Utente 486XXX
Buongiorno dottori,
Vi contatto per chiedervi un parere. Venerdì scorso 04/08/2018 mentre ero al lavoro ho preso un testata contro il parafango di un trattore (lavoro in agricoltura) e mi sono procurato un taglio in testa nella regione parietale sinistra. Sono andato al pronto soccorso e mi hanno suturato con 4 punti ed eseguito TAC all’encefalo che non ha rilevato niente, tutto a posto insomma. Il giorno dopo ho avuto una grigliata e inizialmente ho bevuto un bicchiere di spritz. Questo nelle 24 ore successive al trauma. Il giorno dopo ancora, la domenica, passate 48 ore dal trauma ho bevuto 7/8 bicchieri di vino. Successivamente non ho più toccato alcol. Questo (aver assunto alcol) può avermi danneggiato qualche vaso sanguigno che magari non si era rotto con il trauma ma essendo diciamo più debole vista la botta ed essendo l’alcol un vasodilatatore e quindi avermi provocato un’emorragia cerebrale che potrebbe portarmi ad avere danni permanenti? Sono un persona molto ansiosa e ipocondriaca e volevo se possibile avere una vostra risposta e delucidazione per sapere come comportarmi, se stare tranquillo oppure no. Vi ringrazio anticipatamente per la risposta e porgo distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
metta da parte queste sue fantasie di palese stampo ipocondriaco (e magari legga anche il mio articolo sulla paura delle malattie neurodegerative, che trova sulla home page di Medicitalia). L'alcool che ha copiosamente consumato di sicuro procura un danno al cervello ed anche al fegato, ma non nella maniera romanzata che si è immaginato lei. Stia tranquillo per il trauma cranico lieve riportato e piuttosto segua il consiglio di moderare l'assunzione di alcool.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 486XXX

Grazie dottore per la celere risposta.
Deduco che posso stare più che tranquillo.
Per quanto riguarda l’alcol ne faccio un uso veramente minimo. Durante la settimana non bevo mai, sempre e solo acqua. Nei weekend capita qualche volta. Poi ci sono queste rare eccezioni in cui mi lascio un po’ più andare ma accade davvero molto raramente.
Secondo lei entro quanto potrò tornare a lavare i capelli? I punti me li tolgono il 21 agosto.
La ringrazio.
Saluti.

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Dopo la spuntatura potrà.
Saluti e...occhio al gomito!
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 486XXX

Gentile dottore,
Come mai non è possibile lavarli prima? Cosa rischio che accada lavandoli prima di rimuovere i punti? Purtroppo visto il periodo e lavorando in agricoltura le lascio immaginare quanto per me è importante lavarmi visto che ci si sporca sempre e di continuo.
Saluti.

[#5] dopo  
Utente 486XXX

Inoltre volevo chiederle se comunque facendomi aiutare da qualcuno, un parrucchiere ad esempio che hanno i lavandini con l’appoggia testa, potrebbe essere possibile lavare la restante parte della testa e dei capelli evitando di bagnare la zona con i punti. Inoltre mi hanno dato 20 giorni di punti e mi sembrano un po’ tantini. Leggendo qua e là su internet ho letto che solitamente si tengono tra gli 8 e i 15 giorni. Potete darmi qualche consiglio? Non c’è il rischio che vengano incorporati nella ferita e che questa si infetti se li tengo così tanto tempo?
Grazie.