Utente 505XXX
Gentile/i dottore/i , sono una studentessa universitaria e dopo un periodo di stress per esami , probabilmente posture sbagliate e vita sedentaria ho accusato dei sintomi un po' diffusi prima alle gambe( dal ginocchio in giù) poi alle braccia come degli indolenzimenti, pizzichi, formicolii da circa cinque mesi. Ho effettuato analisi del sangue e ho la ferritina bassa, invece il valore delle piastrine leggermente alto ma il medico di base non l' ha ritenuto importante e ha detto che è causato dal ferro basso. Ho fatto una cura di ferro per quaranta giorni. Tuttavia ho effettuato visita ortopedica e la dottoressa ha riscontrato contrattura paravertebrale e atteggiamento da iperlordosi mi ha invitato a eseguire ginnastica posturale e mi ha prescritto elettromiografia ai 4 arti perché ho un po' insistito a causa dei miei sintomi. L'elettromiografia e' risultata negativa e il neurologo che me l'ha fatta mi ha visitato e ha detto che va tutto bene per quanto riguarda il sistema nervoso periferico. Ho inoltre effettuato RM encefalica e cervicale con macchinario aperto, anch'essa nella norma a parte una notevole attenuazione della lordosi cervicale, probabile conseguenza della contrattura paravertebrale? Così il neurologo mi ha consigliato flexiban da prendere una volta al giorno per un mese per ridurre questa tensione muscolare che mi dice sia dovuta ad ansia e stress avendo escluso cause organiche. Tuttavia avverto ancora gambe pesanti soprattutto in posizione ortostatica prolungata, se sto ferma a guardare le vetrine o in coda alla cassa del supermercato ho bisogno di muovermi o di sedermi. Al braccio la tensione e' minore, ma se porto dei pesi per un po' di tempo avverto l'indolenzimento. Inoltre capita alcune notti l'addormentamento delle mani e braccia o destro o sinistro. Potrebbe dipendere dalla contrattura paravertebrale e dalla perdita della lordosi? Potrebbe essere utile effettuare una RM lombosacrale?

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
Una contrattura della muscolatura paravertebrale cervicale porta alla riduzione o addirittura alla scomparsa (rettilineizzazione) della fisiologica lordosi cervicale. Ciò è generalmente legato a stati di tensione consecutivo a stress ma può anche conseguire ad errate posizioni quando si è seduti a lungo. In questi casi, il protratto ortostatismo può causare dolori diffusi agli arti superiori. Se vuole una panoramica più estesa sull'argomento, può leggere nella sezione Speciali Salute di Medicitalia il mio articolo "Tutto sulla cervicalgia".
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 505XXX

La ringrazio molto per la sua cortese risposta dottore, e per quanto riguarda la pesantezza alle gambe da cosa può dipendere? Potrei avere una iperlordosi lombare come ha ipotizzato la mia ortopedica visitandomi? Cioè lo stato di contrattura paravertebrale potrebbe aver creato irritazioni nervose? Sto assumendo dei miorilassanti ma dopo una settimana di cura non trovo beneficio. Cosa potrei fare per risolvere il problema?

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Mia cara ragazza,
Innanzitutto quando esiste una sintomatologia tale da interferire nella vita quotidiana, come mi pare d'intendere accada nel caso suo, onestamente si va a fondo e non si fanno ipotesi. Quindi, proceda ad accertare con una RM della colonna in toto qual è la reale situazione anatomo-funzionale del rachide. Faccia anche una RX su griglia millimetrata, per valutare eventuali eterometrie degli arti o sbilanciamenti del bacino. Si accerti mediante un Ecocolordoppler arterioso e venoso agli arti inferiori che non sussista alcun problema circolatorio. Fatto tutto ciò, si è in possesso dei necessari indizi diagnostici che consentano di desumere quale sia la reale patogenesi del disturbo che rende difficoltosa la vita di tutti i giorni ad una ragazza nel fiore degli anni.
Un caro saluto al Salento
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 505XXX

La ringrazio dei consigli dottore, in effetti ho un lieve sbilanciamento del bacino e porto i plantari ormai da quando ero adolescente avendo anche avuto una scoliosi risolta poi con un busto ortopedico. Un saluto dal Salento