Utente 506XXX
Buongiorno,

tutto è iniziato nella Primavera nel 2012 on un fastidio all'occhio sx che non era dolore, ma più precisamente una specie di tensione all'arcata sopraccigliare e un aumento delle miodesopsie all'occhio interessato. Porto gli occhiali dall'età di 5 anni per astigmatismo poi corretto quasi in toto, nel tempo. Ho svolto visita oculistica, che non facevo da molti anni con conseguente rimprovero, dove mi è stato consigliato di usare un collirio per occhio secco e di portare gli occhiali a permanenza, cosa che non faccio quasi mai, aggiungo che ho escavazione fisiologica papillare. Qualche tempo dopo ho avuto una specie di formicolio al piede destro sotto le dita e dolore alla parte sotto del tallone quando appoggiavo completamente il piede a terra, non ricordo quanto tempo è durato il tutto, ma ciò mi ha fatto un po' allarmare perché in concomitanza percepivo formicolii in varie parti del corpo. Sono andato da un neurologo, a mio avviso un bravo professionista che mi ha visitato a dovere e non ha riscontrato nulla se non il mio stato altamente ansioso (apro parentesi graaaande: ho avuto in passato attacchi di panico con somatizzazioni per stati famigliari, sono andato in pronto soccorso più volte e ordinato cura di xanax per un periodo, cosa che ho preso molto raramente per paure personali e tutti gli specialisti che ho consultato hanno parlato di disturbi d'ansia). Il tutto però non passava, ma nemmeno peggiorava, andava e veniva, alla fine il mio medico di base mi ha fatto fare una risonanza magnetica all'encefalo per farmi mettere il cuore in pace. Risultato tutto nella norma. Dopo poco tempo i sintomi sono sfumati e scomparsi in toto. A Maggio 2018 ho avuto episodi di extrasistoli continue per una settimana che mi hanno portato al pronto soccorso senza trovare nulla (ho un leggero prolasso mitralico e della tricuspide, sono iperteso trattato e famigliarità con patologie cardiache).Da un mese a questa parte è tornato il fastidio all'occhio, non ho perso vista, non ho dolore retrobulbare, solo miodesopsie, è ritornato da dieci giorni il formicolio sotto il piede, accentuato quando porto certi tipi di scarpe, scompare quasi del tutto in ciabatte o a letto. Da tre mesi in più alle passeggiate in montagna regolari corro 3 volte la settimana per mezz'ora senza grossi problemi al piede, sento che c'è qualcosa che non va, ma il tutto non mi impedisce di fare attività. Sento leggero bruciore non ben definito agli arti in alcuni momenti della giornata e di notte mi è successo di avere formicolio alla mano con risveglio al mattino e in parte della giornata tensione alla zona T1 e T2 se non sbaglio, ma mi accorgo anche di avere male alla cervicale. Fra qualche giorno parto per le ferie e sono molto in tensione e impaurito (come spesso del resto), quando torno avrò la visita oculistica. Sono stato prolisso, ma volevo cercare di descrivere al meglio i miei sintomi. Vi ringrazio per l'ascolto.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

i sintomi riferiti, per la loro durata, per la tipologia descritta, per le modalità d’insorgenza e di regressione non fanno pensare una malattia demielinizzante, peraltro ha anche una RM negativa in seguito alla quale la sintomatologia è regredita.
Parta tranquillamente per le vacanze e si rilassi, non pensando più malattie varie.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 506XXX

La ringrazio per la tempestiva risposta.
Solo una domanda: i sintomi dell SM vanno in crescendo?Sono peggiorativi?

Grazie e buona giornata.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sono sintomi di lunga durata e non variabili con le varie posture o movimenti.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 506XXX

La ringrazio ancora.
Buona giornata e buon lavoro.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona giornata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 506XXX

Buongiorno gentile dottore.

Per disturbi continui e senso di pesantezza alle gambe ho fatto una RM completa.

La lombo-sacrale evidenziava soltanto una piccola protrusione e questa fatta anticipatamente in quanto pensavo che i problemi venissero da lì.
Oggi ho ritirato il referto di Encefalo, Rachide Cervicale e Dorsale con e senza metodo di contrasto.

Non lesioni encefaliche focali anche nelle sequenze ad echo di gradiente e in quelle con tecniche di diffusione. Complesso ventricolare in asse nei limiti. Non alterazioni dei seni paranasali del volume di scansione. La tonsilla cerebellare di sx tende a protrudere oltre i limiti del gran forame occipitale per 2mm. Dopo mezzo di contrasto non lesioni sovra e sottotentrionali.

Conclusioni: Non lesioni encefaliche. Minima protrusione verso sx della tonsilla cerebellare.

Lieve scoliosi sinistro-convessa centrata sul passaggio cervico dorsale, lordosi conservata. Diametri del canale vertebrale nei limiti. Minima protrusione paramediana sinistra di C2-C3 e centrale C3-C4. Non alterazioni per C5-C6 e C6-C7. Il midollo cervicale è regolare e non presenta lesioni anche nelle immagini dopo gadolinio.

Conclusioni: modesta protrusione centrale di C3-C4 e C4-C5 e paramediana di sx C2-C3

Atteggiamento in lieve scoliosi alta destro- convessa; cifosi conservata. Vertebre dorsali regolari per morfologia e intensità di segnale. Midollo dorsale a partire da D3 sino al cono midollare dimostra dilatazione del canale ependimale che risulta maggiormente evidente in D7-D10 e con diametro trasverso massimo di circa 1-2 mm. Cono midollare nei limiti. Non particolari alterazioni della stessa struttura midollare dopo gadolinio.

Conclusioni: dilatazione del canale ependimale dorsale tipo siringomielia più evidente a livello dorsale inferiore.

Secondo lei mi devo preoccupare?Intanto la ringrazio per la disponibilità.

Marco

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Marco,

mi sembra che non ci sia nulla di preoccupante, anche la dilatazione del canale ependimale e la discesa della tonsilla cerebellare sinistra sono minime.
Comunque faccia vedere l’esame ad un neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 506XXX

La ringrazio come sempre per la risposta.
Buona serata.
M.