Utente 486XXX
Buongiorno dottori,
Sono un ragazzo di 25 anni. Vi spiego il mio problema. Ultimamente, dagli inizia di dicembre a questa parte, mi capita di avere delle mioclonie agli arti inferiori e qualche volta, anche se di rado, a quelli superiori quando sono rilassato e in fase di addormentamento. Leggendo qua e là sono venuto a conoscenza che questi scattini/piccoli movimenti degli arti in fase di addormentamento sono abbastanza comuni. Tuttavia recentemente si verificano anche di giorno qualche volta, specialmente quando sono seduto e non sto lavorando ma facendo qualcosa di tranquillo e non faticoso, esempio giocare alla PlayStation... sempre leggendo qua e là ho letto che possono essere collegati a patologie quali SLA o sclerosi multipla! Devo dire che sono molto angosciato e impaurito da malattie come queste o affini! Tant’è vero che da fine dicembre 2014 a oggi ho effettuato 3 risonanze magnetiche all’encefalo senza mezzo di contrasto con macchina a 1,5 tesla che non hanno riscontrato nulla se non tracce di sinusite cronica, una risonanza al tratto cervicale che ha evidenziato solo una rettilinealizzazione in prossimità del tratto cervicale, una risonanza magnetica lombosacrale che ha riscontrato, in seguito a forti dolori alla schiena nel mese di novembre 2017, un’ernia al disco esplosa in L4-L5 è una protrusione in L5-S1 e una visita neurologica in data 23 dicembre 2017 presso l’ex primario di neurologia dell’ospedale della mia città che si è rivelata negativa. Sono una persona abbastanza attiva, gioco a calcio, vado in palestra e lavoro. Tuttavia sono molto preoccupato per questi scattini involontari che a tratti si presentano. Possono essere legati a patologie come la SLA? O anche la sclerosi multipla? Grazie per l’aiuto! Chiedo scusa ma sono molto preoccupato!
Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

no, gli "scattini" che riferisce non sono sintomi di SLA né di SM, non so dove lo abbia letto. Quelli che si verificano in fase di addormentamento possono essere "scosse ipnagogiche", nulla di rilevante. Quelli diurni potrebbero essere di origine ansiosa.
Starei tranquillo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 486XXX

Grazie dottore per la gentile e pronta risposta. So di essere un soggetto particolarmente ansioso e ipocondriaco. Sono passato attraverso la paura di avere tumori al cervello, pancreas, leucemie ecc... ultimamente questi scattini mi hanno fatto pensare a appunto a SLA o sclerosi multipla. Da ormai 3 anni circa sono seguito da una psichiatra e in terapia con la venlafaxina. Tuttavia faccio fatica a credere tutto ciò sia dovuto all’ansia, anche perché accade in periodi in cui sono diciamo “rilassato”.
La ringrazio per la disponibilità.
Saluti.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ne parli con la psichiatra, evidentemente la terapia non è efficace, sarebbe opportuna una sua rivalutazione.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 486XXX

Grazie dottore per le indicazioni.
Quindi secondo lei il problema è di tipo ansioso e psicologico e non pagato a patologie organiche o altre patologie precedentemente elencate quali SLA o SM?
Ringraziandola, distinti saluti.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le patologie che menziona non c'entrano nulla, stia tranquillo.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 486XXX

Buongiorno Dottore,
La ringrazio per le risposte che mi ha fornito. Le scrivo per segnalarle che ultimamente accuso anche una specie di stanchezza ad una gamba in particolare. Si tratta di una sorta di irrigidimento muscolare, come se avessi dell’acido lattico, che colpisci la parte posteriore della gamba e anche il polpaccio. Il ginocchio di questa gamba, la sinistra per la precisione, lo sento leggermente debole. Tuttavia a riesco a camminare e correre e mi sempre di farlo in maniera corretta (senza cioè strani o particolari andamenti). Ovviamente le scrivo perché sono stato subito colto e preso dal panico pensando ad una patologia come la SLA. Quello che mi ha messo paura è che io, pur avendo un’ernia al disco in L4-L5 e un bulging in L5-S1, non ho particolari dolori in zona lombare! Mentre alla gamba ho questi fastidi/dolori che le precedentemente menzionato. Secondo lei questi sintomi sono riconducibili a tale patologia?
La ringrazio per il supporto fornito!

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Possono essere riconducibili ai problemi della colonna lombosacrale. Lasci stare la SLA.

