Utente 315XXX
Buonasera, volevo parlare del problema che mi affligge da un paio di anni circa.
Tutto è iniziato con il riscontro di un valore di CPK pari a 1020 misurato senza aver fatto attività fisica (Marzo 2017). Pochi giorni dopo ho iniziato ad avvertire una perdita di forza nelle dita dei piedi e delle mani. La parte sinistra del corpo era maggiormente colpita rispetto alla parte destra. Per non dilungarmi ulteriormente e rendere chiaro il mio problema, dico che da Marzo 2017 (dopo circa tre anni di sintomi vaghi quali debolezza, dolori muscolari e sintomi ansiosi) ad oggi, settembre 2018, i miei sintomi non hanno avuto miglioramenti, bensì netti peggioramenti. Da aprile 2017 sono comparse fascicolazioni diffuse in tutto il corpo (braccia, gambe, addome, schiena, spalle ecc. ecc.) e la sensazione di debolezza è salita prossimalmente e continua ad aumentare di intensità. Noto la debolezza quando afferro un oggetto, ad esempio una bottiglia d’ acqua, quando faccio attività fisica, o quando cammino (la gamba sinistra è rigida e debole(anche quella destra, ma in maniera minore)).
Ma la cosa che più mi spaventa, e che mi fa preoccupare, è una progressiva atrofia dei muscoli delle mani e dei piedi. Da Marzo 2017 ad oggi, la mano sinistra, e in maniera più lieve quella destra, sopratutto a livello del primo muscolo interosseo si è “scavata”, nel senso che vi è una sorta di spazio cavo che si è formato, e che peggiora col tempo. Questo assottigliamento dei musoli lo noto anche a livello delle caviglie, elle ginocchia e di altre parti del corpo in relazione ad una sensazione di debolezza.

Ho postato delle foto a questo link, per consentire la visione delle mani.
Prima dei sintomi entrambe le mani erano come la mano destra della quarta foto partendo dal basso (me le hanno caricate sparse purtroppo)...poi ho avuto un successivo assottigliamento che prosegue visibile nelle altre foto.
Potete visionare le foto cliccando su questo link: https://www.flickr.com/photos/166959285@N07/

Volevo sapere se gentilmente potevate, in base alla vostra conoscenza medica, darmi qualche consiglio. È possibile che si tratti di SLA o di qualche malattia neuromuscolare?
Ho fatto già una visita neurologica, che è risultata negativa. Solo che purtroppo i miei sintomi peggiorano, e non so più che fare.
Grazie per la vostra attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro giovane,
il tuo è sicuramente un caso da approfondire, ma comprenderai che non può basarsi solo sulla tua descrizione e non può pertanto avvenire in un consulto online. Ti suggerisco pertanto, se non ti senti sicuro del parere che hai già ricevuto, di rivolgerti ad un altro Neurologo che, dopo averti vistato, potrà eventualmente indirizzarti verso indagini specifiche.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it