Utente
Buonasera a tutti.

Sono un ragazzi di 25 anni e cercheró di spiegare il mio problema spero di essere chiaro.

All’età di 13 anni durante una partita di calcio mi viene la prima emicrania con aura.
Da li la mia vita cambió sempre in peggio.

A 15 anni anni ho dovuto smettere di giocare a calcio perchè questo episodio mi prendeva quasi unicamente dopo lo sforzo di una partita o corsa.

Ma l’episodio peggiore mi venì all’età di 16 anni quando in un apparente serata tranquilla si trasformo in un incubo ovvero vertigini senso di confusione e ovviamente tanta ansia.

Da li l’ansia e le vertigini mi hanno accompagnato tutt’ora e non ho mai risolto il problema.
Feci risonanze all’encefalo al rachide cervicale (mi trovó solo un retteilinizzazione del rachide cervicale) ma comunque niente, otorini neurologi fisioterapisti etc etc.

Queste vertigini senso di sbandamenti tensione sopra gli occhi non sembrano mai migliorare e con il tempo ho un dolore dietro al collo cervicale dove sono sicuro sia tensione muscolare dovuta penso proprio all’ansia.
L’unico periodo migliore è stato quando assumevo Entact 5 gocce per 6-8 mesi nonostante non ero guarito stavo comunque meglio.
Ammetto di aver paura di poter ricominciare a prendere quel farmaco ma non vedo altre soluzioni.
Inoltre trovo un peggioramento dei sintomi nelle situazioni che mi creano più ansia e cè poca luce.
Discoteche luoghi affollati... io ho paura di avere qualcosa di grave e mi sento l’unico a dover vivere cosi.
Ho provato anche psicologi con scarsissimi risultati.
Tutta colpa dell’ansia?

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Per l'emicrania con aura ci sono specifici trattamenti sia curativi che preventivi. Rinunciare a uno sport che le piaceva per paura di attacchi emicranici non è stata una scelta razionale, probabilmente è stato mal consigliato.
Per i disturbi probabilmente di natura ansiosa che descrive il medico di riferimento è lo psichiatra. Ci sono terapie farmacologiche efficaci, se assunte sotto controllo medico, a dosi adeguate e per periodi di tempo prolungati. Se alla sospensione i sintomi si ripresentano, vuol dire che non è ancora tempo di sospenderli. Anche una psicoterapia di tipo cognitivo può essere utile, non da sola ma in associazione. Questo perché ha una lunga storia clinica di sintomi ansiosi e non è facile né ridurli né imparare a gestirli.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottoressa,
La ringrazio per la sua risposta.
L’emicrania con aura si potrebbe anche curare in caso? Se si con quale tipologia di farmaco?

Infine Entact è un farmaco indicato nel mio caso? Sembra l’unico ad aver agito in maniera positiva.

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Certo che l'emicrania si può curare. Lo specialista è il neurologo, che sceglierà la terapia in base a vari parametri, tra cui il tipo di episodi e la loro frequenza.
Se l'entact ha funzionato, è probabile che sia indicato per i suoi disturbi e lo deve riferire allo psichiatra.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente
Potrebbe esserci qualche problema cardiologico con l emicrania con aura? In quanto Le mie crisi vengono dopo una corsa, calcio o tennis. Io ho trovato giovamento eliminando la cioccolata come alimento. Le mie crisi sono 1-2 ogni 2 anni ma semplicemente perchè ho smesso di giocare a calcio altrimenti mi prenderebbe molto più spesso...