Utente 473XXX
Gentili dottori vi scrivo questo consulto perché ho un tormento che mi perseguita da ormai 3 anni e ultimamente sta diventando sempre più grande ma ve lo racconto dall'inizio così da farvi capire bene, mi scuso in anticipo se farò un piccolo poema ma sarà necessario per avere un minimo di storia clinica, nel 2015 ho iniziato ad avere uno sbattimento della palpebra inferiore dell'occhio sinistro e mi è continuato per circa un anno per poi sparire e ogni tanto ripresentarsi sporadicamente in questi 3 anni all'improvviso, anche nella palpebra destra e sulla zona delle sopracciglia, ma non è più fisso come prima, nel 2016 invece la cosa ha cominciato a farsi più seria, un pomeriggio mi sentii il timpano dell'orecchio sinistro che all'improvviso si chiuse, dopo qualche ora mi venne un forte acufene, un rumore intenso nell'orecchio, io ero terrorizzato perché non l'avevo mai avuto prima così per circa 3/4 ore mi perseguitò per poi smettere, quella notte di novembre 2016, poi è sempre ritornato ma molto meno intenso, ma ormai mi accompagna tutti i giorni specie la mattina quando mi alzo sento questo ronzio continuo e anche durante la giornata ma faccio presente che la sua natura è intermittente, non c'è sempre, c'è spesso, e ormai è rimasto, poi durante questi anni ho avuto ed ho tutt'oggi delle strane fitte al ginocchio sinistro, più precisamente una serie di fitte che arrivano ad intermittenza di tipo trafittivo, una fitta va poi smette poi ritorna l'altra poi se ne rivà tutto questo dura circa 10 secondi, poi ho notato che mentre penso ad una cosa dopo pochissimo me la scordo e magari me la ricordo dopo un po', possono essere due minuti, oppure un ora, dipende, altre volte sento una specie di gonfiore al dito medio di una mano, come se si gonfiasse all'improvviso e poi se ne va, ed ora ho avuto un sintomo che mi ha terrorizzato più di tutti, l'altro giorno come tanti maschietti della mia giovane età (ho 28 anni) stavo facendo una certa pratica che sicuramente avrete capito di cosa parlo, ad un certo punto durante l'apice dell'orgasmo ho sentito un dolore sulla punta del glande, non mi era mai successo prima, ho sentito che esiste l'orgasmo doloroso, così ho collegato anche questa cosa, preciso dottori che sono stato ben 3 volte da una neurologa in un ospedale conosciuto qui a Roma e la dottoressa mi ha fatto fare per 3 volte la visita con esercizi vari ed ha asserito sempre che non ho nulla ed è solo l'ansia, ora chiedo se sia possibile che io abbia questa patologia e non sia visibile dalla prima visita, e poi chiedo se nel caso ci fosse questo problema di orgasmo doloroso in un paziente con sm come si può risolvere? ormai mi vedo senza speranza.. mi immagino già con la vita rovinata senza futuro.. non so più come fare ho anche prenotato due visite con due neurologhe diverse per sentire più campane possibili ma il vostro parere lo reputo molto utile.. mi auguro di trovare qui un medico o più di uno che possa darmi un parere anche se online grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non vedo sintomi che possano fare pensare una SM.
Probabilmente il problema è ansioso, considerata anche la visita neurologica con esito negativo.
Opportuno un supporto psicologico.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 473XXX

Gentilissimo Dottor Ferraloro credo che lei sia uno dei neurologi più attivi qui perché ho visto diverse risposte anche ad altri utenti e penso sia forse il più esperto neurologo in tutto il sito ma le chiedo questo: questo maledetto acufene a sinistra perché non va via del tutto? Io so che è uno dei sintomi della sm, poi un altra cosa ho dimenticato di dire.. Quando cammino io ho la sensazione di cadere e guardò sempre in basso tanto che non so più definire se sia la patologia oppure me stesso, mentre se sono in casa con le pantofole cammino diciamo bene ma per strada mi prende subito questa cosa, e poi gentile dottor Ferraloro quel problema alla parte intima cos'è allora? La ringrazio molto spero in altre risposte a questi miei quesiti cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le cause degli acufeni sono davvero svariate, può trovarle su questo stesso sito cercando "acufeni", nella stragrande maggioranza dei casi le cause sono banali.
Riguardo l'eiaculazione dolorosa, nella stragrande maggioranza dei casi la causa è infettiva, dell'uretra o della prostata. Se questo problema dovesse persistere si rivolga ad un urologo o ad un andrologo.
Lasci perdere la SM.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 473XXX

Gentile dottor Ferraloro la ringrazio di nuovo per la sua risposta, spero sia come dice lei, riferisco solo che sento anche delle fitte diciamo dei doloretti nella parte sinistra della nuca, dietro la testa insomma e ho anche a volte problemi quando parlo nel senso che mi sbaglio con le parole a volte oppure i termini non mi vengono in mente. Scusi se gli sto facendo questo elenco ma vorrei solo che non si escludesse nulla, glielo dico perché sentendo una neurologa su internet che riceve privatamente a roma, non quella che mi ha visto 3 volte, questa è un altra e mi ha detto che ci può essere qualche patologia in atto anche se l'esame obiettivo è negativo è possibile? chiedo solo questo grazie infinite

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è teoricamente possibile che a volte una visita neurologica non rilevi eventuali patologie in fase iniziale ma nel Suo caso sono proprio i sintomi che non fanno pensare una SM.
Pensa che un neurologo se avesse avuto un sospetto non avrebbe richiesto una RM?
Le consiglio di affrontare il disturbo d'ansia rivolgendosi ad un professionista del settore.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 473XXX

Gentile dott Ferraloro sono tornato a casa stasera da poco, la voglio aggiornare anche se è passato solo un giorno, dottore ormai io sono convinto di avere la sclerosi multipla, appena esco per strada io sento di cadere mentre cammino, sento una difficoltà di deambulazione, ed è più forte di me e non mi sembra una sensazione ma una cosa reale proprio, poi per esempio mi hanno fatto una domanda e io ho risposto tutt'altro, mi sento completamente rincoglionito e non me ne rendo nemmeno conto, quando parlo parlo male sbaglio le parole oppure me le mangio senza accorgermene, penso che sono costretto a farmi la risonanza per avere la conferma di quello che sento, e avrò la conferma sicuramente, mi vedo un ragazzo senza futuro.

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se serve per tranquillizzarLa faccia la RM.
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 473XXX

dottore quindi lei pensa che io potrei averla?

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Mi pare che finora abbia detto il contrario, anche la mia ultima risposta va in tal senso.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro