Utente 200XXX
Buona sera...
Inizio con il dire che sono una ragazza di 25 anni non sono sposata lavoro e vivo con i miei...
Circa un anno fa e più ho iniziato ad accusare vari sintomi tra dolore alla pelle senso di gonfiore e bruciore alle gambe non riuscivo a camminare bene avevo le braccia pesanti non riuscivo a sollevare niente... Poi scompaiono x un mesetto poi si presentano tremone instabilità a camminare stanchezza depressione non riuscivo a fare niente.
Poi passa tutto a giugno poi vengo ricoverata x calcoli ma avevo questo dolore al lato sinistro che persiste a anche se il rene stava bene e così continuano stanchezza dolori alle gambe avevo i piedi in fiamme dolori alla schiena.. Sentivo come lampi alla testa e alla schiena che mi bloccavano il respiro vista doppia solo al lato sinistro vista sfocata senso di stordimento... Poi a novembre faccio una rm alla schiena e mi trovano tra la t11 e t12 un ernia voluminosa con impronta sul midollo e radici di cauda equina...
X tutto il mese di ottobre novembre e metà dicembre sono stata male circondata da questi sintomi che mi facevano cedere. Mi hanno dato a dicembre cortisone e pastiglia x 15 giorni senza nessun effetto... Ora mi sento meglio ma solo xk i sintomi sono andati via da solo.
Sono sempre più stanca di questi attacchi che vanno e vengono durano due tre mesi poi vanno via ma poi ritornano... Cosa dovrei fare? Questi dolori quando si presentano mi buttano a terra sono quasi inavidanti xil mio lavoro i tremori la vista il non camminare bene creano intoppi nel quotidiano ma non capisco xk vanno e vengono ogni volta sempre più forti

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Paziente,
nella sua anamnesi viene citato un elemento che deve essere tenuto in massima considerazione e mi riferisco all'ernia che lei dice che comprime midollo e cauda equina. Tuttavia questo pur potendo giustificare la debolezza motoria, i dolori alla schiena ed alle gambe non corrisponde interamente alla sua realtà clinica (...vista sfocata e senso di stordimento). Il mio suggerimento è di rivolgersi subito ad un Neurochirurgo che valuti attentamente la situazione ed indichi cosa è veramente appropriato fare.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 200XXX

Grazie dottore per la sua risposta...
Il neurochirurgo mi aveva dato una terapia di 15 giorni a dicembre e nel fiore dei miei 25 anni ha ritenuto che l operazione fosse l'ultima spiaggia anche se anche lui stesso a detto che c'era bisogno di un'operazione..
Mi è stata prescritta dal medico di base una risonanza magnetica a cervello e tronco encefalico e una risonanza magnetica alla rachide cervicale...
La schiena si spezza ogni giorno per i dolori mi aveva vietato di andare a lavorare perché ho bisogno di riposo non statuario ma senza fare pressione sulla schiena. Ma aihi me non sono fatta x stare a casa, cmq dottore l'altro ieri sono stata bloccata non riuscivo ad alzarmi dal letto avevo la gamba destra debole e mentre ero seduta sentivo il linguine sinistro addormentato avevo dolori inimmaginabile sono andata al pronto soccorso x vedere se potevano cmq darmi qualcosa x i dolori ma non mi hanno fatto e dato niente mi hanno mandata via... Il cortisone non fa effetto e ne anche le semplici punture...

[#3] dopo  
Utente 200XXX

Continuo...
La stanchezza si fa sentire sempre di più ogni lavoro x me diventa pesante ma la mia forza di volontà non mi abbandona mai.
Purtroppo ci sono giorni dove sono costretta a trascinare le gambe xk quasi ho difficoltà a muovere...
Quello che non capisco io è xk vanno e vengono... Ed ogni volta sono peggiori queste ricadute...

Grazie dottore aspetto una sua risposta..

