Utente 507XXX
Gentili medici, vi scrivo riguardo a dei sintomi che avverto e di cui noto la presenza già da molto tempo.
Il problema principale è una lieve/media difficoltà nel linguaggio, che spesso si espande anche durante la lettura (invertire le parole, bloccarmi durante la lettura).
Nello specifico, capita spesso che io sbagli la pronuncia di qualche parola, inverta le lettere delle parole, oppure mi blocchi durante un discorso, come se non fossi in grado di continuare. Inoltre, a questo si aggiungono anche dei "vuoti di memoria", ovvero non ricordo quale parola dovrei usare o come si chiama una determinata cosa di cui dovrei parlare.
Come se non bastasse, sono soggetto anche a una differenza di dilatazione delle pupille tra l'occhio sinistro e l'occhio destro. Ciò però avviene solamente in presenza di luce. Quando la luce è scarsa e le pupille sono completamente dilatate, questa differenza non è presente.
Ricordo di "soffrire" di questi problemi già da parecchio, 2 anni all'incirca, ma non ci ho mai fatto molto caso poiché i sintomi erano saltuari, a volte presenti, a volte no. Ad esempio, il problema nel linguaggio era concomitante con il mal di testa. Ora, tuttavia, ho queste difficoltà anche in assenza di emicrania, il ché mi preoccupa abbastanza.
Sapendo che questi possano essere i sintomi di una grava malattia, a breve prenoterò una RMN encefalo con successiva visita neurologica, ma nel frattempo vorrei avere un parere in merito.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

alla Sua giovanissima età spesso queste problematiche hanno un’origine ansiosa, tuttavia è giusto approfondire il caso mediante visita neurologica ed eventuali esami diagnostici che il collega potrebbe richiedere, per es. una RM encefalica. Utili anche i test neuropsicologici che indagano le varie facoltà cognitive (memoria, attenzione, concentrazione, ecc.)

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 507XXX

La ringrazio per la risposta.
In merito all'anisocoria cosa può dirmi?
Vorrei anche aggiungere un altro disturbo di cui ho scordato di fare menzione. Noto che ultimamente ho un'alta incidenza di sogni lucidi e paralisi del sonno, cose che prima d'oggi non ho mai avuto. Pensa che questi disturbi possano essere legati alle stesse problematiche del linguaggio?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

esiste un’anisocoria fisiologica che deve essere valutata dallo specialista e un’anisocoria temporanea da cause sconosciute.
Quest’ultima potrebbe avvicinarsi al Suo caso.
Comunque è un elemento che andrebbe sempre indagato, l’esame più appropriato è la RM encefalica con sequenze angiografiche. Ne parli col neurologo però.
Riguardo i disturbi del sonno spesso hanno un’origine ansiosa.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro