Utente 360XXX
Buongiorno,
ho deciso di rivolgermi a questo forum perché non avendo ottenuto alcuna risposta esauriente da i medici che ho contattato, desideravo sapere se esisteva una causa a questo mio disturbo.
Ho 44 anni e ho iniziato a portare gli occhiali all'età di sette anni, sono arrivata alla soglia dei 40 anni con una correzione per ogni occhio di -12.00 con un leggere astigmatismo.
Tre anni fa mi hanno operato agli occhi di cataratta, (uno era necessario, il destro, l'altro per sistemare l'equilibrio tra i due occhi)....dopo qualche mese dall'intervento capitava spesso che perdessi la vista dell'occhio destro, (come se fosse appannato), per qualche ora o al massimo delle mezze giornate provocandomi anche del dolore.
L'anno scorso, in questo periodo, durante una festa mi sono ritrovata con l'occhio destro del tutto opaco che mi è durato per molti giorni.
(Durante la festa avevo sollevato mio figlio di circa 24 kg.)
Sono andata dal mio oculista che avevo contattato anche quando la vista andava e veniva, (al cui fatto aveva dato poca importanza), il quale mi ha mandato subito al pronto soccorso a fare un ecografia all'occhio, dicendomi che il bulbo era pieno di sangue..
da qui è iniziata la mia vera e propria Odissea: visite, ecografia, rivisite, anche da oculisti d'eccellenza, eppure nessuno mi ha saputo trovare né la causa, né tanto meno la soluzione a questo grave problema per una donna che lavora, madre di due figli ancora piccoli e con il bisogno di muoversi.
Dopo diverse settimane l'occhio aveva ripreso un po' ad "aprirsi" ma non ho mia più rivisto come vedevo prima del fatto....inoltre durante l'anno è successo che l'occhio mi si appannasse nuovamente diverse volte per poco tempo.
Ora, dopo che mio figlio mi ha accidentalmente lanciato nell'occhio offeso il telecomando, (ma non so se è stata questa la causa), mi ritrovo da una settimana con il medesimo problema dell'anno scorso, sono giorni che non vedo e sono disperata.
Spero solo che Vi sia capitata una situazione similare per potermi dare una risposta.
Vi ringrazio in anticipo.
B.

p.s. soffro anche di pressione dell'occhio, ma per questo disturbo prendo delle gocce.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
per piacere mi chiarisca
le hanno diagnosticato una emorragia sottocongiuntivale o un emovitreo?

se e’ Emovitreo:
un’emorragia cioè' nel corpo vitree o le allego un mio appuno presente su MEDICITALIA



L'EMOVITREO e' una affezione molto tipica caratterizzata dalla presenza di una emorragia nel vitreo.

La raccolta ematica (di sangue) all'interno del corpo vitreo puo' riconoscere diverse cause

rottura di vasi retinici normali (distacco di vitreo post traumatico )
rottura di vasi retinici anomali o patologici (rottura di un angioma o di un aneurisma retinico)
rottura di neovasi retinici (retinopatia diabetivca proliferante, neovasi secondari ad occlusione venosa su base ischemica)
rottura di neovasi della coroide (degenerazione maculare legata all'eta' DMLE o AMD)
Il sangue entra nel corpo VITREO attraverso microlesioni dformando sacche emorragiche

di varia dimensione che impediscono di vedere la retina.

L'emoviteo non e' mai DOLOROSO.

Sintomi iniziali sono caratterizzati da miodesopsie con

riduzione improvvisa del visus o di un settore del campo visivo.

L' esame piu' utile in questi casi e' l'ECOGRAFIA BULBARE , seguito da un esame OCT.

Una emorragia vitreale puo' anche risolversi spontaneamente nel corso di qualche settimana

(a volte pero' anche mesi ).

in altri casi invece l'accumulo di sangue da luogo ad una reazione infiammatoria con i f

Fibroblasi che creano membrane epiretiniche.



Le forme croniche di EMOVITREO sono davvero piu' noiose e danno luogo a

membrane epiretiniche maculari e perimaculari
emosiderosi retinica
glaucoma




















TERAPIA EMOVITREO



Si utilizzano con cautela e molto giudizio farmaci antiemorragici :

bisogna valutare sempre molto bene le condizioni cliniche generali del paziente e non

guardare solo il problema oculare ).

Se l'emorragia e' associata a Distacco di Retina ,

bisogna fare un intervento urgente o in tempi comunque molto brevi.

LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333