[#4] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Paziente,
con molta franchezza, la sua è una condizione clinica sulla quale occorre fare estrema chiarezza, perché una sindrome della cauda equina, quando si realizza, può anche essere di una certa severità. Non ha detto, poi, se ha già fatto indagini funzionali, del tipo di EMG o Potenziali Evocati, che chiarirebbero l'eventuale grado di coinvolgimento delle radici e/o del midollo.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#5] dopo  
Utente 200XXX

Grazie per la celere risposta
No ancora non mi è stato proposto nessuno di questo esame ora aspetto le rm del cervello e della cervicale per poi consultare un neurologo e un neurochirurgo...
Mi sono dimenticata di dirle che trovo difficoltà a tenere gli occhi chiusi mi spiego bene per fare la doccia devo prima lavare i capelli stando in ginocchio e poi lavare il corpo xk non posso tenere gli occhi chiusi mentre mi insapono i capelli per via della mia perdita di equilibrio molto evidente... Cmq appena farò gli esami le farò sapere... Grazie dottore mi ha delucidato un po' di cose

[#6] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Sono contento.
Cordiali saluti
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#7] dopo  
Utente 200XXX

Gentile dottore
Vorrei un suo parere ho fatto la RM Encefalo e rachide cervicale... Prima di andare via chi mi ha fatto la risonanza ha detto TRANQUILLA SAI APPOSTO NON C È NIENTE... a fine settimana dovrei avere i risultati però vorrei capire se è possibile possibile cmq subito su due piedi dare un referto cmq senza aver accuratamente controllato le immagini... Guardi per me ben venga ma vorrei capire cmq perché allora tutti questi sintomi ora mai mi arrendo all'idea che siano psicosomatici altro non so che pensare...
Per il resto il sintomo che va e viene è l intorpidimento dalla zona intima mentre cammino o anche mentre sono stesa però va e viene ...
Dovrei fare la visita dal neurologo ma se la RM è negativa sinceramente non trovo la necessità più...
Scusi lo sfogo ma sono stanca di tutto ora mai.
Se può gentilmente rispondere la ringraziio

[#8] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Mia cara giovane paziente,
Accolgo con molta comprensione il senso di frustrazione che immagino stia provando nella sarabanda di indagini e pareri.
Il sospetto che si può postulare, sulla scorta di quanto ha di recente riferito, è che possa essere implicato il nervo pudendo nella patogenesi del fenomenologia descritta. Ciò potrebbe richiedere un indagine elettromiografica specifica a carico del pavimento pelvico. Ovviamente siamo nel campo delle mere ipotesi essendo in un consulto online, spero comunque di averle dato indicazioni utili.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#9] dopo  
Utente 200XXX

Questa è la risonanza encefalo e ervicale

IV ventricolo in asse, con regolari caratteristiche morfovolumetriche.
Si segnala una moderata discesa delle tonsille cerebbellari nel forame magno quantificabile in 6mm a sin e poco più di 8mm a dx, ma in assenza di sicura verticalizzazione dei folia cerebellari, non alterazioni di segnale del tessuto cerebellare e del tronco encefalo.
Sistema ventricolare sopratentoriale in asse, con regolare morfolumetria, non alterazioni morfologiche e di segnale del tessuto cerebrale.
Regolarmente apprezzabile il segnale di vuoto di flusso dei grossi vasi intracranici arteriosi e venosi.
Regolarmente rappresentati gli spazi liquorali in fossa cranica posteriore ed in sede sopratentoriale, sia al vertice che alla convessita.
Rettilineizzazione della fisiologica lordosi cervicale, lieve debordamento dell'anulus in c6-7.
Regolare la morfologia ed il segnale del midollo, apprezzabile sino a D4-5



Aspetto una sua risposta quanto riguarda Que questo referto e cosa dovrei fare grazie...
Distinti saluti

[#10] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Adesso forse si riesce a comprendere qualcosa di più nel contesto di questa sua sindrome neurologica. Dal referto della Risonanza è stata rilevata una discesa delle tonsille cerebellari, che configura la cosiddetta Chiari 1. Alla luce di questo reperto, ho riletto la sintomatologia che lei ha riferito nel corso dei vari interventi e che potrebbe comunque essere riferita a questa condizione.
Pertanto le suggerisco di parlarne con il Neurologo cui si è rivolta, perché è necessario valutare la situazione sotto il profilo clinico ed eventualmente integrare l'indagine RM.
Caso complesso ed interessante.
Mi informi del prosieguo.
Cari saluti
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#11] dopo  
Utente 200XXX

Grazie dottore
Le farò sapere anche se non ho ancora un neurologo ...
Vorrei solo capire quello che ho potrebbe peggiorare o potrebbe rimanere stabile come situazione???
Perché io tutti i sintomi che le ho scritto qui sopra sono iniziati un anno e mezzo fa dopo di che ho scoperto la cauda equina l'ernia al disco che poggia sul midollo e ora questo...
Nell'insieme direi che sono messa maluccio però grazie a dio niente di grave...
La ringrazio dottore e mi faccia sapere