Utente 539XXX
Salve, vi ringrazio in anticipo e mi scuso ma sono davvero stanca e sconvolta.
È circa un mese che ho un senso di congelamento all’orecchio, alla testa, e adesso anche a spalle e gambe.
Tutto è iniziato con un dolore all’orecchio, così mi sono rivolta a un otorino. A parta un lieve calo dell’udito, l’otorino mi ha detto che è tutto a posto, timpano, ecc ecc.. così mi ha consigliato di fare una tac. La tac è risultata fortunatamente priva di alcuna problematica.
Adesso, sto pensando sia il famigerato nervo trigemino. Scusate l’ignoranza, ma dalla tac, se fosse il trigemino si sarebbe visto? Oppure no? La risonanza non posso farla perché ho una protesi in ferro ad una gamba. Io non ho né scosse, tantomeno dolore.. ma un senso di testa congelata continuo che mi sta rovinando la vita. A volte mi scende la vista dal lato sinistro ed il freddo mi scende dal naso fino a raggiungere la bocca. E sento stringimento alla gola. Ma il fastidio costante e sempre presente è questo maledetto freddo alla testa che mi sta destabilizzando. Tutto ciò mi si concentra sul lato sinistro del viso, mentre la testa nella totalità, in special modo sulla nuca. Congelamento della nuca.
Leggendo su internet mi spavento ancora di più, vado dalla cefalea, al nervo facciale, da malattie a semplice ansia; ma non sono un tipo ansioso, anzi..
A chi posso rivolgermi?
Cosa posso fare?
Scusate ma sono davvero sconvolta! Vi ringrazio ancora e attendo risposta.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

la Sua sintomatologia è alquanto atipica e poco usuale a riscontrarsi. Già l’esito negativo della TC encefalica è un’ottima notizia. Mi pare però che non abbia ancora effettuato una visita neurologica per cui La inviterei a farlo.
In generale Le posso dire che un sintomo psicosomatico non presuppone la consapevolezza di essere ansiosi, ovviamente non mi riferisco esclusivamente al Suo caso che non conosco ma in generale.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro