REFERTO RMN ENCEFALO

Buongiorno,
mi chiamo Francesca ho 46 anni vorrei chiedere cortesemente un Vs.
parere:
Esame eseguito su apparecchiatura a basso campo magnetico.

In asse le strutture della linea mediana.

Ventricoli laterali e spazi liquorali periferici nei limiti, con simmetria conservata.

Lieve incremento degli spazi perivascolari a livello nucleo-capsulare su ambedue i lati.

Si rilevano a livello parete occipitale sinistro alterazioni del segnale con aspetto ipointenso nelle sequenze FLAIR e T2, con morfologia ovalare ed alcuni aspetti serpiginosi
il reperto e' correlabile in prima battuta con MAV, ma si consiglia approfondimento con macchina ad alto campo magnetico, o eventuale angio-TC.

Nei limiti il corpo calloso e la giunzione cranio-cervicale.

Contenuto sellare nella norma.


Ecco sono molto spaventata... cosa puo'essere?
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Signora Francesca,

alla RM encefalica il neuroradiologo ha interpretato l'alterazione riscontrata come possibile MAV, cioè una malformazione artero-venosa che è un’anomalia vascolare in cui le arterie, spesso di calibro superiore alla norma, scaricano direttamente nelle vene saltando il passaggio dai capillari.
Ovviamente deve approfondire il caso mediante gli esami consigliati dal radiologo rivolgendosi ad un neurochirurgo.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buonasera ok capisco,
Questa malformazione potrebbe richiedere un intervento chirurgico?
Ho letto su internet che queste malformazioni sono rischiose se scoppiano
Sono spaventata perché ho un bimbo piccolo di 5 anni che ha ancora tanto bisogno della mamma...
Sto andando adesso a fare la Angio- tac con contrasto..chissà se vedono qualcosa subito
Grazie mille
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Signora,

non si faccia prendere dall’ansia, sempre nell’eventualità che venga confermata l'ipotesi MAV avanzata dal radiologo, si tratta di situazioni tranquillamente risolvibili mediante approcci che possono essere diversi secondo la sede, l’estensione della malformazione e l’età del paziente.
Il piccolo di 5 anni avrà la mamma per cento anni ancora

Cordialmente

Dr. Antonio Ferraloro

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dottore la ringrazio tanto per il suo consiglio la dottoressa che mi ha fatto l'angiotac ha guardato il dischetto della risonanza e ha detto che si vede proprio che è una malformazione quindi mi ha detto che adesso comincia tutto un iter per me andare subito da un neurochirurgo urgentemente appena ho esito della angiotac Poi sicuramente dovrò fare una angiografia Insomma mi sono messa a piangere Ecco e la ringrazio perché queste sue parole mi hanno comfortato molto...anche perché con queste malformazioni si rischia emorragia cerebrale ecc..
Comunque è il mio oculista che meno ha prescritta x un problema di aurea del campo visivo praticamente ogni tanto mi capita che mi si appanna l occhio destro mi dura circa un ora poi mi prende un dolore a sinistra nella testa
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Signora,

poi quando avrà il referto, se avrà piacere, potrà postarlo, nel frattempo prenda l’appuntamento dal neurochirurgo.
Vedrà che si risolverà tutto per il meglio.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#6]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Dottore,
sono andata a ritirare il referto della mia Angio-Tac Encefalo e purtroppo mi sono spaventata ancora di piu' e non ci capisco niente ma secondo me la cosa e' molto grave:

AngioTC del Circolo Arterioso Intracranico con mdc (Iomeron, 40 ml)
In sede occipito-polare sinistra, si osserva malformazione artero-venosa caratterizzata da nidus superficiale cortico-sottocorticale di circa 16 mm di diametro assiale massimo,con apporto arterioso apparentemente dalla ACP di sinistra e da un'arteria superficiale, verosimile ramo della ACM omolaterale, entrambe ectasiche e tortuose. Il drenaggio venoso appare essere prevalentemente rappresentato da una vena corticale che si esaurisce nel SSS.
Sono inoltre presenti almeno due malformazioni aneurismatiche, l'una (4 mm) apparentemente sul versante arterioso, l 'altra (11 mm) lungo la principale vena corticale di drenaggio.
Si consiglia approfondimento diagnostico mediante angiografia e valutazione specialistica
neurochirurgica urgente.

ecco Dottore lei riesce ad anticiparmi qualcosa?
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Signora,

deve seguire le indicazioni che Le hanno dato, queste sono condizioni che si risolvono positivamente, ovviamente capisco la Sua preoccupazione ma andrà tutto bene.
Per dare un parere attendibile è necessario vedere accuratamente le immagini dell'esame.
Un grosso in bocca al lupo!

Dr. Antonio Ferraloro

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test