Utente 426XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 20 anni.
Ho sempre avuto leggeri mal di testa, di breve durata, fin da piccola (elementari), seppur sporadicamente. All'età di 14 anni ho iniziato il liceo scientifico, da ottobre di quell'anno i miei mal di testa sono diventati frequenti. A metà anno ho deciso di fare una visita neuropsichiatrica, sospettando della vista. La neurologa in questione mi fece fate la visita agli occhi con fondus oculi e la visita audiovestibolare. Tutto negativo. Diagnosi: cefalea con aura. Si diede la causa dei mal di testa a problemi psicologici e allo stress causato dal liceo. In effetti, non andavo molto bene pur rimanendo sveglia a studiare fino a oltre la mezzanotte. Superato l'anno con fatica decido di cambiare indirizzo e inizio cosí il secondo anno alle scienze umane. Inizialmente i mal di testa erano diminuiti. Poi sono tornati in maniera preesistente durante il 3° superiore, ma nel frattempo la mia neurologa era partita per gli USA, allora ho cominciato delle nuove sedute con un'altra specialista dello stesso centro. Cosí per qualche mese, ma non mi soddisfava. Cambio nuovamente neurologa e vado in un nuovo centro. Qui trovo la neurologa che fa al caso mio. Faccio numerose visite: rmn, rmn con contrasto, tac, esame con microbolle, visite alla vista e anche ai tronchi sovraortici. Ancora una volta, fortunatamente, tutto negativo. Nonostante le terapie inefficaci, continuo a fare le visite periodicamente. Anche l'attuale neurologa sosteneva che fossero problemi di tipo psicologico, mi consiglia dei colloqui psicologici clinici. Non li ho mai fatti, non li ritenevo utili nel mio caso. I mal di testa continuano, ma l'aura diventa meno persistente. Ho avuto un leggero miglioramento la scorsa estate 2017, quando la mia situazione sentimentale è migliorata, avevo dato un taglio a quelle situazioni stressanti. Quest'anno (5 superiore) i mal di testa continuano, peggiorano, mi impediscono di studiare, di dormire (infatti, dimenticavo, che durante il primo anno di liceo avevo problemi di insonnia, sia ad addormentarmi che a continuare a dormire, cosa provata a curare con Melatonina fast e retard, 3mg. Ma nulla. Migliora solo con il lormatozopene datomi dalla mia attuale neurologa). A gennaio 2018 abbandono la scuola, i professori non credono piú ai miei mal di testa e credono siano fandonie le mie assenze, nonostante i certificati medici. Era diventato insostenibile. Mi trasferisco in Spagna, dove attualmente vivo, per evitare lo stress. Sto bene. I mal di testa spariscono. Fino a 4-5 giorni fa circa. Inizialmente lieve mal di testa, da ieri ho delle fitte alle tempie durante il movimento e forte mal di testa che mi impedisce il sonno. Oggi nuovamente fitte alla testa accompagnate da leggero mal di testa e fastidio alle orbite oculari. Le fitte si intensificano se mi alzo,insomma, se mi muovo. Io sinceramente non so piú come comportarmi,sta diventando insostenibile vivere,ne va pure della mia salute mentale.
Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

ha mai fatto terapie di prevenzione? In caso affermativo, quali farmaci sono stati prescritti e con quali risultati?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 426XXX

La ringrazio per la risposta, e le spiego al meglio possibile le terapie, pur non essendo certa del fatto che siano terapie da prevenzione. Allora i primi anni ho fatto una terapia con magnesio pidolato, melatonina fast e retard per il sonno e tachipirina da 500mg al bisogno (quella che si scioglie in bocca, della qale non ricordo il nome). Dopo la prima neurologa, la seconda mi ha datto il lymbitril associato semore a del magnesio e alla melatonina, con moment inefficace al bisogno. L'attuale neurologa mi ha fatto provare svariate terapie, tra cui una associata al magnesio, delle quali non ricordo i nomi. L'ultima che mi ha prescritto era la fluorexitina e il lormatozapene (chiedo scusa se il nome non è esatto) per poter dormire. Con la sinflex al bisogno, inizialmente utile, e, essendo io una persona molto ansiosa, mi ha prescritto Alprazolam Sandoz 0,25 mg al bisogno, assumendo 1/2 capsula al bisogno o, se ansia particolarmente intensa in determinati periodi, 1/2 al mattino e 1/2 al pomeriggio. L'Alprazolam mi è utile durante i periodi di ansia, mentre la fluorexitina l'ho eliminata poichè non mi faceva effetto, nonostante quasi 1 anno di assunzione. Decisione che avrei comunicato alla mia neurologa il 22 dicembre, durante una visita, che purtroppo non si è svolta poichè la dottoressa aveva avuto un emergenza. La visita dopo mi sarebbe stata programmata in maggio, ma ho deciso di non prenotarla poichè il 28 gennaio mi sono trasferita in Spagna, con l'intento di consultare eventualmente uno specialista qui.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è stata molto chiara.
La terapia con il limbitryl quali effetti ha procurato?
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 426XXX

La ringrazio per la sua tempestività.
Comunque, mi causava solo molto sonno e poca voglia di fare, ma nessun effetto nè sulla cefalea nè sull'aura, per questo poi non piú utilizzato..

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

esistono altri farmaci che vengono utilizzati come prevenzione dell'emicrania con aura e che danno spesso risultati brillanti.
Sentirei il parere di un neurologo che s'interessi prevalentemente di cefalee.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 426XXX

Grazie mille dottore, ma lei crede che queste fitte siano dovute alla cefalea o vi possono essere altre cause?? Grazie

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

questo non si può stabilire a distanza, anche cause cervicali e nevralgiche possono essere all'origine.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 426XXX

Capisco, la ringrazio, consulterò uno specialista. Buona domenica!

[#9] dopo  
Utente 426XXX

Scusi ancora dottore, ma quali sono le cause nevralgiche.. Su internet non sono riuscita a trovare nulla.. Solo cause neurologiche.

[#10] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Mi riferivo a nevralgie in generale.
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 426XXX

Ah.. Capisco, grazie mille per i suoi consulti.

[#12] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Grazie a Lei per avere scelto Medicitalia.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro