x

x

Delirio

Salve , mio padre sta seguendo una terapia per Delirio di gelosia : lo specialista all’ultima visita ha sostituito Serenase 10 mg in tutto 15 gocce al giorno con serenase 2mg in tutto 45 gocce al giorno ha diminuito un po’ il dosaggio perché dice che ha sintomi di Parkinson però non sa se sono dovuti ai medicinali o la sua mente è più vecchia della sua età , mio padre ha 66 anni e prende oltre al serenase L amicato 50 tre al giorno poi akitenon4 3 al giorno e solo la sera tavole 2,5 e trittico 150. La cura la sta facendo da 4 mesi più o meno e volevo sapere se questi farmaci che sta assumendo da così poco tempo possono portare al Parkinson o alla demenza ? Oppure i sintomi che ha sviluppato sono legati sia ai medicinali sia al fatto che ha una mente un po’ più vecchia della sua età? Non riusciamo a vederlo in questo stato in cui sta però lo specialista sostiene che non può eliminare tutti i farmaci sennò torniamo allo stato di partenza ....qualcuno me può rispondere in merito per favore ?
[#1]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 6.5k 352 282
Egregio Utente,
la malattia di Parkinson implica lo sviluppo di sintomi psichiatrici, fra cui quello da lei citato, ossia il delirio di gelosia, è il più frequente. Tuttavia l'utilizzo dell'haloperidolo (Serenase) può causare sintomi di tipo parkinsoniano. Nel dubbio, si sospende il farmaco e si vede se si assiste ad una regressione della sintomatologia parkinsoniana. Se il paziente è innanzitutto affetto da Parkinson e questo non è iatrogeno (ossia causato dai farmaci) resta da valutare l'entità del disturbo psichico per decidere se alla terapia del Parkinson se ne devono aggiungere altri mirati al controllo dei fenomeni manifestati.
Cordialmente

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve ,
Siccome mio padre era troppo sedato abbiamo chiesto allo specialista di ridure il faramaco Serenase 2mg e gli abbiamo dato per quasi un mese solo 21 gocce al giorno ,e akineton 4 mezza compressa per tre volte al giorno e poi sempre lamictal 50 3 volte al giorno e solo la sera tavor 2,5 mg e trittico 150mg . Abbiamo notato che era più attivo nei movimenti ma mentalmente sempre come dire disconesso : non si ricorda le date ,sta sempre a letto ....... Però l'altro giorno ha di nuovo aggredito mia madre con una statuetta e ha iniziato di nuovo a parlare del fatto che mia madre lo ha tradito cioè il delirio di gelosia si è ripresentato quindi abbiamo contattato lo specialistaa che ha aumentato di nuovo il serenase da 2mg a 45 gocce al giorno e akitenon 4 ad una compressa per tre volte al giorno . Volevo sapere se dopo quest'episodio la diagnosi può essere quasi sicuramente il parkinsons ? E quanto pùo durare quaes'agressivita, diminuisce nel tempo ? E se con il Serenase possiamo tenerla sotto controllo ?
[#3]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 6.5k 352 282
Lei comprende intuitivamente che la diagnosi di malattia di Parkinson è essenzialmente clinica, per cui attraverso un consulto online io non posso che ripeterle che occorre distinguerla da una forma iatrogena. Ma questo lo può fare solamente lo specialista che tiene in cura il paziente.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Salve buonasera ,mio padre ha fatto una serie di esami e non ha un iniziamo o di Parkinson , la diagnosi dello specialista è disturbo del comportamento , dice che ha una forte depressione , la cura è rimasta invariata ossia 45 gocce di Serenase da 2mg al giorno divise in tre volte ; 3 compresse di Lamictal 50, 3di Akitenon 4mg e solo la sera trittico 150 mg e control 2,5 mg. Fin’ora non abbiamo visto nessun miglioramento delle sue condizioni lo specialista dice che ci vuole tempo è così? E poi per la depressione si usano i neurolettici ? Mi potete rispondere x favore ?
[#5]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 6.5k 352 282
Gentile Signora,
Posso solo dirle che attraverso i consulti online non è consentito esprimere pareri su terapie prescritte da altri curanti, sia per motivi di deontologia che per ovvie ragioni medico-legali.