Utente 447XXX
Gentili dottori,
sono una ragazza di 20 anni e da tanti anni ormai soffro di un fastidiosissimo tremore alle mani che mi crea un notevole disagio psicologico. Il tremore è costante (quando mangio, bevo, eseguo azioni che richiedano una certa precisione, o anche solo quando stendo le mani) e si accentua notevolmente in situazioni di stress e quando devo fare qualcosa in pubblico e/o vengo osservata.
Ammetto di essere una ragazza ansiosa, mi agito molto quando devo parlare o far qualcosa davanti ad altre persone, anche per paura che gli altri notino questo tremore; a volte è come se tremassi per paura di tremare e ciò mi fa cadere in un circolo vizioso che mi porta a tirarmi indietro in tante situazioni.
Ho effettuato due visite neurologiche da due dottori diversi. Durante la prima che risale a circa due o tre anni fa, la dottoressa ha riscontrato un piramidalismo agli arti che ancora oggi non ho ben capito cosa sia e se debba essere necessariamente legato a qualche patologia di tipo neurologico o possa, in alcuni casi, essere innocuo (sarei grata se poteste darmi delucidazioni a riguardo). La dottoressa mi ha inoltre invitata a fare una RM all'encefalo senza contrasto, il cui risultato mi è stato gentilmente letto e spiegato dal radiologo stesso che non ha riscontrato alcun problema. Tranquillizzata, non mi sono più recata dalla neurologa.
Nonostante ciò, il tremore non accennava a migliorare e, dunque, ho deciso di effettuare una seconda visita neurologica che è stata eseguita da un altro dottore, il quale non ha voluto prendere visione del cd contenente il file della risonanza eseguita l'anno prima, ma ha anzi fatto intendere che probabilmente fosse stato inutile farla. A detta sua, il mio tremore era dovuto a un qualche tipo di ansia somatizzata e dunque mi ha prescritto delle compresse a base di biancospino che avrebbero dovuto favorire il rilassamento, ma che non hanno avuto alcun risultato visibile.
Ad oggi, il tremore persiste e ciò mi ha portato ad eseguire qualche ricerca su internet grazie alle quali sono venuta a conoscenza del tremore essenziale. Non sono un dottore e non mi permetto di diagnosticarmi alcun che, ma si fa sempre più forte in me la convinzione che possa essere proprio questo, forse anche per scacciare via la paura che possa trattarsi di qualche patologia neurologica ben più seria.
Ho letto di alcune persone che hanno avuto risultati notevoli grazie all'assunzione di un farmaco omeopatico dal nome "biopax"; mi è sembrato di capire che possa essere preso in farmacia senza ricetta e volevo dargli una possibilità... voi cosa ne pensate?
Avevo già posto una domanda riguardo il mio problema, ma vi sarei grata se poteste darmi un consiglio.
Tra le altre cose, il mio sogno nel cassetto è quello di fare il medico (ho affrontato il test qualche giorno fa), più precisamente la pediatra o la neonatologa e ho paura che questo tremore possa essermi di ostacolo, tanto che sto pensando di accantonare questo mio desiderio.

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Cara ragazza,
innanzitutto mi complimento per l'esposizione chiara e doviziosa di particolari del tuo resoconto anamnestico. Cominciamo col dire che "piramidalismo", col dovuto rispetto per chi lo ha detto, non vuol dire esattamente niente, ancor più se è riferito ad una donna così giovane. In secondo luogo, il tremore essenziale può essere curato, ma non col biancospino. Poi, cara ragazza, queste sono spesso manifestazioni somatiche di stati di tensione interiore a genesi multipla, che andando avanti e prendendo maggior sicurezza, regrediscono. Se desideri fare il medico non demordere. Per come hai descritto la tua anamnesi, ti ci vedo.
In gamba
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 447XXX

Gentile Dr Colangelo,
innanzitutto la ringrazio per avermi risposto in modo così tempestivo e per i complimenti!
Mi ha molto tranquillizzata, spero che col tempo questo mio problema regredisca... Magari la chiave è non tormentarmi troppo. In caso contrario, provvederò a fare esami più approfonditi.
Per quanto riguarda l'utilizzo di farmaci omeopatici come il biopax, lei cosa ne pensa? Potrebbe essermi utile oppure costituiscono dei semplici placebo? Sono sempre stata un po' scettica a riguardo...

Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
E....fai bene ad esserlo.
Ciao e buona domenica
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 447XXX

La ringrazio ancora. Buona domenica a lei!