Utente cancellato
Salve dottori, ho 19 anni e dal 2015 soffro di epilessia (crisi tonico-clonico ideopatica).
Da circa 4 giorni ho iniziato ad avere un fastidioso intorpidimento del mignolo della mano sinistra durante la giornata. Intorpidimento che va e viene ma che soprattutto ho durante le lezioni universitarie poichè mi appoggio con gomiti o avambraccio sul banco. La parte più preoccupante è che da martedì notte mi sveglio con un intorpidimento al mignolo come se non circolasse sangue o boh non so.
Nella giornata di ieri questo intorpidimento ho iniziato a sentirlo anche nell'anulare sinistro. L'intensità è nettamente inferiore.
Avevo pensato che magari avevo sollecitato il nervo ulnare, infatti ho provato a toccare nella zona del gomito riscontrando l'immediata comparsa del formicolio.

Cosa mi sta succedendo?? Mi devo preoccupare?

Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

no, non deve preoccuparsi, è possibile che ci sia una compressione a livello del nervo ulnare di sinistra, la sintomatologia che riferisce infatti è compatibile con questa condizione.
Cerchi di evitare di stare col gomito poggiato su superfici rigide (anche se può succedere sia su superfici morbide, come i braccioli di un divano, sia addirittura senza poggiarlo).
Se il disturbo dovesse persistere si rivolga ad un neurologo.
Consigliata un'EMG all'arto interessato.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
506598

dal 2018
Grazie mille dottore!!
Si mi capita anche sul letto, infatti mi sveglio apposta la notte!
In quanto si potrà risolvere?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Questo non è possibile stabilirlo prima, dipende dall'entità della compressione e dalla risposta alla terapia.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro