Utente 274XXX
Buongiorno, in attesa della visita neurologica che ho prenotato gradirei un consulto sul risultato della RMN al cervello con MDC che ho svolto la scorsa settimana. L'antefatto sono dei capogiri soggettivi che sono durati circa 2 settimane (ora non piu' presenti da piu' di un mese), partendo da un episodio acuto in cui per 20 minuti non risciuscivo a tenere la posizione eretta. In quella occasione le visite al PS non hanno evidenziato niente in relazione ai copogiri (otorino, neurologo e tac). Mi hanno quindi prescritto la RMN e il risultato è questo:

"Non si apprezzano alterazione di segnale del tessuto nervoso encefalico sia in ambito sovratentoriale che infratentoriale. Il sistema ventricoloare conserva morfologia e dimensioni nei limiti della norma. Le strutture della linea mediana sono in asse. I solchi corticali sono ben riconoscibili e simmetrici. Le tonsille cerebellari sono in regolare sede. I principali vasi arteriosi della base cranica sono riconoscibili con normale segnale di pervietà; il sistema vertebro-basilare è esile. Non si apprezzano impregnazioni contrastografiche patologiche"

Volevo sapere cosa è, cosa comporta e come puo' essere affrontata la esilità del sistema vertebro-basilare. E se puo' essere stata responsabile di questi capogiri. Grazie a chi vorrà rispondermi.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
partiamo col dire che la dizione "sistema vertebro-basilare esile" non lascia chiaramente intendere di che cosa si tratti. All'esame angiografico è frequente riscontrare anomalie di formazione dei vasi, ma per la capacità suppletiva del circolo di compenso, quasi sempre queste restano asintomatiche. D'altro canto, se così non fosse, lei avrebbe avuto problemi già in passato. E comunque, se questa è la conformazione vasale, non c'è nulla da poter fare. Ma io ritengo che sia opportuno sottoporre alla visione di un Neurologo l'indagine, perché dall'esame clinico e dall'attenta indagine anamnestica emergono dati importanti in ordine a valutare la responsabilità del sistema vasale nella patogenesi del suo disturbo di carattere vertiginoso.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 274XXX

Grazie Dottore, molto chiaro e gentile. Cordiali saluti