Utente 429XXX
Salve, sono una ragazza di 19 anni e scrivo per un consulto medico.
Da circa un anno pratico rapporti orali saltuari. L'ultimo a luglio.
Verso agosto cominciano a sorgere i primi problemi: prurito localizzato al monte di venere con successive crosticine che lasciavano spazio a un liquido inodore e incolore.
Nel mese di settembre ho avuto per sole due volte perdite intermestruali e problemi di meteorismo intestinale.
A metà settembre comincio ad avvertire bruciore intenso alla punta della lingua che non mi permetteva di parlare e comparsa di quelle che sembravano afte. Irritazione alle labbra interne e successivo rossore della mucosa orale.
Fin'ora gli esami che ho fatto sono:
visita ginecologica più ecografia trans-vaginale. Esito: sospetta microcondilomatosi
Altra visita ginecologica più ecografia trans-vaginale per via rettale
Esito: tutto nella norma. Fattori limitanti: meteorismo intestinale. Sospetta condilomatosi
Visita dermatologica. Esito:assenza di lesioni da HPV. Dermatite eczematosa zona Monte di venere da curare con applicazione di Gentalin Beta.
Altra visita dermatologica. Esito: assenza di lesioni da HPV. Papule perleacee e grani di Fordyce. Modesta cheilite.
Visita dentistica esito: stomatite aftosa. Applicazione di gel per afta e colluttorio medico.
Esami del sangue complete
Emocromocitometrico più formula
Esame hiv e sifilide
Ves
Esami urine
Tutto nella norma tranne peso specifico 1.035 e presenza di muco.
Al giorno d'oggi, a distanza di quattro mesi dall'ultimo rapporto orale, la situazione è la seguente:
Prurito Monte di venere
Punta della lingua urente
Mucosa orale arrossata
Lingua ruvida
Labbra gonfie ed arrossate internamente
Ma soprattutto...una macchia dal contorno rosso all'interno della guancia destra che cresce ogni giorno. Gengive a destra arrossate e cattivo sapore fra primo e secondo premolare parte destra.
Preciso che portò un bite la notte dopo aver portato un apparecchio fisso per anni e che non ho più avuto problemi intestinali o perdite intermestruali. Solo questi sintomi localiccazi alla bocca. In più stanno spuntando i denti del giudizio.
Possono questi sintomi essere riconducibili ad un problemi puramente di denti o la causa è da ricercare altrove?
Tutti gli esami sono nella norma
Dovrei fare un tampone linguale?
Sto facendo una cura di mycostatin consigliata dal medico ma la macchia non sparisce e le guancie risultano sempre arrossate così come le labbra interne.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Consiglio una biopsia della lesione mucosa orale,che può
eseguire in Clinica Odontoiatrica o in Clinica Dermatologica.
Buona Giornata
dr. L.De Socio

https://it.linkedin.com/in/luigi-de-socio-9bb60343
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 429XXX

La ringrazio per la risposta.
Ho dimenticato di dire che il dermatologo è stato sicuro nel dirmi che si trattasse di "trauma da risucchio"e che la macchia, che ripeto, non somiglia ad una eritroplachia o comunque alla maggior parte di ciò che ho potuto osservare su Internet, è apparsa subito dopo aver smesso di indossare il bite notturno e che ha margini ben visibili. Dentro non è rossa ma ha un colore normale. la mia preoccupazione subentra perché questa macchia sussiste. Alla luce di ciò e dell'emocromo, ves, esami di routine, hiv e sifilide nella norma è comunque utile suddetta biopsia?

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
La ritengo dirimente per escludere la eritroplachia,non penso
abbia rapporti col bite,se fosse una "morsicatura" avrebbe
altro aspetto di tipo ulcerativo.Diagnosi differenziale anche con
il lichen orale,percio' ritengo utile una biopsia.
Per la gengivite dovrebbe essere più particolareggiata,ma eseguirei una biopsia anche lì.
Buona Giornata

dr.L. De Socio

https://it.linkedin.com/in/luigi-de-socio-9bb60343
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 429XXX

La ringrazio.
Buona giornata

[#5] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Spero il consulto le sia stato utile.
Mi faccia sapere gli sviluppi.
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#6] dopo  
Utente 429XXX

Salve.
Come volevasi dimostrare si trattava solo di trauma da risucchio.
La macchia sta scomparendo in fretta.
Un'ultima domanda.
Per quanto riguarda bruciore di lingua e irritazione delle labbra, dopo gli esami eseguiti, c'è bisogno di altri controlli?
Preciso che sono una persona molto ansiosa e so che questo può giocare un ruolo fondamentale nel bruciore localizzato alla bocca

[#7] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
bene così, non credo siano necessari altri esami.
per il bruciore labbra e lingua mi sento di farle un ulteriore
addendum al consulto:
Il bruciore alla lingua può associarsi ad altre manifestazioni, come formicolio o intorpidimento, prurito, dolore più o meno generalizzato, gusto amaro o metallico e sensazione di bocca secca (xerostomia).

I fattori locali che favoriscono questa sintomatologia sono riferiti a lesioni o stati irritativi della mucosa del cavo orale. Il motivo più banale è l'ingestione di bevande o alimenti eccessivamente caldi, piccanti o acidi (es. limone, cedro e pompelmo); in questo caso, la sensazione fastidiosa può durare per alcuni giorni. Il bruciore alla lingua può associarsi, inoltre, al consumo abituale di tabacco, di alcool, di bevande che contengono caffeina (caffè e cola) ed altri stimolanti.

Tra le possibili cause locali sono da considerare le reazioni allergiche (alimentari o da contatto), le irritazioni meccaniche provocate da protesi incongrue, la discrepanza occlusale e le abitudini masticatorie viziate e parafunzionali. rappresentate dal bruxismo (cioè il digrignamento dei denti durante la notte) e dal serramento (che consiste nello stringere con forza eccessiva i denti)

Il bruciore alla lingua si può associare a reflusso gastroesofageo (quando è particolarmente severo può essere avvertito fino alla cavità orale), frequenti episodi di vomito, gastrite cronica, stomatite aftosa e infezioni a carico delle mucose, come la candidosi e l'herpes labiale. Talvolta, il bruciore si può manifestare nel contesto della lingua a carta geografica e del lichen planus orale.
Anche lo stress, le disfunzioni temporo-mandibolari, l'assunzione di alcuni farmaci, la terapia radiante o citostatica, la sindrome di Sjögren e le alterate funzioni delle ghiandole salivari possono contribuire al manifestarsi di tale sintomo. Tra le cause di origine sistemica rientrano anche il diabete, l'anemia sideropenica e la carenza di minerali e vitamine (B1, B2, B6, B12, acido folico e niacina).

Rimedi: corretta alimentazione,rimuovere cause accennate
prima,corretta igiene orale,colluttori antinfiammatori.
Buona Giornata

Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia