Utente 244XXX
Gentili Dottori,

scrivo per chiedere un consulto riguardante uno stato di sofferenza del nervo ulnare che persiste da circa 3 mesi.
Ad inizi di giugno ho iniziato a soffrire di parestesie alle ultime due dita della mano sinistra.
Il problema si accentuava molto tenendo il gomito sulla scrivania (svolgo lavoro da ufficio e credo che la postura non aiuti).

Ho consultato la stessa settimana il medico di base, il quale mi ha prescritto uso di FANS (ibuprofene) mattina e sera per 5 giorni.
Essendo il disturbo rimasto invariato, lo stesso medico mi ha prescritto elettromiografia ed elettroneurografia degli arti superiori.

Come previsto, a distanza di un mese dal manifestarsi del problema, il neurologo referta uno stato di sofferenza lieve-moderata del nervo ulnare all'altezza del gomito e prescrive una RM del gomito per determinarne la causa oltre all'utilizzo per almeno 30 giorni di integratori a base di acido alfa lipoico e di L-Acetyl Carnitina.
Ho in questo momento ricevuto i risultati della risonanza (risalente al 16 agosto) ed in attesa di un nuovo consulto medico, chiedo gentilmente a voi un parere medico sul referto.

"L'esame RM, eseguito sllabase del quesito clinico, non documenta formazioni occupanti spazio lungo il decorso del nervo ulnare. Si segnala modesto edema sottocutaneo compatibile con stravaso siero-ematico in sede oleocranica sul versante mediale, superficialmente al decorso del nervo ulnare (esito post-traumatico?). Non si apprezzano alterazioni osteocondriali. Modesto versamento intraarticolare in particolare nel recesso oleocranico. Non alterazioni delle formazioni muscolo-fasciali visualizzate."

Aggiungo che nel periodo in cui il problema si è manifestato non ho memoria di traumi al gomito, ma praticavo regolarmente atività di sollevamento pesi ed esercizi a corpo libero in palestra (da subito cessate per evitare un aggravamento del problema).

Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Buona sera a Lei,

ritengo che "...edema sottocutaneo compatibile con stravaso siero-ematico in sede oleocranica..." ovverosia nella regione dove il nervo ulnare transita a livello del gomito sia il responsabile della sofferenza del nervo medesimo.

Gli integratori andavano bene... quantomeno un poco di sollievo ma il problema "vero" è individuare la causa dello stravaso siero-ematico e trattare a breve questo fino alla sua regressione.

Poi integratori, riabilitazione del motoria/fisioterapia e tempo per recuperare il più possibile il deficit nel territorio di innervazione del nervo ulnare.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente 244XXX

Gentile dottore,
Avrei alcuni dubbi ulteriori:
- con "recuperare il più possibile" intende che è improbabile che il nervo riprenda la sua piena funzionalità?
- ritiene che sia passato troppo tempo?
- che tipo di specialista dovrei contattare per il tipo di problema refertato?
Grazie in anticipo

[#3] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ritengo semplicemente dire che io non possa sapere se il recupero sarà totale o subtotale o parziale. Come potrei. Non la ho mai visitato.
Consulti un neurologo ed acquisisca una valutazione chirurgica.

Ripeto: prima avrà una diagnosi di causa prima inizierà a star meglio.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it