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 486XXX

Buonasera dottore,
Per mia tranquillità ho effettuato oggi una EMG agli arti inferiori. I risultati sono stati i seguenti:

Dati sensitiva
Surralis sensitiva sx (polpaccio-mall. Lat)
Lat onset 1,84ms
Amp 17,3 uV
VCS 48,9 m/s
Distanza 90,0 mm
Lat neg 2,68 ms

Surralis sensitiva dx (polpaccio-mall. Lat)
Lat onset 1,67ms
Amp 22,1 uV
VCS 53,9 m/s
Distanza 90,0 mm
Lat neg 2,66

Dati motoria
Peroneus motoria sx
Caviglia-EDB
Lat onset 3,96 ms
Amp Bas-picco 6,9 mV
Area neg 21,4 mV*ms
Durata neg 5,8 ms

Capitello fin-Caviglia
Lat onset 11,0 ms
Amp Bas-picco 6,3 mV
Diff Amp -8,7%
Area neg 20.6 mV*ms
Durata neg 5,8 ms
Distanza 320 ms
VCM 45,5 m/s

Peroneus motoria dx
Caviglia-EDB
Lat onset 4,29 ms
Amp Bas-picco 9,0 mV
Area neg 23,3 mV*ms
Durata neg 5,3 ms

Capitello fin-Caviglia
Lat onset 10,4 ms
Amp Bas-picco 8,2 mV
Diff Amp -8,9%
Area neg 22,7mV*ms
Durata neg 5,6 ms
Distanza 320 ms
VCM 52,4 m/s

Il referto successivamente mostra una tabella conclusiva sull’attività volontaria in cui sono elencati diversi muscoli e le relative prove (Amp, Dur, Poly, IP e infine Interpretazione). Le caselle presentano tutte la voce normale tranne che per due muscoli: sx gastroc caput med e sx tibials anteriore che hanno entrambi i seguenti responsi:
Amp +
Dur normal
Poly normal
IP Trans/S.O.
Interpretazione Neurogeno

Per concludere il referto dice:
Nella norma i reperti di conduzione nervosa esaminati.
RVM (reclutamento volontario massimale) ridotta ai muscoli TA e GM di sinistra.
Conclusioni:
Segni di sofferenza radicolare cronica in territorio L5-S1 di sinistra.

Secondo lei tale esame è sufficiente ad escludere patologie come SLA e affini.
La ringrazio per la disponibilità!
Saluti.

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il problema è lombare a livello della radice L5-S1 ed è perfettamente compatibile con i reperti riscontrati alla RM lombosacrale.
Ovviamente la SLA la esclude la sintomatologia, se ha fatto questo esame in tal senso, è stato un esame inutile, non c'erano le indicazioni.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 486XXX

Buongiorno dottore,
Diciamo che ho fatto l’esame per due motivi. Il primo si è per tranquillizzarmi sulla SLA dato che se ho capito bene l’EMG avrebbe evindenziato in questo caso un problema al primo o secondo motoneurone. Il secondo invece era per verificare e controllare che il problema fosse collegato all’ernia al disco.
Secondo lei, leggendo i risultati e il referto dell’EMG, si tratta di un problema molto grave? Nel senso si tratta di problema leggero o di qualcosa di abbastanza grosso e serio? Come le sembrano i risultati delle prove ottenute tramite EMG?
La ringrazio infinitamente.
Saluti.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sofferenza neurogena non sembra grave, deve comunque rivolgersi ad un neurologo anche per una correlazione clinica con i dati dell'esame.

Cordiali saluti e buona Pasqua
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 486XXX

Gentile dottore,
La ringrazio per avermi tranquillizzato e segnalato che patologie come la SLA o affini sono escluse. Volevo chiederle se tale esame va fatto vedere da un neurologo oppure se posso farlo vedere anche al chinesifisioterapista che mi segue da quando è spuntata l’ernia. È rimediabile la situazione secondo lei?
Saluti e buona Pasqua anche a lei.

[#13] dopo  
Utente 486XXX

Mi scusi dottore,
Volevo chiederle se poteva dirmi quali sono solitamente i rimedi che si attuano in questi casi e se riuscirò mai a levarmi questo leggero fastidio muscolare con sensazione di stanchezza e di muscoli che tirano o se dovrò tenermelo per il resto della vita e se questo potrà impedirmi di condurre una vita, diciamo normale. Sono molto preoccupato!
La ringrazio, saluti!

