Utente 470XXX
Gent.mi dottori, sono una donna di 32 anni,
Lunedì notte dopo una giornata in cui ho dovuto affrontare un brutto litigio con i vicini, sono andata a letto presto, e nel lettone ho coricato mio figlio piccolo perché fortemente raffreddato, non sono riuscita a dormire subito, ma quando mi sono addormentata sono stata in una posizione scomodissima tanto che verso le 3 di notte mi sono svegliata impaurita perché il braccio destro si era completamente addormentato, sono rimasta sveglia poi ho provato a riaddormentarmi sempre in dormi veglia perché avevo paura di non sentire il bambino perché raffreddato e con molto muco, è a questo punto in questo sonno leggero ho accusato una sensazione orribile, in cui volevo aprire gli occhi ma in realtà non ne ero capace neanche di muovere un arto, quando è passata questa fase mi sono ripresa, mi era capitata 2 altre volte una sicura la scorsa estate. Girando sul web ho letto che potrebbe trattarsi di paralisi notturna è vero? Sono pericolose? Vi prego aiutatemi ora sono terrorizzata ogni volta che vado a dormire

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

la paralisi nel sonno è una condizione assolutamente benigna e priva di pericolosità. In molti soggetti si manifesta anche con una sensazione di impossibilità a respirare ma in realtà è solo una sensazione perché la respirazione si svolge in maniera assolutamente normale.
Stia tranquilla.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 470XXX

Grazie mille dottore per la celere risposta, quindi la mia esperienza è stata una paralisi notturna vero?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

dalla Sua descrizione sembrerebbe una paralisi del sonno però, a distanza, non è possibile fare diagnosi n dare certezze.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 470XXX

Ancora grazie,ma per ora posso stare tranquilla? Quando mi devo preoccupare?

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

a mio avviso non c’è nulla di preoccupante, soltanto se il disturbo dovesse ripetutamente manifestarsi sarebbe opportuno effettuare una visita neurologica o rivolgersi ad un centro del sonno considerato che online non è possibile fare diagnosi.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 470XXX

La paralisi notturna è solo un disturbo del sonno o si collegano a patologie neurologiche degenerative visto che mi consiglia nell'eventualità una visita neurologica?
Quanto dovrebbero essere frequenti per richiedere approfondimenti?

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la visita neurologica l’ho consigliata non perché sospetti una malattia neurodegenerativa ma solo per avere o meno conferma dell'ipotesi avanzata a distanza perché questa non può essere una diagnosi che è vietata a distanza.
La frequenza? Non c’è una frequenza precisa, diciamo se si manifesta più volte in un mese.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 470XXX

La ringrazio molto dottore per avermi risposto e tranquillizzata non poco. Parlando con mia madre mi ha detto che anche lei quando era più giovane ha avuto questi episodi che le si presentavano frequentemente quasi tutte le notti.

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro