Utente 947XXX
Gentili dottori,
sono al quarto mese della mia seconda gravidanza e circa una settimana fa mi è stata diagnosticata una maculopatia miopica con piccola emoraggia maculare subetinica. Ho subito prenotato in un centro di eccellenza dove però mi hanno detto che la maculopatia non è tale da dover ricorrere alla terapia di punture, i cui effetti sul feto ancora non si conoscono. Mi è stato detto di fare controlli ogni mese e nient'altro. Posso stare tranquilla? Su internet ho letto molte cose (mi ero promessa di non cercare sul web, ma ho ceduto...) tra cui che la maculopatia andrebbe curata tempestivamente... il mio dilemma è se fidarmi della calma e tranquillità del dottore che mi ha visitata o se rivolgermi anche a qualche altro centro di eccellenza...

Le lascio la diagnosi che mi è stata fatta:

-OSV: 5/10 in uso, non migliorabile
-Amsler: OD neg, OS scotoma, non meta
-FOS: in regione foveale area grigiastra sottoretinica, apparentemente non rilevata, senza edema

La ringrazio per l'aiuto.

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, aspetti di terminare la gravidanza, semmai eviti il parto naturale, nel frattempo faccia controlli frequenti (bimensili).

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#2] dopo  
Utente 947XXX

La ringrazio!
Ancora qualche domanda... mi hanno detto di evitare sforzi... il mio bambino pesa 13 kg, devo evitare di prenderlo spesso in braccio o non è classificabile come sforzo che può far peggiorare le cose? C'è qualcosa che posso fare a livello di alimentazione? C'è qualcosa che in generale devo evitare per non far peggiorare le cose?

Grazie ancora :)

[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Eviti solamente sforzi bruschi. L'alimentazione è quella normale , monitorizzi semplicemente la situazione con controlli periodici.

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo