compressa il 10 maggio per 3 GG 1\2 compressa per 10 GG e 1 compressa intera che lo iniziata il 22 maggio per 30 GG ho avuto anche delle gocce frontal per 15 giorno che le ho finite lunedì scalando gradualmente. Volevo dirle che i dolori sono passati la paura di perdere il controllo anche. Ma l' unica cosa che mi è rimasta è la paura di non guarire mai e da ieri ho una mancanza di respiro. Dato che ho chiamato il mio neuropsichiatria per sapere se riuscirò a guarire e a eliminare le pillole, ma lui non mi da risposta volevo sapere da lei se riuscirò a guarire ho resterò per sempre cosi. La ringrazio molto e mi farebbe felice se mi dia una risposta grazie

[#23] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Mi ha fatto piacere avere sue notizie, cara signora. La sequenza degli eventi sta rispettando le mie previsioni come ben vede: RM nella norma, diagnosi di disturbo ansioso-depressivo e terapia adeguata. Lei starà bene perché non ha nulla di cui doversi preoccupare. Il suo disturbo emotivo magari potrebbe trarre maggior beneficio da qualche seduta di carattere psico-terapeutico.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#24] dopo  
Utente 441XXX

La ringrazio dottore per la sua risposta. Ma pensò di non dover dire nulla al psicoterapeuta. Vorrei levarmi queste medicine e rivivere bene.

[#25] dopo  
Utente 441XXX

Gentilissimo dottore. Mi scusi se le scrivo per la ventesima volta. E se la disturbo. Ora mai mi fido solo di lei perché per me è stato solo un trauma avere questo ansia. Infatti d domani comincio a scalare la paroxetina per poi sospenderla per sempre, non voglio avere più nulla a che fare Con i medicinali voglio vincerla da sola. Però l' unica cosa che voglio sapere i pensieri brutti che ho ad esempio ( paura di rimanere per sempre cosi e non guarire mai oppure di diventare pazza, la paura di impazzire o fare qualcosa che mi farebbe male) sono pensieri reali o è solo frutto di un pensiero finto? Spero di farcela da sola anche perché non ho mai sofferto di questa ansia quindi per me è stata una botta brutta. Spero in una risposta positiva . la ringrazio tanto cordiali saluti.

[#26] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Cara Signora,
stia tranquilla, Lei non mi disturba quanto piuttosto mi fa avvertire un sincero rincrescimento per non poterle offrire maggiore aiuto in questo Suo momento di evidente disagio psicologico. Nel contempo mi lusinga il Suo sincero apprezzamento e la fiducia che sente di nutrire per quanto Le comunico. Quel che riesco a percepire dalle Sue parole è una forte volontà di volercela fare con le Sue forze a sormontare il problema e questo, mi creda, è non solo lodevole ma rappresenta un grosso passo verso la guarigione. L'ansia non la farà impazzire, ne sia pur certa, ma Le causa una sofferenza quotidiana spostando il suo bersaglio in ogni dove. Nel Suo caso l'ansia è una reazione di allarme per pericoli che nella realtà non esistono. Le ho consigliato di avere un colloquio con un Neuropsichiatra proprio allo scopo di individuare quali fonti, molto spesso inconsce, Le possano causare situazioni conflittuali che sfociano appunto in questo tipo di reazione.
Si convinca comunque di essere un soggetto sano che riuscirà ad avere la meglio su questi "pensieri brutti".
Molto cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#27] dopo  
Utente 441XXX

Ci sono già sta da un neuropsichiatria il quale mi ha scritto queste medicine e non mi ha detto altro. Grazie mille per il suo tempo disponibile ce la farò anche senza medicine è una cosa passeggera grazie ancora e buona serata

[#28] dopo  
Utente 441XXX

Dottore mi scusi un ultima domanda. Volevo dire quando mi vengono questi pensieri ( aggiungo anche il pensiero che faccio una vita brutta ma in realtà ho un marito fantastico e figlia bellissima). Per eliminarli devo fare qualcosa nel senso fare finta di nulla oppure scendere e fare qualcosa di divertente? Grazie di nuovo cordiali saluti.

[#29] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
capisco che lei voglia minimizzare il Suo problema e che abbia deciso di curarsi col metodo "fai da te", ma a questo punto io rischierei di metterla su una falsa pista con possibili ripercussioni negative se acconsentissi alla Sua ostinata impostazione di voler ignorare il problema. Dalla prescrizione che il Collega Neurologo Le ha fatto, deduco che Le abbia diagnosticato un disturbo ansioso-depressivo che deve essere curato secondo i modi opportuni e non certamente con faciloneria oppure adottando la politica dello struzzo, come vorrebbe fare Lei. Mi consenta, carissima Utente, ma questa era una precisione doverosa che mi viene imposta dalla mia Etica professionale e dalla mia conoscenza delle problematiche connesse al Suo disturbo. Concludo, pertanto, esortandola ad affidarsi ad uno Specialista che sappia ascoltarla e che si faccia carico delle Sue esigenze e se ciò non è accaduto con il Collega cui si è rivolta, o se questi non Le ispira eccessiva fiducia, ascolti una seconda opinione rivolgendosi a qualcun altro.
Con cordialità
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it