Utente
Gentili dottori, sul foglio illustrativo del farmaco lirika tra gli effetti collaterali non comuni che possono verificarsi in Non piu di una persona su 100 sono presenti: "secchezza agli occhi, gonfiore agli occhi, irritazione oculare etc... " Dopo 4 mesi dalla prima assunzione, a fine Marzo, iniziai a notare un gonfiore alle palpebre e sensazione di punture all`interno dell`occhio ma pensavo fosse semplicemente stanchezza o il fatto che non mettevo essendo miope gli occhiali da vista quando ero fuori casa.

A maggio feci un trattamento alle ciglia e questi sintomi peggiorarono con diagnosi di blefarite e occhio secco.

Mi sono chiesta quindi e possibile che sia stato il lirika la causa principale di questi disturbi?

Gli effetti collaterali possono presentarsi anche mesi dopo?

Vi ringrazio in anticipo per la vostra disponibilità...

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non è possibile dare una risposta univoca, infatti non si può stabilire con certezza se i sintomi menzionati si possano attribuire al farmaco o siano indipendenti da questo.
Diciamo che è possibile ma non possiamo escludere una coincidenza.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore la ringrazio per la sua risposta. Ma se cosi fosse, se è il farmaco ad avermi causato questo problema , qualsiasi cura faccio sara inutile? O potro comunque guarire e continuare a prendere il farmaco?

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Un effetto collaterale di un farmaco può ridursi o non manifestarsi più nel tempo continuando ad assumerlo, tuttavia anche queste sono delle variabili altamente individuali.
Se un eventuale effetto collaterale diventa fastidioso o addirittura non tollerato solitamente si sostituisce il farmaco.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottore, la ringrazio tanto per la sua risposta e per la disponibilità. Se non potessi sostituire il farmaco? Io soffro di dolore cronico e questo e l`unico farmaco che mi fa stare meglio. In passato ho provato il laroxyl ma senza alcun beneficio e poi il cymbalta che dovetti subito sospendere perche non lo tolleravo. Se lo sospendessi tornerei ad avere dolori atroci. Se fosse davvero il farmaco il problema come posso trovare una soluzione?

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

un’alternativa c’è, il Suo neurologo la conosce benissimo, sempre restando tra gli antiepilettici attivi anche sul dolore neuropatico, per es. il gabapentin.
Ovviamente ne deve parlare col collega che La segue.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro