Utente 505XXX
Salve Dottori,
Da tre settimane ormai soffro di questi strani disturbi difficili anche da spiegare quali senso di stordimento e sbandamento quasi come l inizio di una sbornia o come se vivessi dietro una pellicola, poi pesantezza nella parte interna degli occhi ed ho come la sensazione di non riuscire a mettere a fuoco ciò che guardo ma è solo una sensazione perchè se chiudo gli occhi questo sintomo è presente ugualmente.
Da premettere: ho un dolore alla schiena nella parte centrale all'altezza delle scapole da 7 mesi, l'ortopedico ha detto che era una contrattura ed ho fatto una cura con pillole di sirdalud ma senza alcun effetto positivo. Il mio medico mi ha dato un altra cura con muscoril ma anche questa non ha avuto effetto. Non vorrei che le cose siano collegate. O peggio ancora avere qualche brutta malattia...
Sono in preda al panico perchè non riesco ad avere una vita come prima, vivo malissimo.
Cosa potrei avere o a chi potrei rivolgermi per non iniziare un mega iter di visite e controvisite inutili?
Vi ringrazio in anticipo per la risposta

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
mettiamo innanzitutto le cose in ordine.
Il disturbo alla schiena non ha alcun collegamento con il fenomeno che lei descrive come "stordimento e sbandamento". Sono due sfere di competenza neurologica assolutamente a sé stanti.
Il disturbo di ansia di malattia distorce la realtà e porta il soggetto ad ingigantire in modo sproporzionato banali sintomi fisici facendo vedere terribili patologie in agguato. E questo crea anche ulteriori e seri problemi. Per rendersene conto legga il mio articolo che trova sulla Home Page di Medicitalia
https://www.medicitalia.it/news/neurologia/7755-paura-malattie-neurodegenerative-fa-cuore.html
Le suggerisco comunque di sottoporsi ad una visita neurologica che attraverso uno scrupoloso esame clinico valuti la reale fondatezza dei disturbi riferiti e, se del caso, le indichi quali siano le indagini più opportune da praticare per fugare qualunque immotivata paura.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 505XXX

Dottore Grazie per la risposta, però io questi sintomi li percepisco realmente al di là del mal di schiena di cui non m'importa più di tanto essendo un dolore continuo ma debole.
Quindi questi sintomi come me li faccio passare? Ma potrebbero non essere associati ad un qualcosa di neurologico?