Utente 494XXX
Buon pomeriggio,
Scrivo per avere un parere su alcuni sintomi. Vi spiego la mia situazione. Due anni fa mi è stata diagnosticata una emicrania con aura, abbastanza "da manuale". Da poco più di un anno non ho più avuto crisi di aura, solo qualche mal di testa ogni tanto. Tac, risonanza magnetica (risalenti agli esordi dell'emicrania) e visita oculistica completa (recente) risultano tutte nella norma, e non hanno evidenziato alcun tipo di problematica.
Il problema è il seguente: già dagli esordi dell'emicrania con aura, mi capita talvolta di vedere delle macchie (simili a quelle che rimangono impresse sulla retina dopo l'esposizione al flash di una macchina fotografica) che tuttavia sono visibili SOLO sbattendo le palpebre oppure cambiando visuale, dallo scuro al chiaro (le macchie le vedo solo su superfici chiare, ad esempio il cielo o un monitor).
Tali macchie si fanno vive solitamente in circostanze di stress (ad esempio notte insonne), e normalmente vanno via dopo un giorno, dopo aver dormito la notte. In una occasione mi sono durate per 3 giorni, mentre ora che scrivo le ho da 4 giorni (precisamente all'occhio sinistro, ma solo nel caso attuale, in passato le ho avute anche al destro). Preciso che le macchie in questione sono fisse, nel senso che sono sempre nella stessa posizione rispetto al punto in cui guardo.
Sono persona piuttosto ansiosa, e sto attraversando un periodo di discreto stress. Vi chiedo: è possibile che tali macchie siano dovute alla condizione di emicrania con aura? Vi pare un sintomo preoccupante? E secondo voi, esistono limitazioni da osservare mentre le vedo? Ad esempio niente attività fisica, studio al computer e simili?
Ringraziandovi, porgo cordiali saluti ed auguri di buone feste.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Paziente,
l'aura visiva prodromica di una emicrania, sia sotto forma di scotoma positivo (ad esempio scintillio o spettri di fortificazione) sia negativa (come macchia o deficit del campo) è per definizione fugace. Ossia, risolto il fenomeno aurale regredisce completamente. Credo che la completa tranquillità potrà averla magari effettuando qualche indagine più approfondita in campo oftalmologico. Nel frattempo continui la sua vita regolarmente.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 494XXX

La ringrazio molto. Buone feste!
Cordialmente,
M