Utente 441XXX
Gentili dottori ho 21 anni e da quando ho 12 anni sono dipendente dalla masturbazione. Ora, non volendo andare da uno psicologo, ho chiesto al mio medico di base una visita dallo psichiatra e sono in cura. (Chiedo scusa in anticipo per la descrizione che farò ora ma come vi ho detto sono un paziente dallo psichiatra quindi vi prego di avere "pazienza") Recentemente ho notato, diciamo da circa almeno 1 anno, che siccome per raggiungere l'orgasmo impiegavo anche un'ora e passa, ho dovuto impiegare delle tecniche per velocizzare la cosa. Ho piegato le ginocchia scaricando il peso sulle caviglie e trattenendo il respiro. Fin da piccolo ho sempre avuto una grande "parlantina" ma questa dopo essermi masturbato in questo modo per molto tempo irrigidendo il collo e la testa e trattenendo il respiro ho notato che è come se ora avessi difficoltà a parlare. Se studio quando ripeto faccio fatica a finire un discorso nel senso che comincio a parlare e poi mi viene spontaneo stare zitto. A volte mia madre mi dice qualcosa e subito dopo la dimentico. È come se avessi perso la carica di entusiamsmo che hanno le persone. Non è che con queste tecniche di masturbazione potrei essermi procurato uno di quegli ictus silenti asintomatici? Per esempio se dovessi mettermi a parlare sento una strana sensazione nella parte centro-posteriore della testa e sento proprio una fatica fisica e il desiderio di smettere di parlare. Aiuto per favore grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

si tranquillizzi perché non succede nulla, nessun problema vascolare cerebrale.
Queste sono paure immotivate che vanno curate mediante il ricorso allo psichiatra, come Lei ha già fatto.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro