Utente 105XXX
Non è facile descrivere i sintomi in poche parole: qualche mese fa ho iniziato con senso di calore alla testa, che il medico di base ha classificato come causato dall'ansia: dopo un breve trattamento con ansiolitici (che cmq mi avevano alleviato, poi ho smesso forse troppo presto?), il problema si è ripresentato in diverse forme, dallo stesso senso di calore (mai febbre, mai mal di testa) alla testa e occhi, al bruciore forte alla nuca tipo scottatura (se premo mi fa anche male la nuca) .
Preciso che da anni soffro di dolore alla schiena ed al collo, probabilmente a causa della mia attività. Per un periodo, un mese fa - mi è anche venuto un formicolio al lato sinistro del corpo (guancia, braccio e raramente gamba) ma ora è del tutto passato. Al momento persiste questa percezione che mi pare alterata del caldo, mi sento a volte la testa calda, altre volte avverto un calore alla pancia al contatto con le mie mani o anche con gli abiti (non forte). Ovviamente di conseguenza percepisco come più forte anche un soffio di vento che mi fa avvertire un freddo certamente non normale.
Ulteriori sintomi sono calore ai piedi che mi porta a stare in casa senza calzini, e alle mani con leggerissima sudorazione.
La temperatura corporea è di 2/3 decimi più alta della mia media, ma cmq non supera i 37 gradi.
Inizialmente pensavo all'infiammazione della cervicale, o compressione di qualche vertebra, ma porta tutti gli effetti che ho elencato?
Debbo temere qualcosa di peggio tipo SM?
L'ansia potrebbe essere la sola causa?
Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Paziente,
ho riletto più volte il suo resoconto anamnestico, cercando di intravvedere un nesso fra i diversi sintomi della sua complessa fenomenologia. Effettivamente, la spiegazione più immediata farebbe convergere l'attenzione verso l'ansia patomimetica (ossia simulante malattia). Ma, con tutta franchezza, prima di addossare al disturbo somatoforme tutta la responsabilità patogenetica, io riterrei necessario vederci chiaro. Innanzitutto, lei deve essere scrupolosamente visitato da un Neurologo e poi (ma potrebbe anche precedere la visita stessa) eseguire una Risonanza Magnetica encefalo-midollare.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 105XXX

Lei è molto gentile, anche per lo scrupolo con il quale ha affrontato la mia descrizione.
I sintomi che elenco non si presentano quasi mai insieme, oggi per esempio sento questo calore alla pancia, come vede cerco di essere più preciso possibile per avere una risposta (nei limiti del consulto a distanza) più precisa possibile.
La visita e l'esame che lei mi consiglia sono per escludere cosa?

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Come le ho fatto intendere nella mia risposta precedente, il primo obbiettivo è quello di escludere che all'origine vi siano elementi di sospetto per malattie organiche (il cui elenco sarebbe lungo e potrebbe, inutilmente, sollecitare la sua impressionabilità) e solo successivamente, avendo messo da parte i legittimi dubbi affrontare in termini di disturbo somatoforme la sua problematica.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 105XXX

Lei è molto gentile, mi recherò prima di tutto dal mio medico di base per illustrargli la situazione, e in ogni caso mi propongo anche di effettuare visita neurologica, cosi come l'esame che lei mi ha consigliato: ps va fatto con o senza mezzo di contrasto? (eh si mi impressiona l'ago nel braccio, non lo nascondo).
in questo momento sto aspettando di togliere dei punti dalla schiena (ho dovuto rimuovere chirurgicamente un neo) quindi aspetto che la cicatrice sia completamente rimarginata, giusto?

[#5] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Segua, se vuole, questa scaletta:
1. Rimozione punti di sutura
2. Visita neurologica
3. RM (con o senza mdc lo stabilirà il Neurologo)
4. Mi informi dei risultati (è un caso che mi interesserebbe seguire)
Cordialità
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#6] dopo  
Utente 105XXX

Beh non so se devo essere sereno nel sapere di essere un caso interessante, in ogni caso la ringrazio per le risposte e mi atterrò al suo programma, aggiornandola.

[#7] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Grazie della cortese recensione
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#8] dopo  
Utente 105XXX

La recensione è assolutamente meritata.
Mi è venuto in mente un altro sintomo che ho avvertito in questo giorni: un senso di bocca/cavità orale urente.

Con questo la saluto, e non approfitto oltre della sua squisita gentilezza.

[#9] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Questa è la burning mouth syndrome che si discosta dal resto della sintomatologia ma ne potrebbe rientrare se si conferma il disturbo somatoforme
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#10] dopo  
Utente 105XXX

Piccolo aggiornamento sui sintomi.

Bocca urente molto diminuito, ma sono aumentati i formicolii, ora estesi a tutto il lato sinistro (gamba, braccio e mandibola/guancia): all'80% li avverto a sinistra, ma talvolta anche a destra (solo la gamba, e il sotto mandibola).

Il collo brucia solo se faccio determinato movimenti (per esempio alzo la testa come per guardare in alto) e in tal caso mi fa anche male la zona cervicale.

L'intorpidimento è presente anche nella zona lombare.

[#11] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Ma non ha ancora deciso di farsi visitare da un Neurologo per dare una più precisa connotazione a tutta questa ridda di disturbi?
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#12] dopo  
Utente 105XXX

Aspettavo di togliere i punti.
Domani mi attivo.

[#13] dopo  
Utente 105XXX

Risultato Rmn encefalo e tronco encefalico:

Non apprezzabili definite alterazioni del segnale a carico del tessuto encefalico.
Il sistema ventricolo cisternale appare nei limiti della norma per l'età.
In asse le strutture di riferimento della linea mediana.

[#14] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
A questo punto può sgomberare la mente dal timore di malattie neuro-degenerative e si può contemporaneamente rivolgere l'attenzione ai fattori di somatizzazione. Dia anche una lettura all'articolo sul mio blog di cui le accludo il link:

https://www.medicitalia.it/news/neurologia/7755-la-paura-delle-malattie-neurodegenerative-fa-male-al-cuore.html
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#15] dopo  
Utente 105XXX

Ho letto con molta attenzione, e mi complimento con lei anche per la semplicità con la quale lei affronta temi tanto complessi, individuando situazioni che ho personalmente sperimentato e vissuto.

Ad integrazione del mio precedente messaggio, aggiungo di aver eseguito anche ecodoppler arti inferiori e tronco, con esito totalmente negativo (l'ho fatto per escludere complicazioni legate al bruciore ai piedi e leggero riscaldamento delle mani, sempre su indicazione di specialisti).

Al momento avverto come quasi sparite le parestesie, mentre persiste uno stato di "riscaldamento" della zona tempie/occhi, oltre ad una ancora presente ipersensibilità al caldo e freddo.

E' aumentato il dolore alla zona cervicale (ho dolore alla base del collo e zona lombare, solo su sollecitazione, quasi mai mal di testa).
Evito al momento di assumere farmaci senza indicazione medica, mi limito a tisane alla valeriana e cose simili.

Potrebbe essere utile una visita da un posturologo/ortopedico?

[#16] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Egregio Concittadino,
la competenza sulla colonna vertebrale è condivisa fra Neurochirurghi ed Ortopedici in tutto il mondo occidentale ed in buona parte anche del nostro Paese, ma nella nostra Città da decenni gli Ortopedici hanno abdicato allo studio ed alla terapia (chirurgica e/o funzionale) del rachide. Il Posturologo ha un ruolo laddove si identifichi un disturbo dell'andatura passibile di riverberarsi sulla stessa colonna (eterometria degli arti, disfunzioni del bacino, etc.) per cui nella complessa sindrome da lei lamentata, con tutta franchezza, non ha alcun ruolo. Invece, Lei può trovare utilità nella definizione diagnostica solo scegliendo un Neurologo di sua fiducia, che si faccia carico del problema e ne consideri tutte le possibili sfaccettature patogenetiche.
Sperando di aver esaudito la Sua richiesta, La saluto molto cordialmente.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it