[#14] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ovviamente deve fare vedere l'esito dell'esame al neurologo, come Le ho detto nell'ultima risposta.
Riguardo la possibile terapia, questa è personalizzata in base ai riscontri della visita e alla visione diretta delle immagini della RM. Anche il fisiatra può essere una figura di riferimento importante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#15] dopo  
Utente 486XXX

Va bene dottore grazie mille per i consigli,
per chiudere il cerchio le scrivo il completamente il referto del RM lombosacrale effettuata il 30/11/2017.
Dopo un periodo di discreto e notevole miglioramento ho ripreso l'attività sportiva circa un mesetto fa (primi di marzo) e poi ho avuto questa piccola ricaduta/risentimento.
Il referto dice:
"Sacro orizzontale.
Minimo Bulging discale L5-S1 esse paramediana ed intraforaminale sinistra con debole impronta nel recesso midollare omolaterale.
L4-L5: ernia discale espulsa a larga base mediana posteriore con importante impronta sulla faccia anteriore del sacco durale.
I restanti dischi intervertebrali presentano normale spessore e normale idratazione e sono esenti da protrusioni e ernie discali."
Il bulging quindi spiegherebbe i sintomi alla gamba sinistra?
Mostrerò tutto al neurologo e/o al fisiatra che mi segue.
Saluti e grazie.

[#16] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il bulging intraforaminale a sinistra ovviamente può giustificare il problema all'arto inferiore sinistro.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Utente 486XXX

Buongiorno dottore e buona Pasqua!
Sono molto in ansia e preoccupato! Volevo chiederle se effettivamente possiamo escludere patologie come la SLA e affini. Immagino che nel caso il neurologo che mi ha effettuato l’EMG avrebbe notato qualcosa giusto?
Grazie mille e saluti!

[#18] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sicuramente Le è sfuggita la risposta #9, pertanto La inviterei a rileggerla.

Buona Pasqua
Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente 486XXX

Buongiorno dottore,
In che senso non c’era la sintomatologia? Mi chiedo questo perché comunque quando cammino avverto una strana sensazione alla gamba sx, come se camminassi male (anche se chi mi osserva dice che non è così e che non si è accorto di nulla). Ovviamente essendo particolarmente ansioso e ipocondriaco faccio sempre più attenzione a ciò che sento e percepisco sul mio corpo. Sono molto impaurito! Inoltre mi chiedevo: quando ho fatto l’EMG , prima di fare l’esame ho fatto vedere al neurologo gli esiti della RM lombosacrale di fine novembre. Avendo letto il referto prima dell’esame, questo non potrebbe aver tratto in inganno il neurologo che mi ha sottoposto all’EMG portandolo ad una conclusione scorretta?
La ringrazio, saluti.

[#20] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

nel senso che la sintomatologia non è indicativa di malattie importanti.
Se Lei viene da me, mi riferisce i sintomi e la visita neurologica ha esito negativo non prescrivo ovviamente un'EMG, non è indicata.

"Avendo letto il referto prima dell’esame, questo non potrebbe aver tratto in inganno il neurologo che mi ha sottoposto all’EMG portandolo ad una conclusione scorretta?" assolutamente no.


Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#21] dopo  
Utente 486XXX

Grazie dottore ho capito.
Diciamo che a suo tempo quando ho fatto la visita neurologica il 23/12/2017 non avevo questi fastidi/dolori alla gamba sx, ma solo dolori al fondo della schiena dovuti all’ernia. La visita allora, dopo che il neurologo aveva visionato RM e avermi visitato, mi disse che era negativa! Così proseguii con le manipolazioni del fisiatra e il problema era rientrato. In seguito da una dozzina di giorni accuso questo fastidio/dolore all’arto inferiore sx. Sento leggero dolore/tirare i muscoli della coscia (a volte davanti zona quadricipite a volte dietro zona flessore), sento il ginocchio un po’ debole e tirare il polpaccio. È questo che mi ha fatto allarmare e indurmi a fare l’EMG.
Grazie e saluti.

[#22] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
È tutto compatibile con l'esito della RM lombosacrale.

Si rilassi e trascorra una serena Pasquetta.
Dr. Antonio Ferraloro

[#23] dopo  
Utente 486XXX

Buongiorno dottore!
A distanza di qualche giorno sono ancora qui con questo dolore e fastidio alla gamba sx. Il fisiatra che mi segue mi ha consigliato, avendo avuto un riacutizzarsi del problema, di fare una RM lombosacrale per controllare se qualcosa fosse cambiato rispetto alla prima indagine. Ho effettuato la risonanza e il referto dice che l’unica variazione è rappresentata dal fatto che il bulging in L5-S1 è ora diventato una vera e propria protrusione discale. Mentre l’ernia in L4-L5 è rimasta invariata. Il sacro è rimasto invariato e quindi orizzontale. Ho fatto vedere il tutto al fisiatra, Elettromiografia inclusa, il quale mi ha detto che il reclutamento volontario massimale è solo ridotto e che non è nulla di preoccupante. Lei è d’accordo? Mi ha provato i riflessi e ha detto che sono ok! Mi ha inoltre detto che posso scongiurare malattie del motoneurone come la SLA. Cosa ne pensa? La ringrazio.
Saluti.

[#24] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

concordo perfettamente con quanto Le ha detto il fisiatra.
Stia tranquillo e non pensi malattie importanti.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro