Utente 481XXX
Buonasera dottori,
da circa 6 mesi convivo con un continuo senso di sbandamento. Premetto che da maggio ad agosto 2017, a causa di due fratture vertebrale, l3 e d12(scarsa vitamina d a seguito gravidanza), sono stata costretta ad indossare il busto c35 e per i miei spostamenti in casa utilizzavo una sedia a rotelle. tutto questo quando la mia piccolina aveva soli 2 mesi, lascio immaginare il mio senso di colpa nei suoi confronti, depressione, rabbia e la perenne paura di non tornare più a camminare e condurre una vita normale.
Superato il problema alla schiena, dopo aver abbandonato definitivamente il busto, si presentano questi fastidiosissimi sbandamenti che mi stanno dando il tormento.
ho fatto le analisi del sangue e sono nella norma
ho eseguito tac testa e collo e sono ok
ho fatto due visite ototinolaringoiatriche e sono ok
ho fatto due visite neurologiche con lo stesso dottore, uno dei migliori nella mia città, mi dice che sono ok e che si tratta di ansia
l'oculista mi dice che è tutto ok
l'ortopedico che mi ha curata esclude categorigamente che il disturbo dipenda dalle fratture vertebrali ormai sanate
il mio medico di base mi ha prescritto EN 4 gocce al giorno per 20 gg, gli sbandamenti vanno e vengono.Continuo a prenderle da mesi ma da questa infernale sensazione non mi lascia.
Non ho mai avuto nulla nella mia vita, sono sempre stata bene.. vi prego datemi una mano, la qualità della della mia vita è precipitata. un incubo senza fine

grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

con tutte le visite specialistiche e gli esami diagnostici negativi effettuati l'ipotesi ansiosa è da prendere concretamente in considerazione, anche perché già avanzata da altri specialisti.
Certamente 4 gocce di En non rappresentano la terapia migliore sia per la natura stessa del farmaco (benzodiazepina) che non risolve da solo il problema sia per il dosaggio assolutamente inadeguato a trattare, almeno sintomaticamente, il disturbo.
Il neurologo che Le ha parlato di ansia non ha prescritto nessuna terapia?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 481XXX

dr Ferrarolo, grazie per il celere riscontro.
Il neurologo mi ha consigliato ginnastica posturale, che ho saltuariamente eseguito con scarsi risultati.
Ansia o no, non posso più vivere cosi. Comprendo perfettamente che non può fornire cure online, tornerò dal mio medico chiedendo qualcosa di più mirato. Approfitto della sua disponibilità, potrebbe trattarsi di disturbi cardiaci?


grazie infinite

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

no, escludo disturbi cardiaci, non vedo nessuna correlazione.
A me sembra che una terapia farmacologica sia utile, indicata anche una visita psichiatrica qualora la terapia del medico curante dovesse essere inefficace.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro