Utente 340XXX
Salve. sono una ragazza di 25 anni. Dal mese di Gennaio ebbi vari fastidi motori e psichici. Anzitutto avevo sempre uno stato di ansia, tremori-scatti improvvisi e forti dolori alle ginocchia e agli stinchi che mi creavano problemi nel camminare. Feci esami del sangue, anche per mononucleosi e avevo i valori di memoria 222 e l'altro valore nel limite (18). Poteva esserci la possibilità che ormai fosse andata via da poco (?)
Inoltre, ho fatto una radiografia alla schiena che ha evidenziato una leggera scoliosi che a dir del dottore che mi visitò, era la causa dei miei dolori alle gambe.
Ho fatto ginnastica posturale per un mesetto e ho cercato di correggermi la postura nel camminare e in effetti tutto è andato meglio. Il mio istruttore mi ha fatto notare ginocchia valghe, gomiti pure e dita delle mani storte. Alchè essendo io molto paurosa mi sono posta mille domande e da quando ho letto i sintomi dell'artrite reumatoide è la fine. Sento dolori alle dita, al braccio e alla gamba destra.

Ho effettuato una visita neurologica a Febbraio - Marzo che ha riscontrato solo forte stress e ha escluso ogni eventualità per malattie tipo SLA o sclerosi multipla. Una malattia come l'artrite reumatoide, può essere diagnosticata anche da un neurologo per poi approfondirla con il reumatologo o non c'entrano nulla?

Ho fatto mille visite per ogni cosa. Sono diventata ipocondriaca e lo riconosco. I dolori alle ginocchia invalidanti di cui ho scritto non li ho più. Svolgo un lavoro sedentario ma cammino molto per arrivarci (e male, perchè cammino di corsa e "calciando", mi hanno fatto notare).

Grazie a chiunque, abbia letto fin qui.
Cordialmente

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

nel corso di una visita neurologica potrebbero essere messi in evidenza dei segni clinici, per es. tumefazione articolare, che potrebbero generare un sospetto diagnostico nello specialista che pertanto provvederà a consigliare una visita reumatologica. In assenza di segni evidenti, invece, si può basare soltanto su ciò che Lei riferisce (anamnesi).

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 340XXX

La ringrazio per la risposta Dottore. Ho dimenticato di scrivere che la mia scoliosi è modesta, destro convessa e ho spianamento della lordosi cervicale. In pratica invece di avere le vertebre a c le ho diritte. Ho una postura del tutto sbagliata quando cammino, quando sto seduta, in piedi. Quando feci ginnastica posturale ho notato di avere anche una muscolatura per niente sviluppata.

Sono magra e svolgo un lavoro ipersedentario di ufficio e per 8 ore sono solo seduta e mi alzo a stento per andare al bagno. Cammino molto solo nel tratto casa- lavoro e viceversa. In questi giorni i doloretti agli stinchi e alle ginocchia sono ritornati. Ho già prenotato una visita ortopedica. Anche se un ortopedico on line, mi ha spaventato perché dice che il campo forse è più reumatologia che ortopedia. Il mio personal trainer che era anche fisioterapista confermò che era la postura a farmi avere i dolori, perchè gravavo sulle ginocchia. E non sviluppando correttamente i muscoli nei movimenti li ho poco tonici. Ed infatti agli inizi la ginnastica era una tortura in fase distensiva. Successivamente invece, era diventata un benessere di cui non potevo fare a meno. E gli stessi dolori, sparirono.

Leggo che l'artrite può essere degenerativa ma leggo anche che all'inizio i dolori vanno e vengono ed è questo, associato alla mia ipocondria, a destarmi sospetti, dubbi e paure. E se mi sono permessa di scrivere in questa categoria è perchè, in virtù di questa precedente visita neurologica, molto scrupolosa, volevo sapere se era possibile rimandare a reumatologo o se, può essere che il neurologo purtroppo non si accorga di nulla. I riflessi erano perfetti. Le articolazioni sono state flesse e toccate.

Io la ringrazio ancora per la gentilezza.
Cordialmente.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Un'artrite reumatoide in fase preclinica ovviamente non da segni caratteristici alla visita medica in generale, non solo a quelle specialistiche.
Dai nuovi elementi che ha riferito probabilmente lo specialista di riferimento potrebbe essere il fisiatra.
Le ricordo che l'attività fisica resta fondamentale, almeno da quello che ha scritto sopra (regressione dei dolori in seguito ad attività fisica).

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 340XXX

Certo, mi rendo conto che data la particolarità di questa malattia, in fase preclinica potrebbe essere difficile diagnosticarla.
Ho prenotato una visita ortopedica per Lunedì prossimo, sperando il minor male possibile. Le faccio un'ultima domanda tecnica: possibile che una visita ortopedica in un centro anche convezionato, costi solo 20 euro? Sarà una visita a tutti gli effetti o solo un consulto?

Cordialmente.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Evidentemente paga solo il ticket.
E' ovvio che se si tratta di un centro serio sarà una visita a tutti gli effetti.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro