Congiuntivite (?) dal 17 agosto 2020

Il 17 agosto mi sono svegliata con la palpebra dell’occhio sinistro molto gonfia (l’occhio stava aperto solo a metà) e l’occhio molto arrossato con secrezioni.
Il 18 mi sono recata dal mio medico di base, il quale mi ha suggerito di mettere Tobral collirio, ma al posto di quest’ultimo ho utilizzato Tobradex coll.

Il 28 agosto mi sono recata in oculistica in ospedale, e il dottore mi ha visitato.
SaOD: in quiete.
SaOS: lieve iperemia congiuntivale, follicoli e petecchie ai fornici, cornea trasparente fluonegativa, camera interiore in quiete e normo-profonda.
Terapia: Hyalistil, Betabioptal, Iodim e impacchi freddi.

9 settembre sono tornata in oculistica in ospedale ed a visitarmi c’era un altro oculista a visitarmi:
EO: ansicoria OD<OS.
MOE: conservata.
SaOD: in quiete.
SaOS lieve iperemia congiuntivale maggiormante ai fornici con papille, cornea trasparente fluonegativa, camera anteriore in quiete e normo-profonda.
FOO: papille ottiche rosee a limiti netti con rima conservata, con macule trofiche.
Terapia: Betabioptal e Naaxia + accertamento neurologico.
Ho effettuato la visita neurologica + RMN risultata negativa.

16 settembre: controllo, e c’era un altro medico ancora.
Controllo: OS: permane flogosi tarsale inferiorie con papille tarsali ++ in quadro di iperplasia linfoide.
Cornea ndr.
Terapia: Betabioptal e Iodim.

30 settembre: un ulteriore controllo siccome la situazione rimaneva la stessa e non avevo alcun beneficio, mi ha visitato ancora un altro oculista: SaOS: permane papille tarsali ++ in quadro di iperplasia linfoide, cornee indenne fluonegative, CA ampia ed otticamente vuota.
TOS: 18 mmHg.
FOS: esplorabile, no focolai corioretinici in atto.
Retina piana.
Terapia: Betabioptal e Iodim.

Dal 30 settembre l’occhio è migliorato, il gonfiore alla palpebra è sceso ma persisteva una leggera ptosi palpebrale e una lieve iperemia.
Verso inizio novembre mi è tornato un po’ di fastidio.

Il 24 novembre sono andata da un oculista privato a fare una visita:
SaOO apparato lacrimale: dislacrimia; congiuntiva: normoemica; cornea: trasparente; camera interiore: otticamente vuota: pupilla: lieve anisocoria a sx<dx rettiva alla luce; cristallino: trasparente, test R/V=R in OO.

SaOS palpebre: lieve ipertrofia dei follicoli tarsali, lieve ptosi.

Tensione endooculare: OD 15 mmHg; OS 16 mmHg.

Fondus oculi: FOS: papilla rosea a bordi netti; vasi: regolari per calibro e decorso; retina: macula in ordine.
Periferia retinica in ordine, non aree regmatogene.
Come terapia: Hyalistil Bio e Idroflog

Sto continuando l’ultima terapia, ma sto peggiorando, i sintomi ad oggi sono: secchezza oculare, quando lacrimo lacrimo meno dall’occhio sx, rare piccole scosse sulla zona coperta dalla palpebra mobile, iperemia congiuntivale, affaticamento alla palpebra e all’occhio, sensazione di corpo estraneo nella parte coperta dalla palpebra mobile, sensazione di calore attorno all’occhio, ptosi palpebrale, fotofobia, a volte dolore all’intero occhio, raro offuscamento vista da occhio sx.
[#1]
Dr. Giuseppe Davì Oculista 26 3 3
Buonasera

ho letto attentamente la sua lunga relazione inerente alle viste oculiste effettuate.
I disturbi da lei riferiti sono compatibili con una sindrome di occhio secco.
Consiglia pertanto approfondimento diagnostico con test specifici per escludere questa sindrome oggi molto frequente e molto debilitante.


Le lascio i nostri recapiti dello Studio di Valdobbiadene, via Garibaldi 246

Studio 0423-974141
cellulare Dott. Davì Giuseppe 335- 6051538

Grazie, cordiali saluti

Dr. Giuseppe Davì
info@chirurgialaser.net
http://www.chirurgialaser.net

La congiuntivite: quali sono le cause (batterica, virale o allergica) e i sintomi più comuni (occhi rossi, prurito, gonfiore). Come riconoscerla e come si cura.

Leggi tutto

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio