Utente cancellato
Buongiorno, in data 22/03/2018 ho avuto un infortunio in palestra ed in seguito, tramite una rm, sono state evidenziate delle protrusioni dorsali fra d3 e d7, le quali ultime due hanno una prevalenza paramediana sinistra con impronta durale e riduzione del clivaggio sulla corda midollare, la quale corda appare indirettamente improntata senza tuttavia alterazioni della intensità di segnale (è grave?). Premetto che dopo 40 giorni di riposo e alcune sedute di tecar (fra poco inizierò la posturale) le contratture muscolari sono sparite, persiste un fastidio che sembra "scheletrico" nel punto d3/d7 che è sopportabile, magari non lo è se alzo qualcosa perché sento come un fastidio da compressione. La cosa strana è che nel giorno 19 aprile, circa un mese dopo dall'infortunio sono iniziate delle fascicolazioni muscolari sulla spalla sinistra abbastanza frequenti durante la notte di quella giornata mentre in seguito nei giorni a seguire si è spostata in modo frequente sul gomito dello stesso braccio (anche dei video dove si vede il movimento) più di tanto in tanto qualche spasmo in altri punti del corpo come per esempio la gamba destra anche se non accade spesso. Dopo tale evento ho iniziato a sentire negli ultimi 3/4 giorni anche le gambe abbastanza pesanti, riesco a contrarre i muscoli ma ho una sensazione di stanchezza. Naturalmente ora la mia preoccupazione va su patologie come la sclerosi multipla, la sla o varie compressioni midollari. Chiedo una vostra opinione per questo caso, buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Lucio Marinelli

24% attività
8% attualità
12% socialità
GENOVA (GE)
SORI (GE)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Salve, vista la problematica principale riferita alle protrusioni discali dorsali che entrano in contatto con il midollo, probabilmente la sintomatologia agli arti inferiori potrebbe essere associata a un iniziale risentimento mielopatico, sospetto che va verificato durante una visita neurologica avendo a disposizione le immagini della risonanza magnetica dorsale. A questo scopo potrebbero essere utili esami neurofisiologici che valutino la funzione dei fasci motori e sensitivi che transitano nel midollo spinale, come i potenziali evocati motori e sensitivi.
La sintomatologia che riferisce agli arti superiori non può essere correlata alle discopatie dorsali e non mi pare che il suo sospetto di sclerosi multipla sia altrettanto plausibile.
Le consiglio caldamente una visita neurologica.
Cordiali saluti
Lucio Marinelli
www.elettromiografia.net

[#2] dopo  
262432

dal 2018
Buongiorno Dottore, ho effettuato due visita neurologiche in una giornata per via della preoccupazione..nella prima mi è stato consigliato di effettuare delle analisi del sangue a cui mi sono sottoposto poco fa, mentre nella giornata di ieri ho effettuato, sempre sotto consiglio del neurologo, una elettromiografia che ha avuto esito negativo (se vuole le scrivo il responso)..in seguito al risultato delle analisi porterò tutto al neurologo e vedremo cosa dirà..la seconda visita neurologica che ho fatto mi ha dato tutta altra risposta, ovvero che il mio disagio proviene da uno stress fobico anche se a me sembra strano perché nella giornata dove ho effettuato le visite dopo una corsetta di qualche minuto le gambe sono come andate in acidosi, i muscoli mi facevano malissimo e camminavo a fatica..temo davvero che possa essere una sla o qualche malattia neurologica perché mi sembra difficile che la mia testa possa provocare per via dello stress delle fascicolazioni e questa stanchezza muscolare presente nelle gambe..buona giornata