Utente 487XXX
Salve..soffro d'insonnia da quando avevo 22 anni, oggi ne ho 40. premetto che sono stata sempre una dormigliona, e fino a quel momento non ho mai avuto problemi di sonno. è iniziato quando mi accingevo a costruire il mio futuro lavorativo avendo a quell'epoca un lavoro che a un certo punto realizzai non più soddisfacente. è coinciso con una presa di coscienza e l'ho vissuto con un senso spiccato di grande responsabilità. di punto in bianco si è manifestato come un corto circuito del cervello, volevo dormire ma sentivo nella mia testa interferenze, io li chiamavo come dei "venti" tutt'ora per me poco descrivibili. vado dal medico di base e mi prescrive un induttore del sonno che non era efficace. non è facile ricostruire tutta questa storia sono passati molti anni e ho provato diversi farmaci (antidepressivi cypralex che in effetti mi ha aiutata anche se ci sono voluti 2 mesi) poi fitoterapici passando attraverso diversi specialisti e anche omeopati. qualcuno mi ha detto che era depressione, qualcuno che era ansia patologica. ho affrontato anche diverse psicoterapie a più riprese, ma l'insonnia non se ne è mai più andata. il disturbo più grande è che prima di addormentarmi , poco prima salto dal letto, gli spasmi muscolari possono prendermi in qualsiasi parte del corpo, un braccio, una gamba, arriva dritto in testa e non mi permette di abbandonarmi al sonno. siccome ho il terrore di questo disturbo prendo molte gocce di ansiolitico per addormentarmi ed il problema è che sono anni che lo faccio. dipendo praticamente dalla boccetta di ansiolitico. nei periodi peggiori (come la primavera e l'estate) i risvegli sono più precoci del solito dopo 4 ore mi sveglio e sono costretta a prendere altre gocce. dopo diversi anni ho abbandonato qualsiasi tipo di ricerca per risolvere il mio problema perché ho perso un po' la speranza. la qualità del sonno non è splendida, mi sveglio che mi sento stanca, mai del tutto riposata. il mio sogno è di non prendere più nulla per riposare normalmente e sono arrivata al punto che devo fare qualcosa perché sono assueffatta dal farmaco da cui non mi separo per paura dell'insonnia e degli spasmi. conduco una vita normalissima, ma non è "normale" dipendere da un farmaco per indurre il sonno. voglio liberarmene. non ho mai fatto accertamenti come polisonnografia se non una visita all'epoca da una neurologa che non mi trovò nulla di anomalo. ho un vizio spiccato, quello delle sigarette. ho scoperto di essere osteopenica, non so se c'entra qualcosa la vitamina D.
il mio problema è un mix di fattori credo. sono tendente all'ansia, ma credo che concorrano cause anche organiche.
grazie

[#1] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Buon giorno a Lei,

mi sembra ipreliminarmente ndicata una Visita Neurologica presso un "esperto certificato" (membro dell'Associazione Italiana Medicina del Sonno, così come chi Le scriveo o collega analogamente formato) in "Medicina del Sonno".

A questa ritengo debba seguire un esame neuroffisiologico come un EEG-Polisonnografia ovvero un più semplice esame EEH-Holter delle 24 ore con registrazione "elettrooculografica" (EOG=movimento degli occhi nel sonno) che Le consentirà uno studio strumentale del suo sonno disturbato e la visualizzazione della sua attuale architettura del sonno.

Esaminata questa e pertanto individuata in quale fase o in quale stadio ipnico risiedono i suoi disturbi (sonno destrutturato?) sarà possibile formulare una ipotesi diagnostica basata sulla evidenza clinica e strumentale e valutare un trattamento adeguato.

Inoltre...
...Le lasscio due link con due brevi articoletti la leggere:

1)quello che vedrà qui è un Monitoraggio o Poligrafia Cardio Respiratorio, per avere una idea di quella che è la EEG-Polisonnografia ( Polisonnografia vera) immagini come a quel che vedrà le verranno applicati alcuni elettrodi adesivi sul cuoio capettuto che saranno il "core" dell'esame neurofisiologico ossia saranno quelli che registreranno la sua attività bio-elettrica dell'Encefalo;
eleminando il Monitoraggio Cardio Respiratorio e lasciando solo la registrazione EEG con gli elettrodi adesi al cuoio capelluto ed aggingendo 2 elettrodi per la registrazione dei movimento oculari nel sonno avrà invece un EEG Holter delle 24 ore con studio quali/quantitativo del Sonno;
- https://www.youtube.com/watch?v=Mb98w58dfcQ


2)questo breve ulteriore scritto serve esclusivamente ad essere messo in guardia tra la differenza tra un Monitoraggio Cardio Respiratorio (unica vera indicazione medica la ipotesi di una Sindrome da Apnee nel Sonno) ed una EEG-Polisonnografia o Polisonnografia "vera" ossia quella che occorre a Lei (che ha come indicazione lo studio dei Disturbi del e nel Sonno... pochè capace di fornire assieme ad una EEG Holter delle 24 ore con registrazione elettrooculografica la visualizzazione della architettura del suo Sonno);
- https://www.medicitalia.it/blog/neurologia/6822-medicina-sonno-polisonnografia-vera-vs-monitoraggio-cardio.html


Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it